24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/12/2016, 08.15

    LIBANO

    Finalmente nasce il nuovo governo libanese



    Ci sono voluti 45 giorni. Un governo “di unità nazionale” con 30 ministri dei diversi partiti. Il Kataeb (Falange) non ha voluto parteciparvi. Creato un ministero per i diritti delle donne e uno per i rifugiati. Le pressioni del patriarca Bechara Rai.

    Beirut (AsiaNews) – Dopo 45 giorni di consultazioni, ieri sera è nato il nuovo governo libanese, promesso il 3 novembre, in seguito alla nomina di Saad Hariri a premier da parte del presidente della repubblica Michel Aoun.

    Il primo governo sotto la presidenza di Aoun, eletto lo scorso 31 ottobre - dopo due anni e mezzo di vuoto della carica – comprende 30 ministri, di cui sei sono ministri di Stato, suddivisi in modo uguale fra cristiani e musulmani.

    Alla conferenza stampa indetta subito dopo l’annuncio della formazione, Hariri ha sottolineato che il nuovo governo può essere definito “di unità nazionale” perché raduna molti rappresentanti dei partiti politici.  Egli ha anche detto che il compito del suo gabinetto sarà quello di affrontare le emergenze acute del Paese (elettricità, rifiuti, acqua, sicurezza) e stilerà una nuova legge elettorale per portare il Libano a nuove elezioni.

    Un governo di compromesso, quello di Hariri che però non è riuscito a includere nei ministeri qualcuno del partito dei Kataeb (Falange), i quali si sono rifiutati di parteciparvi anche con le insistenze del premier e del presidente.

    Fra le novità: è stato creato un ministero per i diritti delle donne e uno per i rifugiati, data la presenza di oltre un milione di profughi siriani sul territorio libanese. Altri nuovi ministeri: quello per gli affari del presidente della repubblica, dei diritti dell’uomo, per la lotta alla corruzione. Fra i 30 ministri figura solo una donna: Inaya Ezzeddine, del gruppo legato a Nabi Berry, scelta come ministro per la riforma amministrativa.

    Fra le voci che più hanno premuto per concludere I due anni e mezzo di vuoto istituzionale, vi è quella del patriarca maronita Bechara Rai. Anche ieri mattina, alla messa da lui presieduta, egli a chiesto ai politici di mostrare “uno spirito di responsabilità e imparzialità facilitando la missione di formare un nuovo governo”.

    “Noi speriamo, insieme con tutti i libanesi che sono leali verso il Libano, che i gruppi politici e parlamentari percepiscano quanto cruciale sia la situazione economica e sociale che pesa sulla nostra popolazione”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2016 08:18:00 LIBANO
    Saad Hariri appoggia Michel Aoun come candidato a presidente

    La scelta, l’ultima rimasta, compiuta per “proteggere il Libano, il sistema politico, lo Stato e il popolo”. A condizione di “dissociare” il Paese dalla crisi siriana. Contrari diversi deputati sunniti. Nabih Berri (Amal) è il più critico. Ma vi sono buone condizioni per l’elezione del 31 ottobre.



    20/01/2016 12:30:00 LIBANO
    L’alleanza fra Aoun e Geagea porta qualche scossa e qualche speranza

    Il leader delle Forze libanesi appoggia la candidatura a presidente del suo antico nemico. Forze libanesi e Cambiamento e riforma raccolgono il numero più consistente di parlamentari cristiani. “Felici e sollevati” al patriarcato di Bkerké. Dal maggio 2014 il parlamento libanese non riesce a eleggere un presidente. Alcune resistenze fra cristiani e musulmani.



    31/10/2016 13:05:00 LIBANO
    Michel Aoun ottiene i voti necessari per divenire presidente del Libano


    25/10/2016 08:42:00 LIBANO
    Michel Aoun incontra il patriarca Rai, dopo l’appoggio della maggioranza dei partiti libanesi

    E’ quasi sicuro che Il gen. Aoun verrà eletto nuovo presidente del Libano alla seduta del 31 ottobre. Egli è sostenuto da Saad Hariri, da Hezbollah, dalle Forze Libanesi. Il suo partito ha buoni rapporti con cristinai, sciiti e sunniti. Dubbiosi i drusi di Jumblatt. Il no di Nabih Berri e di Amal. Stupore per il silenzio dell’Arabia saudita. Il primo presidente “Made in Libano”.



    03/11/2016 08:52:00 LIBANO
    Vescovi maroniti: auguri ad Aoun per un governo stabile del Libano

    Nell’assemblea mensile guidata dal patriarca Rai i prelati hanno salutato l’elezione del capo di Stato dopo oltre due anni e mezzo di vacanza. Nel discorso di giuramento di Aoun apprezzato il richiamo alla “stabilità”. Ora l’obiettivo è la “rapida” formazione di un nuovo esecutivo e una nuova legge elettorale capace di garantire “rappresentatività”. 

     





    In evidenza

    MYANMAR-VATICANO
    Yangon, ‘ore frenetiche’ per l’arrivo del papa. L’impegno dei cattolici per i pellegrini

    Paolo Fossati

    Attese 200mila persone per la messa solenne al Kyaikkasan Ground. Tra loro anche leader buddisti e musulmani. In arrivo 6mila ragazzi per la messa dei giovani del giorno seguente. Anche filippini, australiani e thailandesi per lo storico viaggio apostolico di papa Francesco. Dal nostro inviato.


    YEMEN
    Il genocidio dello Yemen: dopo le bombe, la fame, la sete e il colera

    Pierre Balanian

    La coalizione guidata da Riyadh blocca l’arrivo di carburante necessario per far funzionare i pozzi. Oltre un milione di persone senza acqua a Taiz, Saada, Hodeida, Sana’a e Al Bayda. Secondo l’Unicef, 1,7 milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta”; 150mila bambini rischiano di morire di stenti nelle prossime settimane. Il silenzio e l’incuria della comunità internazionale. La minaccia di colpire le navi-cargo del greggio. Ieri l’Arabia saudita ha permesso la riapertura dell’aeroporto di Sana’a e del porto di Hudayda, ma solo per gli aiuti umanitari. Una misura insufficiente.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®