24 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2017, 16.33

    INDIA

    Elezioni a Goa: i deputati cattolici sono il 43%, ma saranno “pedine” nel gioco politico-religioso del Bjp

    C. T. Nilesh

    Su 40 deputati totali, i cattolici sono 17. Di loro, 7 sono stati eletti tra le file del partito nazionalista indù. A livello nazionale i cristiani non appoggiano il Bjp perché ha una politica contraria e repressiva delle minoranze religiose. Il cambiamento avverrà solo se gli eletti “sapranno far valere i loro punti di vista”.

    Panaji (AsiaNews) – Nelle recenti elezioni amministrative che hanno visto trionfare il partito nazionalista indù del premier Narendra Modi, a Goa i cattolici hanno conquistato 17 seggi. Ben 7 di loro sono stati eletti nelle file del Bharatiya Janata Party (Bjp), che è anche al governo centrale di Delhi. Purtroppo, questi deputati cattolici rischiano di essere solo delle “pedine nel gioco politico-religioso” del partito, “usati come specchietti per le allodole, piazzati in zone dove c’è una maggioranza cattolica”. Di seguito il commento di un esperto di politica e cultura indiana.

    Per la prima volta dal 1963, quando si tennero le prime elezioni nello Stato in Goa in India, i cattolici hanno un numero così consistente di deputati al Parlamento locale: 17 dei 40 deputati sono cattolici, cioè il 43%. Nel complesso, la popolazione cristiana dello Stato rappresenta solo il 22% e la stragrande maggioranza dei cristiani sono cattolici.

    Il partito nazionalista indù, il Bharatiya Janata Party (Bjp) che è al governo centrale di Delhi, in Goa ha ottenuto 13 seggi dei 40 del Parlamento locale e ben 7 sono cattolici. Davanti al locale governatore, Mridula Sihna, esso si è presentato alleato con deputati indipendenti e di un partito minore e reclama il posto di primo ministro.

    È vero che a livello nazionale i cristiani non appoggiano il Bjp perché in molti Stati hanno una politica anti-cristiana, non concedono visti ai missionari ed in alcuni Stati governati dal Bjp ci sono state persecuzioni e soprusi contro i cristiani, come in Orissa e Jharkhand. Ma in Goa i cristiani non si fidano più del partito del Congresso ed hanno preferito votare per il BJP.

    È vero inoltre che il Bjp ha governato Goa negli ultimi cinque anni e nelle recenti elezioni ha perso voti per effetto della normale opposizione al partito regnante e per la politica pro-industrializzazione che ha danneggiato l’ambiente. Nonostante questo il voto dei cristiani ha dato al partito nazionalista indù la possibilità di reclamare altri cinque anni di governo.

    Molti cristiani pensano che i sette deputati cattolici potranno fare poco o niente in un partito che ha poco sistema democratico e che riceve ordini dal capo dell’Rss (Rashtriya Swayamsevak Sangh), un’organizzazione militante indù. Altri cattolici che a Mumbai avevano accettato di candidarsi col Bjp alla fine ne sono usciti disgustati. I nomi cristiani vengono usati come specchietti per le allodole, piazzati in zone dove c’è una maggioranza cattolica.

    Commentatori locali non prevedono un cambiamento di politica verso i cristiani, ma tutto dipenderà dalle persone elette a far valere i loro punti di vista, i loro interessi ed i valori cristiani.

    Il giornalista musulmano Jamaluddin Sheikh, ha commentato che “i deputati cattolici diventeranno pedine nel gioco politico-religioso dei Bjp. Non c’è nulla da rallegrarsi per la comunità cristiana”.  Il Bjp è considerato più anti-musulmano che anti-cristiano.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/03/2017 11:41:00 INDIA
    Modi trionfa nelle elezioni regionali indiane e spinge al declino Rahul Gandhi

    La scorsa settimana cinque Stati indiani hanno eletto le assemblee locali. Il partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party del primo ministro ha primeggiato in due Stati, dove governerà da solo, mentre in altri due formerà delle coalizioni. La sua vittoria deriva da una paralisi politica e di leadership del principale oppositore, il Congress Party, presieduto da Sonia Gandhi ma guidato dal figlio Rahul.



    20/07/2017 13:44:00 INDIA
    È Ram Nath Kovind, un dalit, il 14mo presidente indiano: esultano i nazionalisti

    L’ex governatore del Bihar ha vinto con quasi il 66% dei voti. Egli è sostenuto dal partito nazionalista indù del premier Narendra Modi. Un risultato “scontato”, che conferma la furbizia politica del premier. Nel 2019 si terranno le elezioni per il governo federale. I dalit, prima emarginati, ora sono corteggiati dalla politica: il loro peso elettorale è pari al 16%.



    16/02/2017 11:28:00 INDIA
    Elezioni a Mumbai: l’arcidiocesi non sostiene alcun candidato o partito politico

    Un video pubblicato nei giorni scorsi sembrava mostrare un presunto appoggio al partito nazionalista indù al governo. Una dichiarazione ufficiale ribadisce che la Chiesa locale non sostiene alcun particolare gruppo. Leader cattolici invitano ad andare a votare. Campagna di sensibilizzazione delle scuole.



    21/07/2017 08:49:00 INDIA
    Vescovi indiani al nuovo presidente: difenda la Costituzione e la legge

    La Conferenza episcopale indiana si congratula con Ram Nath Kovind, eletto ieri. L’ex governatore del Bihar è membro del partito nazionalista indù Bharatiya Janata Party. L’auspicio dei vescovi: “Si batta al meglio delle sue capacità per preservare, proteggere e difendere la Costituzione e la legge”.



    11/03/2017 10:41:00 INDIA
    Modi verso la vittoria in Uttar Pradesh

    Lo spoglio dei voti è iniziato questa mattina. Gli ultimi aggiornamenti riportano la vittoria di 305 seggi su 403. La tornata elettorale rappresenta un referendum sulle politiche del premier, dopo il bando delle rupie. Leader cristiano esprime preoccupazione per le politiche aggressive dei nazionalisti indù.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®