Skin ADV
09 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 11/06/2012, 00.00

    INDIA – PAKISTAN

    Ghiacciaio dell’Himalaya, Islamabad dialoga con New Delhi



    Il governo pakistano vuole sbloccare lo stallo militare, nella zona contesa da oltre 50 anni. New Delhi frena: non aspettatevi grandi decisioni. Ad aprile una valanga ha travolto 139 militari pakistani. Con il clima rigido e le valanghe, il ghiacciaio del Siachen ha ucciso più soldati del conflitto occorso tra il 1984 e il 2003.

    Islamabad (AsiaNews) - Inizia oggi la due giorni di colloqui tra India e Pakistan, per discutere dello stallo militare sul Siachen, ghiacciaio dell'Himalaya, e la possibile demilitarizzazione dell'area, amministrata dal New Delhi ma rivendicata da Islamabad. Ospitato a Rawalpindi, l'incontro è stato richiesto dal governo pakistano in seguito alla morte di 139 soldati, travolti da una valanga il 7 aprile scorso. Negli anni, molti militari sono morti a causa del clima molto rigido e delle frequenti valanghe, più che per gli scontri a fuoco. La delegazione indiana è guidata dal segretario alla Difesa Shashikant Sharma, che discuterà insieme alla sua controparte pakistana, Nargis Sethi. L'incontro fa parte della ripresa dei dialoghi tra i due Paesi, interrotti dopo gli attentati di Mumbai del 2008.

    Tuttavia, molti giudicano questi colloqui solo un incontro formale, che non porterà un sostanziale cambiamento dell'assetto nella regione. Nei giorni scorsi, lo stesso Sharma ha dichiarato di "non aspettarsi alcun drammatico annuncio o decisione, su una questione di sicurezza nazionale molto importante per noi".

    Il ghiacciaio del Siachen fa parte del Karakuram, gruppo montuoso orientale dell'Himalaya, e si trova nell'area di Ladakh, punta settentrionale del Jammu e Kashmir. Con i suoi 70 km di lunghezza, è il ghiacciaio più esteso della catena, e il secondo del mondo (esclusi i Poli). Dopo l'indipendenza nel 1947, la regione del Kashmir è stata al centro di rivendicazioni territoriali, e con essa anche l'oceano di ghiaccio. Tra il 1984 e il 2003, l'area è stata teatro del cosiddetto "conflitto del Siachen": una serie di scontri armati tra le truppe indiane e pakistane dislocate lungo il ghiacciaio.

    Nel 2003, Islamabad ha firmato un accordo di cessate il fuoco, lasciando a New Delhi l'amministrazione della zona. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/05/2015 CINA – INDIA
    Cina e India, 22 miliardi di dollari “non risolvono la rivalità tra i due giganti dell’Asia”
    Questo il valore dei 26 accordi economici firmati da Narendra Modi e Xi Jinping durante la visita del premier indiano a Pechino. Il plauso dei giornali di Stato offuscato da analisti ed esperti. Regione dell’Himalaya, nuova Via della Seta e Oceano Indiano sono ancora questioni calde che alimentano “problemi e sfiducia strutturali”.

    07/08/2009 CINA - INDIA
    Riprendono i colloqui per i confini contesi tra Cina e India
    I confini sono incerti dalla guerra del 1962. Pechino rivendica quasi l’intero Arunachal Pradesh, mentre l’India chiede indietro circa 43mila kmq di territorio. Intanto le parti rinforzano i propri militari presso le frontiere.

    20/07/2011 INDIA
    Hillary Clinton in India: Pakistan, terrorismo, interessi commerciali
    Sono gli argomenti centrali della visita del segretario di Stato Usa. Un docente di filosofia morale e politica: “Washington interessata alla sicurezza dell’India per proteggere i rapporti economici con New Delhi”. Il viaggio della Clinton avviene a una settimana dalle esplosioni di Mumbai, che hanno provocato 19 morti e 141 feriti.

    15/02/2010 INDIA
    Vescovo di Pune: Il terrorismo ci divide; le religioni unite lo combattono
    Nell’attacco a Pune, lo scorso 13 febbraio, sono morte 9 persone, fra cui un’italiana e un iraniano. Fra i 60 feriti vi sono 12 stranieri. I politici indiani si dividono e il Bjp vuole bloccare i dialoghi con il Pakistan. Mons. Dabre, vescovo della città colpita, sottolinea che la “vittima” del terrorismo è anzitutto la convivenza fra religioni e culture differenti e per questo è necessaria la collaborazione fra persone di diverse fedi e tradizioni.

    30/01/2008 INDIA
    Per commemorare Gandhi, bisogna tornare alla sua visione di pace
    Il segretario esecutivo della Commissione episcopale Giustizia e pace, p. Nithiya Sagayam, spiega ad AsiaNews che è inutile commemorare il Mahatma se non si ricordano i motivi per cui è vissuto ed i valori che lo hanno mosso. Un invito alla pace fra India e Pakistan, unica strada per lo sviluppo delle due nazioni.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®