27 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2017, 08.55

    ONU - SIRIA

    Ginevra, al via un nuovo round di colloqui di pace Onu sulla Siria



    Dubbi e incertezze aleggiano sull’incontro. Per il presidente Assad è un processo politico “nullo” e a “beneficio dei media”. Più efficaci i vertici di Astana. Ma l’inviato speciale Onu smentisce le contrapposizioni e parla di lavoro diplomatico “in tandem”. Nuove accuse Usa a Damasco: forno crematorio in carcere per nascondere le prove degli omicidi di massa. 

     

    Ginevra (AsiaNews/Agenzie) - Oggi a Ginevra, in Svizzera, si apre un nuovo round di colloqui di pace sulla Siria, sotto l’egida delle Nazioni Unite. L’obiettivo è rafforzare la “fragile” tregua nazionale in vigore dalla mezzanotte del 30 dicembre scorso, nel contesto di un sanguinoso conflitto che in sei anni ha causato oltre 320mila vittime e milioni di sfollati. I precedenti cinque incontri promossi dall’Onu non hanno saputo garantire risultati efficaci in un’ottica di pace stabile e duratura. 

    Il presidente siriano Bashar al-Assad ha rafforzato negli ultimi giorni le posizioni sul terreno, cacciando i ribelli dalle loro roccaforti a Damasco e assumendo il [pressoché] completo controllo della capitale. Il leader siriano ha definito di recente il processo politico in atto a Ginevra “nullo”, una sorta di “incontro a beneficio dei media”. 

    Per Assad vi sono molte più speranze di risoluzione del conflitto dagli incontri di Astana sponsorizzati da Mosca, Teheran e Ankara, durante i quali a inizio maggio si è raggiunta un’intesa per la creazione di zone di “de-escalation” del conflitto. L’accordo prevede il cessate il fuoco, il divieto di sorvolo dell’area, il rifornimento immediato di aiuti umanitari e il ritorno dei rifugiati.

    L’inviato speciale Onu per la Siria Staffan de Mistura ha smentito la notizia secondo cui i negoziati di Astana finiscono per gettare un’ombra sullo sforzo diplomatico messo in campo dalle Nazioni Unite. “Lavoriamo in tandem” ha aggiunto, visto che il lavoro dell’Onu è finalizzato al raggiungimento di quattro diversi obiettivi: governance, nuova costituzione, elezioni e lotta al “terrorismo”. 

    Tuttavia, il fronte governativo e la delegazione in rappresentanza dei ribelli restano divisi su un nodo cruciale: il futuro - politico e non - del presidente Assad. I leader dell’Alto comitato per i negoziati (Hnc), appoggiato dai sauditi, insistono per la cacciata del leader di Damasco quale pre-requisito per una qualsiasi transizione politica. Una richiesta “inaccettabile” per i governativi. 

    Ad offuscare i colloqui di pace Onu, l’accusa lanciata ieri dal Dipartimento di Stato americano - la cui posizione appare sempre più marginale nello scacchiere siriano, sovrastato da Russia, Iran, Turchia e nazioni arabe - al governo di Damasco. Il “regime” di Assad avrebbe infatti costruito un forno crematorio all’interno di una prigione militare, per disperdere i resti dei prigionieri uccisi. 

    A conferma della propria tesi, Washington ha diffuso alcune immagini satellitari - de-classificate di recente - della struttura che mostrano delle attività di costruzione. 

    Nei mesi scorsi attivisti pro diritti umani avevano denunciato la tortura e l’impiccagione di migliaia di detenuti nel carcere alle porte di Damasco. Il governo siriano non ha voluto rispondere alle nuove accuse lanciate dagli Stati Uniti, mentre in passato aveva sempre smentito le voci di abusi all’interno della prigione di Saydnaya. 

    Gli scatti - che verranno presentati nei prossimi giorni alla comunità internazionale - risalgono a un periodo che va dall’agosto 2013 all’aprile 2017. Per il Dipartimento di Stato Usa sarebbero la prova che certifica “gli omicidi di massa” compiuti da Assad e si rivolge al regime perché metta fine “a queste atrocità”. Secondo le voci critiche - che ricordano ancora le presunte prove presentate all’allora segretario di Stato Colin Powell all’Onu contro Saddam Hussein - si tratta dell’ennesimo capitolo della guerra di propaganda fra potenze internazionali che si consuma sulla pelle della popolazione siriana.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/03/2017 08:56:00 SIRIA - ONU
    Ginevra, al via il quinto round di colloqui sulla Siria. Poche speranze di pace

    All’incontro presenti delegati governativi e rappresentanti delle opposizioni. Non vi saranno colloqui “diretti” e le posizioni appaiono sempre più distanti. Gli scontri di questi giorni, che hanno investito la capitale, hanno innalzato la tensione. L’inviato speciale Onu in visita ad Ankara, Mosca e Riyadh per mediare un accordo.

     



    19/05/2017 08:54:00 SIRIA - ONU
    Governo siriano e ribelli aprono a una revisione costituzionale mediata dall’Onu

    Allo studio la creazione di un gruppo di esperti bipartisan chiamati a discutere di “questioni costituzionali”. L’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria parla di primo risultato tangibile dei colloqui. Ma i due fronti smorzano gli entusiasmi. Caccia Usa colpiscono forze siriane filo-governative nei pressi del confine con la Giordania: otto morti. 

     



    15/03/2017 12:08:00 SIRIA
    Nunzio a Damasco: la guerra, “tsunami di violenza” che si è “abbattuto” su famiglie e città

    Ad AsiaNews il card. Zenari racconta sei anni di conflitto che lo hanno “toccato nel profondo”. Un “coinvolgimento” nella sofferenza e un sentimento di “solidarietà” verso il popolo siriano. Il dramma delle famiglie spezzate e un tessuto sociale da ricostruire. La speranza che i colloqui di Ginevra e Astana “portino frutto”. I numeri di sei anni di conflitto.

     



    16/09/2016 13:28:00 SIRIA
    Parroco di Aleppo: Un razzo ha colpito il vescovado siro-cattolico. Timori per la tregua (FOTO)

    Ad AsiaNews p. Ibrahim Alsabagh parla di “isolati episodi di violenza” che “preoccupano” la popolazione civile. Eventi “improvvisi” che alimentano il clima di “instabilità e insicurezza”. Serve una “tregua duratura” che permetta la distribuzione di cibo e aiuti. Situazione critica anche nella zona est. I cristiani pregano per la salvezza della città. 



    21/12/2016 11:23:00 SIRIA
    Aleppo, con canti e balli la popolazione celebra la fine dei combattimenti

    Negli ultimi giorni fuggiti 6mila combattenti con le loro famiglie. In città sono rimasti due milioni di civili, che festeggiano la vittoria dell’esercito governativo. Canti e balli in una piazza del quartiere armeno. La polizia ha intercettato e disinnescato un ordigno. Jihadisti ed estremisti cercano la vendetta. Ma le persone non sembrano intimorite e vogliono ricominciare a vivere. 

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    CINA-GERMANIA
    L’ambasciatore tedesco chiede alla Cina la liberazione di mons. Shao Zhumin



    In una dichiarazione ufficiale sul sito dell’ambasciata, Michael Clauss chiede che al vescovo di Wenzhou, sequestrato, sia data piena libertà di movimento. Preoccupazioni espresse anche per le bozze dei nuovi regolamenti sulle attività religiose, che decretano la fine delle comunità sotterranee. E’ la prima volta dopo un decennio che un ambasciatore europeo chiede la liberazione di un vescovo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®