25 Giugno 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/07/2010, 00.00

    PAKISTAN

    Faisalabad: uccisi due fratelli cristiani a processo per blasfemia

    Fareed Khan

    Rashid Emmanuel e Sajid Masih Emmanuel sono stati colpiti da arma da fuoco all’esterno del tribunale, ferito un poliziotto. Si era da poco conclusa l’udienza e – ammanettati – stavano tornando in carcere. La polizia li stava per scagionare dall'accusa. Da giorni i leader islamici aizzavano la folla, chiedendo la morte dei due.
    Faisalabad (AsiaNews) – Rashid Emmanuel e Sajid Masih Emmanuel, due fratelli cristiani a processo con l’accusa di blasfemia, sono stati uccisi oggi a colpi di arma da fuoco all’uscita del tribunale. Un commando di sconosciuti ha colpito all’esterno del tribunale di Faisalabad, nel Punjab. I due uomini, ammanettati, dovevano rientrare in carcere al termine dell’udienza. Fin dai giorni scorsi la comunità cristiana della città aveva lanciato l’allarme, nel timore di nuovi attacchi. I musulmani avevano promosso una manifestazione di protesta, in cui chiedevano la condanna a morte per i due fratelli cristiani.
     
    Il delitto si è consumato oggi all’esterno del tribunale di Faisalabad, dove si era da poco conclusa l’udienza per Rashid e Sajid Masih, imputati per blasfemia, ed è stata una vera e propria esecuzione mirata. I due uomini erano ammanettati e sono risultati un facile bersaglio per i fondamentalisti; durante l’attacco è rimasto ferito anche un poliziotto.
     
    Da giorni la comunità musulmana della città, aizzata dagli imam, manifestava chiedendo la condanna a morte dei due fratelli. Essi erano stati arrestati un mese fa, dopo il ritrovamento di alcuni volantini “blasfemi” – profanavano la memoria di Maometto – sui quali vi sarebbe stato il loro nome.
     
    Secondo fonti locali, la polizia stava per scagionare i due dall'accusa di blasfemia perchè all'esame grafologico le firme sui volantini non coincidevano con la grafie dei due fratelli.
     
    Shahbaz Bhatti, Ministro per le minoranze di fede cattolica, parla di false accuse contro i cristiani, fabbricate ad arte da persone che nutrivano rancori personali verso i due fratelli, uno dei quali era un pastore protestante. Anche la famiglia professa la loro innocenza.
     
    Peter Jacob, segretario esecutivo della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica (Ncjp), condanna senza mezzi termini l’omicidio dei due fratelli, “a giudizio per un presunto caso di blasfemia” e rinnova l’appello perché il governo abroghi la legge. L’attivista sottolinea lo stato di “profonda preoccupazione” per la comunità cristiana pakistana e stigmatizza “l’apatia” dell’esecutivo nel punire gli abusi legati alla blasfemia.
     
    La settimana scorsa molte famiglie cristiane avevano abbandonato il quartiere di Waris Pura, a Faisalabad, nel timore di violenze. Il 15 luglio un corteo di protesta è sfilato per la città, chiedendo la condanna a morte dei due fratelli. Il giorno successivo, al termine della preghiera del venerdì, le guide religiose musulmane hanno aizzato la folla, invitandola a manifestare nuovamente contro i cristiani. Durante le manifestazioni, la folla ha preso a sassate la chiesa cattolica del Santo Rosario.
     
    L'uccisione dei due fratelli, il cui arresto ha suscitato molto clamore nel mondo cristiano, avviene proprio mentre in Pakistan si trova in visita il segretario di Stato Usa Hillary Clinton.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/05/2012 PAKISTAN
    Punjab: cita il Corano in un sermone, pastore protestante accusato di blasfemia
    Minacciato di morte, il rev. Irfan Gill si è salvato grazie all’intervento dei cristiani locali. Egli rischia però una denuncia in base alla “legge nera”. L’imam del villaggio chiede una ritrattazione e pubbliche scuse. Sacerdote cattolico parla di imprudenza in molti pastori protestanti, che “mettono in pericolo la vita di persone innocenti”.

    20/07/2010 PAKISTAN
    Faisalabad, seppelliti i fratelli uccisi. Giustizia e Pace: abolire la legge sulla blasfemia
    Alle 8 di questa mattina la comunità ha salutato per l’ultima volta Rashid e Sajid Emmanuel. L’omicidio ha scatenato violenti scontri fra cristiani e musulmani. La polizia pattuglia le strade ma la situazione resta “esplosiva”. Attivista cattolico: “nuovo impegno perché le leggi discriminatorie vengano cancellate”. Coppia cristiana minacciata di morte per un documentario su Gojra.

    09/07/2010 PAKISTAN
    Lahore: cristiani accusati di blasfemia, in fuga dai fondamentalisti e dalla polizia
    Da tre giorni Yousaf Masih, la moglie Bashrian Bibi e il genero Zahid Masih sono nascosti in un luogo segreto. Attaccati da una folla di islamici, perché avrebbero usato come copertura per il bagno un pannello con versi del Corano. Attivisti del Claas smentiscono la versione dei musulmani. Fonti locali parlano di “rancori personali o inimicizie”.

    08/01/2016 PAKISTAN
    Kasur, giovane musulmano brucia copie della Bibbia e inni sacri: arrestato
    Azhar Akba, 26enne originario di Sialkot, si è introdotto in una chiesa e ha bruciato alcuni libri sacri. Scoperto, egli ha cercato di fuggire ma è stato bloccato da un gruppo di fedeli. La polizia sostiene che non è perseguibile perché affetto da problemi mentali. Diversa l’opinione della comunità cristiana, secondo cui egli è in grado di intendere e volere.

    05/11/2014 PAKISTAN - ISLAM
    Vescovo di Islamabad: Coppia bruciata viva, una barbarie protetta da un colpevole silenzio
    Shahzad Masih, di 28 anni, e la moglie Shama, 25enne, avevano quattro figli e la donna era incinta. A lanciare l’accusa il datore di lavoro di Shahzad; almeno 400 persone hanno assaltato, colpito e dato alle fiamme i corpi dei due giovani. Attivisti cristiani: ennesimo abuso delle leggi sulla blasfemia.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    Confusione e polemiche per il silenzio del Vaticano sul caso di mons. Ma Daqin di Shanghai

    Bernardo Cervellera

    Per alcuni l’articolo di mons. Ma con cui elogia l’Associazione patriottica, riconoscendo i suoi “errori”, è solo “fango”. Per altri egli si è umiliato “per il bene della sua diocesi”. Molti esprimono perplessità per il silenzio della Santa Sede: silenzio sul contenuto dell’articolo; silenzio sulla persecuzione subita dal vescovo di Shanghai. Il sospetto che in Vaticano si vede bene lo svolgimento del “caso” Ma Daqin che però fa emergere un problema: la Lettera di Benedetto XVI (con cui dichiara l’AP non compatibile con la dottrina cattolica) è abolita? E chi l’ha abolita? Il rischio di una strada di compromessi senza verità.


    CINA - VATICANO
    Mons. Ma Daqin: il testo della sua “confessione”

    Mons. Taddeo Ma Daqin

    Con un articolo pubblicato sul suo blog, il vescovo di Shanghai, dimessosi dall’Associazione patriottica quattro anni fa, sembra “confessare” il suo errore e esalta l’organismo di controllo della Chiesa. Riportiamo qui il testo quasi integrale del suo intervento. Traduzioni dal cinese a cura di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®