12/04/2007, 00.00
BANGLADESH
Invia ad un amico

Ex primo ministro accusata di omicidio plurimo

di Nozrul Islam
La campagna di “pulizia” del governo ad interim colpisce Hasina, leader della Awami League. L’onnipotente esercito è intenzionato a fare piazza pulita delle maggiori formazioni politiche. Con il tacito appoggio di Usa e India.
Dhaka (AsiaNews) – Accuse, arresti e processi stanno colpendo i dirigenti dei maggiori partiti politici in Bangladesh. Il governo provvisorio di Dhaka è impegnato formalmente in una dura campagna anti-corruzione volta a preparare elezioni democratiche trasparenti, ma dietro le quinte si celano gli interessi dei militari e delle grandi potenze straniere. L’ultima iniziativa legale ha colpito ieri la leader dell’Awami League (AL), Sheik Hasina, incriminata dell’omicidio di 4 avversari politici durante le proteste che hanno insanguinato Dakha ad ottobre scorso.
 
In realtà – notano esperti locali – dietro le operazioni del governo ad interim vi è la mano dell’onnipotente esercito, interessato a rimanere più a lungo possibile al potere e a tenere lontane dal Paese le leader delle due principali realtà politiche nazionali: la AL e il Partito nazionalista del Bangladesh (BNP) dell’ex premier Khaleda Zia; quest’ultima da ieri è di fatto agli arresti domiciliari dopo che il governo ne ha drasticamente limitato la libertà di movimento.
 
Analisti escludono che l’esercito instauri una nuova dittatura: “la popolazione e gli Stati Uniti non lo permetterebbero”. Ma garantiscono che i generali continueranno a gestire il Paese da dietro le quinte ancora per molto. Con il tacito appoggio di India, e Usa, che "per tutelare i propri interessi nella zona preferiscono la stabilità", che solo il pugno di ferro militare può assicurare.
L'instabilità politica e sociale nel Paese è causata anche dalla minaccia dell'estremismo islamico. Oggi a Jhalakathi, nel sud, uomini armati hanno ucciso il pubblico ministero che aveva condannato a morte i sei terroristi impiccati due settimane fa. Tra loro spiccavano i nomi di Bangla Bhai e di Abdur Rahman, ai vertici dell'organizzazione Jamaatul Mujahideen Bangladesh.
 
Dal 12 gennaio il Bangladesh è sotto la guida di un governo provvisorio di tecnici sostenuto dai militari, incaricato di organizzare le elezioni legislative, annullate l'11 gennaio per il sospetto di brogli elettorali; la popolazione doveva recarsi alle urne 10 giorni dopo. La settimana scorsa però la commissione elettorale ha annunciato che le elezioni non si terranno prima della fine del 2008.
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Scarcerata, la ex premier Hasina parte per gli Usa
12/06/2008
Torna a casa la ex premier Hasina
08/05/2007
Arrestato il figlio della ex premier, “crocevia” della corruzione
09/03/2007
Arrestata la ex premier Khaleda Zia
03/09/2007
Esilio “volontario” per l'ex premier del Bangladesh
17/04/2007