04/07/2009, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

East Java: musulmani bloccano la costruzione di una casa per bambini disabili

di Mathias Hariyadi
Gruppi islamici locali temono un “fronte” di proselitismo. La casa è stata progettata da un istituto secolare femminile molto noto che si occupa di bambini autistici, con ritardi mentali e con molteplici disabilità. Le consacrate affermano che nelle loro case tutti hanno le stesse attenzioni, a qualunque religioni appartengano.

 

Jakarta (AsiaNews) – La costruzione di una casa per bambini disabili è stata fermata con la forza da gruppi musulmani perché temono che essa serva per il proselitismo cristiano.

 

La casa stava sorgendo a a Junrejo nella periferia di Batu (Malang, East Java). Essa doveva accogliere bambini con autismo, ritardo mentale e disabilità, ed è un progetto a cura della Bakti Luhur Foundation (Blf), un’organizzazione no profit gestita da un istituto secolare femminile denominato Institut Sekulir Alma.

La costruzione aveva ricevuto tutti i permessi ed era iniziata, ma dal 19 giugno scorso i lavori sono stati fermati perché il sindaco della città, Eddy Rumpoko, ha revocato il permesso. Il giorno prima almeno 1000 musulmani hanno inscenato una protesta accusando l’istituto e la costruzione di essere il “fronte” di una ondata di proselitismo.

Sr Chatarina Sulasti, dell’Alma, ad AsiaNews ha negato tutte le accuse di proselitismo. “Come è possibile? La nostra presenza serve a facilitare i bambini in necessità e far loro riguadagnare una migliore qualità di vita. Nel curare i nostri pazienti noi non facciamo alcuna preferenza, qualunque sia la loro religione”. La suora, si è detta “dispiaciuta” per il fermo ai lavori riaffermando che il suo istituto serve la gente solo per motivi umanitari e di carità.

La protesta è stata organizzata dal Forum comunitario della fraternità musulmana (Fkui), guidati da un gruppo di leader musulmani della moschea locale An Nur. Il capo della Fkui, Soenarso Basuki, ha dichiarato che la loro opposizione è sorta perché la Blf non ha discusso il progetto con la gente locale. “In tal modo – ha detto – siamo divenuti sospettosi che ci fosse un piano segreto di proselitismo dietro la costruzione, tanto più che tutti i permessi sono stati approvati molto tempo fa, il 19 agosto 2008”.

La Fkui esige che per far avanzare il progetto, il cantiere deve assumere gente locale e che nella casa vi sia una stanza apposta per bambini musulmani con speciali necessità.

Nelle scorse settimane vi sono stati incontri fra rappresentanti della Blf e della Fkui, mediati dalle autorità locali, ma non vi è stato alcun risultato.

P. Heru Susanto, sacerdote locale della parrocchia di Batu, riafferma la bontà del progetto della casa: “Non vi è alcun altro scopo - ha detto ad AsiaNews - se non un lavoro amorevole verso i bambini con bisogni speciali”. Il sacerdote racconta che le consacrate dell’Alma sono molto note per il loro impegno, soprattutto nella provincia di East Java.

L’istituto secolare Alma è stato fondato da un sacerdote carismatico ed oggi ha 41 case che accolgono almeno 700 bambini con speciali necessità.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Un simposio in onore di p. Samir Khalil: la sapienza e l'umiltà
28/05/2018 12:31
Sinodo per il Medio Oriente: annunciare il Vangelo nei Paesi islamici
27/04/2010
Un Premio a p. Samir Khalil, costruttore di ponti tra islam e cristianesimo
25/07/2018 12:02
Il caso Hegazi: proselitismo islamico e cristiano
30/08/2007
Il caso Hegazi: l’ossessione dell’Islam per le conversioni
29/08/2007