18 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/08/2015, 00.00

    ARABIA SAUDITA

    Elezioni municipali in Arabia saudita: le donne al voto per la prima volta



    Le elezioni sono previste per il 12 dicembre 2015, ma intanto ci si prepara alla campagna elettorale. Nel settembre 2011 il defunto re Abdullah bin Abdul Aziz ha concesso l’elettorato attivo e passivo per la popolazione femminile. Solo il 16% delle donne in Arabia saudita lavora, mentre il 60% è disoccupato. Esperta in economia: “Con la crisi del petrolio, servono due stipendi in famiglia”.

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) - Per la prima volta nella storia del regno saudita le donne potranno votare ed essere elette alle elezioni municipali del 12 dicembre. Per questo una ventina di loro ha partecipato ad un seminario organizzato nella capitale per spiegare tecniche di campagna elettorale e di raccolta fondi. Secondo gli esperti, le prime elezioni femminili rappresentano uno spartiacque per il Paese e sottolineano anche la crescente importanza delle donne nella società e nell’economia.

    “Il mio messaggio elettorale è semplice: cambiare”, afferma a Bloomberg Haifa Al-Hababi, candidata di 36 anni, una delle 21 partecipanti del seminario vestite di nero dalla testa ai piedi. “Cambiare il sistema. Cambiare è vita. Il governo ci ha dato questo strumento e io intendo usarlo”.

    Uno dei cambiamenti più urgenti su cui le candidate vogliono puntare è dare maggior spazio alla popolazione femminile nella società. L’Arabia saudita applica una versione rigorosa dell’islam sunnita (wahabita), che pone molte restrizioni alle attività e ai diritti sociali delle donne: queste infatti non possono guidare automezzi, lasciare la casa o il Paese se non accompagnate da un parente maschio, ricevere cure mediche senza il permesso di un parente. Nel 2011 il defunto re Abdullah bin Abdul Aziz ha stabilito la possibilità per le donne di candidarsi ed eleggere proprie rappresentanti (nelle future elezioni municipali del 2015), dopo una protesta nata sui social media in cui la popolazione femminile chiedeva di poter esprimere il diritto di voto. Il re ha anche concesso alle donne di soggiornare negli hotel senza una lettera del coniuge, decisione che ha reso più facile spostarsi per affari. Egli ha nominato la prima donna vice ministro, ha aperto la prima università mista ed eliminato i commessi maschi dai negozi di intimo da donna e nelle profumerie. Il nuovo re Salman, succeduto a gennaio, ha mantenuto le concessioni del fratellastro.

    Come conseguenza delle timide aperture del re Abdullah, la manodopera femminile è aumentata del 48% rispetto al 2010. “Creare una forza lavoro di questo tipo può avere un effetto moltiplicativo sull’economia”, riferisce Monica Malik, economista all’Abu Dhabi Commercial Bank. “Se si ha una percentuale del 50% di manodopera inutilizzata, si crea un grave fardello per l’economia”. Nonostante il recente ingresso nel mercato del lavoro, le donne rappresentano ancora solo il 16% della forza lavoro totale nel regno, mentre il 60% è non impiegata.

    Una maggior presenza delle donne nel mondo del lavoro è ormai una necessità. Rispetto al boom petrolifero degli anni ’70, in Arabia saudita il costo della vita è aumentato e la popolazione si è triplicata, mentre il prezzo del petrolio è sceso a circa 50 dollari al barile. Stefanie Hausheer Ali, direttore associato all’Atlantic Council del Centro Rafik Hariri per il Medio oriente di Washington, riferisce: “Si è arrivati ad un punto in cui è indispensabile avere due stipendi all’interno di una famiglia, se si vuole mantenere lo stile di vita precedente”.

    Foziah Abu Khaid, professoressa di sociologia politica e organizzatrice del seminario, spera che “la partecipazione elettorale delle donne rappresenti tutti i cittadini sauditi, e non solo la metà della popolazione”, oltre che a restituire alle donne fiducia nelle proprie capacità. “I consigli municipali non sono il nostro ultimo obiettivo. Desideriamo che questo sia il primo passo verso una collaborazione politica tra la società e lo Stato”, conclude.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/06/2013 ARABIA SAUDITA
    “Molestate le donne che lavorano per preservarne la castità”, il tweet di un romanziere saudita
    Un noto scrittore invita a fare violenza sulle donne che cercano maggiore emancipazione. I suoi slogan, ispirati all’esempio di un leggendario guerriero islamico, riaccendono la controversia tra innovatori e islam nell’Arabia Saudita delle timide riforme.

    27/09/2017 08:40:00 ARABIA SAUDITA
    Riyadh, abolito il divieto: le donne potranno guidare

    La nuova legge entrerà in vigore il prossimo 24 giugno. Il divieto è il simbolo della repressione femminile nel regno. Le donne colte alla guida venivano arrestate e punite con 10 frustate. La gioia delle attiviste e le critiche degli ultra-conservatori. Riyadh mira a favorire l’accesso femminile al lavoro, limitato dalle difficoltà di spostamento.



    14/12/2015 ARABIA SAUDITA
    Arabia Saudita, nel regno ultraconservatore elette le prime donne nei consigli municipali
    Una svolta storica per il Paese, anche se i consigli hanno poteri limitati e in gran parte consultivi. Almeno 20 le rappresentanti dell’universo rosa che hanno ottenuto le preferenze degli elettori. Emozione ai seggi, per le donne una “esperienza fantastica”. Per gli esperti però “nei fatti le donne sono sempre assenti”.

    12/12/2015 ARABIA SAUDITA
    Elezioni municipali in Arabia Saudita: per la prima volta le donne al voto
    Sono 978 le candidate femminili, a fronte di quasi 6mila uomini. Registrate nelle liste elettorali 130mila donne e 1,35 milioni di uomini. Il voto verrà espresso in seggi elettorali separati per i due sessi. I municipi unico ente governativo soggetto al voto. Attivista saudita: non è un “cambiamento”, ma un primo passo sulla “giusta strada”.

    20/09/2011 ARABIA SAUDITA
    Il bando del voto alle donne saudite provoca una campagna per boicottare le elezioni
    Un gruppo di intellettuali intende così protestare contro la decisione di negare alle donne il diritto di eleggere ed essere elette. Oltre 1,2 milioni di votanti (ma le previsioni sono per percentuali molto basse) per scegliere più di 5mila candidati alla metà dei seggi di 285 consigli municipali, l’altra metà essendo nominata dal governo.



    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®