29 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/05/2013, 00.00

    EGITTO

    Egitto, Morsi nomina nove islamisti alla guida dei principali ministeri



    La scelta ha suscitato critiche e polemiche anche da parte degli alleati salafiti. Fra i ministeri chiave vi sono quello della Giustizia, dell'Economia e delle Finanze. Per la prima volta nella storia al ministero delle Antichità vi sarà un esperto di cultura islamica e non un archeologo. André Azzam, giornalista, racconta i primi effetti dell'islamizzazione delle istituzioni. Morsi sempre più odiato dalla popolazione.

    Il Cairo (AsiaNews) - Giustizia, cultura, economia, religione, sono questi i settori chiave ormai sotto il controllo diretto o indiretto dei Fratelli Musulmani. Ieri, il presidente Mohamed Morsi ha presentato i membri del nuovo gabinetto di governo, dando in mano ben nove ministeri a personaggi e politici affiliati al suo partito Giustizia e Libertà. A guidare l'esecutivo resta il tecnico Hisham Kandil. Il giuramento è avvenuto oggi nel palazzo presidenziale. Fra i ministeri chiave vi sono quello delle Finanze, degli Investimenti economici, della Giustizia e della Cultura.

    L'operazione ha suscitato polemiche trasversali. I partiti democratici e i movimenti laici considerano il nuovo gabinetto come un'ulteriore conferma della corsa al potere dei Fratelli Musulmani. A sorpresa, anche diversi parlamentari salafiti, principali alleati dell'esecutivo islamista, hanno criticato la mossa del presidente, definendola una sorta di governo politico "mascherato" da governo tecnico. 

    Intervistato da AsiaNews, Andrè Azzam, giornalista egiziano, sottolinea che il presidente ha scelto i nuovi membri del gabinetto di governo non in base alle loro capacità, ma alla loro fedeltà. "Egli vuole cambiare il Paese - sottolinea - ma fino ad ora è riuscito solo a farsi odiare sempre di più dalla popolazione".

    Il ministero delle Finanze è stato affidato a Fayyad Abdel Monein, specialista in economia islamica, proveniente dalle fila del Partito Giustizia e Libertà. A guidare gli investimenti economici sarà invece Yehya Hamed, personaggio di spicco dei Fratelli musulmani. Alla giustizia andrà invece Ahmed Suleiman anch'egli legato al movimento islamista. Egli sostituisce Ahmed Mekky, che in aprile aveva criticato la controversa riforma del sistema giudiziario che prevede il pre-pensionamento di circa 13mila giudici, fra cui il presidente della Corte Suprema e quello della Corte costituzionale.   

    Secondo Azzam, i Fratelli Musulmani vogliono avere anche il controllo graduale sulla cultura. Come ministro delle Antichità Morsi ha nominato Ahmed Issa Ahmed, esperto di cultura islamica e copta. La scelta contrasta con la consuetudine che da sempre affida la gestione della cultura ad intellettuali di respiro internazionale ed esperti in archeologia egiziana.

    "Quella scritta in questi giorni - spiega Azzam - è una vecchia storia. Come in tutti i regimi i Fratelli Musulmani vogliono mettere ovunque i loro affiliati, soprattutto nel settore istituzionale, per poter avere il dominio del Paese anche in caso di un calo del consenso politico".

    In questi mesi, il cambiamento epocale voluto da Morsi sta avendo già i primi dirompenti effetti. Il più eclatante riguarda le dimissioni di Mazhar Shaheen da imam della moschea di Omar Makram situata in piazza Tahrir. Egli è stato uno dei protagonisti della Primavera araba del 2011 ed era apprezzato anche dalla comunità cristiana protestante con la quale aveva stretti rapporti di amicizia. Il mese scorso egli ha dovuto abbandonare l'incarico per ordine del ministero degli Affari religiosi. La "defenestrazione" di Shaheen è avvenuta contro il volere di Ahmed al-Tayeb, grande imam di al-Azhar, da sempre critico nei confronti del presidente Morsi e dell'establishment islamista. In questi mesi il grande imam e altri membri di al-Azhar hanno subito una gogna mediatica dopo il presunto avvelenamento di 500 studenti dell'ateneo islamico. (S.C.) 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/05/2012 EGITTO
    Giovani egiziani contro le false promesse di Fratelli musulmani e amici del regime
    I fautori della Rivoluzione dei gelsomini boicotteranno i ballottaggi in programma dal 15 al 16 giugno. Mohammed Mursi, candidato dei Fratelli musulmani annuncia pari diritti per i copti. Cristiani terrorizzati dall'eventuale salita al potere degli islamisti. L'esercito dietro il successo a sorpresa di Ahmed Shafiq, ex Premier del governo Mubarak.

    04/12/2012 EGITTO
    Il Cairo, decine di migliaia assediano il palazzo presidenziale. Morsi fugge per sicurezza
    Cariche della polizia per tenere lontano i manifestanti. Il bilancio è di 18 feriti non gravi. Giovani, leader dei partiti democratici, membri delle istituzioni, sono giunti da tutte le parti del Cairo e da altre zone del Paese per la "marcia dell'ultimo avvertimento". Obiettivo: costringere il presidente a un passo indietro. Si rompe il fronte comune dei giudici per il boicottaggio del referendum.

    03/12/2012 EGITTO
    Egitto, sciopera la Corte costituzionale. Gli islamisti minacciano i giudici
    I tribunali protestano contro il presidente Morsi e la nuova Costituzione basata sulla sharia islamica. Centinaia di estremisti islamici bloccano da ieri l'ingresso del palazzo della Corte costituzionale, lanciando slogan contro i giudici. Portavoce della Chiesa cattolica: l'Alta Corte è l'ultimo baluardo legale per frenare il potere degli estremisti islamici.

    16/04/2012 EGITTO
    Fratelli musulmani e salafiti fuori dalla corsa per le presidenziali egiziane
    La commissione elettorale ha escluso 10 candidati per vizi di forma. Fra essi Omar Suleiman, ex capo dei servizi segreti del regime e i candidati di punta di Fratelli musulmani e salafiti. Portavoce della chiesa cattolica loda la trasparenza dei funzionari elettorali.

    31/01/2012 EGITTO
    Elezioni egiziane, nuova vittoria degli islamisti. Militari forse via entro maggio
    Fonti di AsiaNews spiegano che i patiti musulmani hanno preso in totale circa l'80% dei voti. I risultati ufficiali si attendono per i prossimi giorni. L’esercito annunciato il primo trasferimento forzato di uno dei suoi generali: Ismail Etmanm, ex di Mubarak, implicato nelle violenze compiute dai militari contro i manifestanti di piazza Tahrir. Egli è il primo membro dello Scaf a subire un allontanamento.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®