23 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 11/06/2012
INDIA – PAKISTAN
Ghiacciaio dell’Himalaya, Islamabad dialoga con New Delhi
Il governo pakistano vuole sbloccare lo stallo militare, nella zona contesa da oltre 50 anni. New Delhi frena: non aspettatevi grandi decisioni. Ad aprile una valanga ha travolto 139 militari pakistani. Con il clima rigido e le valanghe, il ghiacciaio del Siachen ha ucciso più soldati del conflitto occorso tra il 1984 e il 2003.

Islamabad (AsiaNews) - Inizia oggi la due giorni di colloqui tra India e Pakistan, per discutere dello stallo militare sul Siachen, ghiacciaio dell'Himalaya, e la possibile demilitarizzazione dell'area, amministrata dal New Delhi ma rivendicata da Islamabad. Ospitato a Rawalpindi, l'incontro è stato richiesto dal governo pakistano in seguito alla morte di 139 soldati, travolti da una valanga il 7 aprile scorso. Negli anni, molti militari sono morti a causa del clima molto rigido e delle frequenti valanghe, più che per gli scontri a fuoco. La delegazione indiana è guidata dal segretario alla Difesa Shashikant Sharma, che discuterà insieme alla sua controparte pakistana, Nargis Sethi. L'incontro fa parte della ripresa dei dialoghi tra i due Paesi, interrotti dopo gli attentati di Mumbai del 2008.

Tuttavia, molti giudicano questi colloqui solo un incontro formale, che non porterà un sostanziale cambiamento dell'assetto nella regione. Nei giorni scorsi, lo stesso Sharma ha dichiarato di "non aspettarsi alcun drammatico annuncio o decisione, su una questione di sicurezza nazionale molto importante per noi".

Il ghiacciaio del Siachen fa parte del Karakuram, gruppo montuoso orientale dell'Himalaya, e si trova nell'area di Ladakh, punta settentrionale del Jammu e Kashmir. Con i suoi 70 km di lunghezza, è il ghiacciaio più esteso della catena, e il secondo del mondo (esclusi i Poli). Dopo l'indipendenza nel 1947, la regione del Kashmir è stata al centro di rivendicazioni territoriali, e con essa anche l'oceano di ghiaccio. Tra il 1984 e il 2003, l'area è stata teatro del cosiddetto "conflitto del Siachen": una serie di scontri armati tra le truppe indiane e pakistane dislocate lungo il ghiacciaio.

Nel 2003, Islamabad ha firmato un accordo di cessate il fuoco, lasciando a New Delhi l'amministrazione della zona. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/08/2009 CINA - INDIA
Riprendono i colloqui per i confini contesi tra Cina e India
20/07/2011 INDIA
Hillary Clinton in India: Pakistan, terrorismo, interessi commerciali
di Nirmala Carvalho
15/02/2010 INDIA
Vescovo di Pune: Il terrorismo ci divide; le religioni unite lo combattono
di Nirmala Carvalho
30/01/2008 INDIA
Per commemorare Gandhi, bisogna tornare alla sua visione di pace
di Nirmala Carvalho
20/07/2009 INDIA-PAKISTAN
Spirano venti di pace tra New Delhi e Islamabad
di CT Nilesh

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate