26 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/07/2010
PAKISTAN
Faisalabad: uccisi due fratelli cristiani a processo per blasfemia
di Fareed Khan
Rashid Emmanuel e Sajid Masih Emmanuel sono stati colpiti da arma da fuoco all’esterno del tribunale, ferito un poliziotto. Si era da poco conclusa l’udienza e – ammanettati – stavano tornando in carcere. La polizia li stava per scagionare dall'accusa. Da giorni i leader islamici aizzavano la folla, chiedendo la morte dei due.

Faisalabad (AsiaNews) – Rashid Emmanuel e Sajid Masih Emmanuel, due fratelli cristiani a processo con l’accusa di blasfemia, sono stati uccisi oggi a colpi di arma da fuoco all’uscita del tribunale. Un commando di sconosciuti ha colpito all’esterno del tribunale di Faisalabad, nel Punjab. I due uomini, ammanettati, dovevano rientrare in carcere al termine dell’udienza. Fin dai giorni scorsi la comunità cristiana della città aveva lanciato l’allarme, nel timore di nuovi attacchi. I musulmani avevano promosso una manifestazione di protesta, in cui chiedevano la condanna a morte per i due fratelli cristiani.
 
Il delitto si è consumato oggi all’esterno del tribunale di Faisalabad, dove si era da poco conclusa l’udienza per Rashid e Sajid Masih, imputati per blasfemia, ed è stata una vera e propria esecuzione mirata. I due uomini erano ammanettati e sono risultati un facile bersaglio per i fondamentalisti; durante l’attacco è rimasto ferito anche un poliziotto.
 
Da giorni la comunità musulmana della città, aizzata dagli imam, manifestava chiedendo la condanna a morte dei due fratelli. Essi erano stati arrestati un mese fa, dopo il ritrovamento di alcuni volantini “blasfemi” – profanavano la memoria di Maometto – sui quali vi sarebbe stato il loro nome.
 
Secondo fonti locali, la polizia stava per scagionare i due dall'accusa di blasfemia perchè all'esame grafologico le firme sui volantini non coincidevano con la grafie dei due fratelli.
 
Shahbaz Bhatti, Ministro per le minoranze di fede cattolica, parla di false accuse contro i cristiani, fabbricate ad arte da persone che nutrivano rancori personali verso i due fratelli, uno dei quali era un pastore protestante. Anche la famiglia professa la loro innocenza.
 
Peter Jacob, segretario esecutivo della Commissione nazionale di Giustizia e Pace della Chiesa cattolica (Ncjp), condanna senza mezzi termini l’omicidio dei due fratelli, “a giudizio per un presunto caso di blasfemia” e rinnova l’appello perché il governo abroghi la legge. L’attivista sottolinea lo stato di “profonda preoccupazione” per la comunità cristiana pakistana e stigmatizza “l’apatia” dell’esecutivo nel punire gli abusi legati alla blasfemia.
 
La settimana scorsa molte famiglie cristiane avevano abbandonato il quartiere di Waris Pura, a Faisalabad, nel timore di violenze. Il 15 luglio un corteo di protesta è sfilato per la città, chiedendo la condanna a morte dei due fratelli. Il giorno successivo, al termine della preghiera del venerdì, le guide religiose musulmane hanno aizzato la folla, invitandola a manifestare nuovamente contro i cristiani. Durante le manifestazioni, la folla ha preso a sassate la chiesa cattolica del Santo Rosario.
 
L'uccisione dei due fratelli, il cui arresto ha suscitato molto clamore nel mondo cristiano, avviene proprio mentre in Pakistan si trova in visita il segretario di Stato Usa Hillary Clinton.

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
29/05/2012 PAKISTAN
Punjab: cita il Corano in un sermone, pastore protestante accusato di blasfemia
di Jibran Khan
20/07/2010 PAKISTAN
Faisalabad, seppelliti i fratelli uccisi. Giustizia e Pace: abolire la legge sulla blasfemia
di Fareed Khan
09/07/2010 PAKISTAN
Lahore: cristiani accusati di blasfemia, in fuga dai fondamentalisti e dalla polizia
05/11/2014 PAKISTAN - ISLAM
Vescovo di Islamabad: Coppia bruciata viva, una barbarie protetta da un colpevole silenzio
di Jibran Khan - Shafique Khokhar
04/09/2014 PAKISTAN
Punjab: cristiano a processo con false accuse di blasfemia, la famiglia costretta a fuggire
di Jibran Khan

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate