18 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 20/09/2016, 08.56

    GIORDANIA

    Giordania al voto per le elezioni legislative. In corsa anche i Fratelli musulmani



    Sono circa 4,1 milioni gli aventi diritto al voto, su un totale di 6,6 milioni di abitanti. Dovranno scegliere fra 1252 candidati, per un totale di 130 seggi. Alto il dato relativo all’astensionismo, attorno al 42%. Per gli esperti il Fronte di azione islamica dovrebbe conquistare 20 seggi e diventare il primo partito di opposizione. 

    Amman (AsiaNews/Agenzie) - Questa mattina alle 7 si sono aperte le urne in Giordania - una monarchia Costituzionale - per le elezioni legislative, finalizzate al rinnovo del Parlamento. Sono circa 4,1 milioni gli aventi diritto di voto, su un totale di circa 6,6 milioni di abitanti, che saranno chiamati a scegliere fra 1.252 candidati, per un totale di 130 seggi.

    Una tornata elettorale che non scalda gli animi, perché la Camera gode di poteri limitati ed è dominata da rappresentanti di due gruppi tribali fedeli alla monarchia hascemita. Tuttavia, il voto di oggi segna il ritorno dei Fratelli musulmani che hanno boicottato i due precedenti scrutini. 

    Fra i deputati eletti nell’ultima legislatura, della durata quadriennale, vi erano anche 15 donne, nove cristiani e tre rappresentanti delle minoranze etniche. 

    Analisti ed esperti sottolineano che il vero vincitore di questo voto sarà l’astensionismo. Secondo un recente sondaggio elaborato dal Centro giordano Phenis di Studi e ricerca, il 42% degli elettori prevede di disertare le urne. Fra quanti andranno a votare, il 32,6% sceglierà prima di tutto un membro della propria tribù o della famiglia. 

    La sola incognita resta legata al numero di voti che riuscirà a totalizzare il Fronte di azione islamica (Fai), emanazione locale e braccio politico dei Fratelli musulmani in Giordania. Per gli esperti il movimento legato all’estremismo islamico dovrebbe ottenere un massimo di 20 seggi, diventando così la prima forza politica di opposizione in seno al Parlamento. 

    Il Fai aveva disertato le elezioni del 2010 e del 2013, per protesta contro presunti brogli e irregolarità nelle operazioni di voto. Nel giugno scorso il movimento filo-estremista islamico aveva annunciato l’intenzione di competere alle urne, sebbene si presenti indebolito da divisioni interne e dalla crescente repressione delle autorità. 

    Membro attivo della coalizione internazionale che si batte contro lo Stato islamico (SI) in Siria e in Iraq, la Giordania denuncia da tempo infiltrazioni jihadiste sul proprio territorio e il pericolo di una crescente influenza dei gruppi estremisti e combattenti. Nel febbraio 2015 un pilota dell’aviazione è stato catturato da Daesh [acronimo arabo per lo SI] in Siria e bruciato vivo, nel contesto di una macabra esecuzione che ha inorridito il mondo. Alla sfida jihadista si coniuga l’enorme sforzo compiuto dal Paese che ha aperto le porte e accolto oltre un milione di profughi, pari al 20% circa della popolazione. 

    A questo si unisce la lotta del governo e della monarchia contro l’estremismo islamico e la fratellanza stessa. Ad aprile la polizia ha messo i sigilli al quartier generale dei Fratelli musulmani, ad Amman. Nel 2012 il Parlamento aveva votato la messa al bando del braccio politico della fratellanza, il Fai. Un provvedimento inserito nel pacchetto di riforme elettorali indette dopo le proteste del 2011 legate alla Primavera araba, organizzate dai partiti democratici e in seguito cavalcate dall’opposizione islamista. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/01/2013 GIORDANIA
    Sacerdote giordano: Queste elezioni sono un piccolo passo verso una Primavera araba e il dialogo politico
    Per la prima volta nella storia della monarchia si voterà anche per gruppi politici non legati a tribù o clan. Per p. Rif'at Bader, direttore del Centro cattolico di studi e comunicazioni, le votazioni di domani sono un grande segno di cambiamento. La minoranza cristiana presenta 50 candidati e spera di aumentare la sua presenza in parlamento limitata per legge a 9 seggi. Fuori luogo il boicottaggio degli islamisti e la loro pretesa di un cambio radicale di regime.

    17/04/2012 GIORDANIA
    Il parlamento giordano mette fuorilegge il partito dei Fratelli musulmani
    Una nuova legge vieta la creazione di qualsiasi partito su base religiosa, etnica e confessionale.L' Islamic Action Front, braccio politico dei Fratelli musulmani sarà escluso dalle prossime elezioni parlamentari. Esso è il primo partito di opposizione.

    15/11/2007 GIORDANIA
    Amman si prepara al voto tra accuse di brogli e timori del fondamentalismo
    Le elezioni politiche sono previste il 20 di questo mese. Le opposizioni accusano il governo di manovre per condizionare i risultati. Ma il partito che fa riferimento ai Fratelli musulmani rinuncia al boicottaggio, anche se presenterà solo 22 candidati ad una Camera che ha 110 seggi.

    22/11/2007 GIORDANIA
    La sconfitta degli islamici caratterizza il voto di Amman
    Il Jordan’s Islamic Action Front, che ha avuto solo sei eletti in un Parlamento di 110 seggi, denuncia brogli. Il ministro degli interni annuncia l’arresto di due persone che volevano comprare voti, ma denuncia esagerazioni della stampa. Per la prima volta è stata eletta una donna.

    02/02/2005 GIORDANIA - IRAQ
    Re Abdullah: "Le elezioni, grande successo per gli iracheni"

    Entro il 15 febbraio i risultati del voto di domenica. Dato definitivo del voto all'estero: 93,6%.





    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: Avvento fra i profughi di Mosul, la solidarietà più forte delle difficoltà (Foto)



    P. Samir racconta un clima di gioia e di speranza, nonostante la mancanza di risorse e il calo negli aiuti. La lotta per sopravvivenza ha accresciuto il legame di unione fra cristiani e con musulmani e yazidi. Ancora oggi il centro ospita 150 rifugiati, il 70% dipende dalle risorse stanziate dalla Chiesa. Centinaia di giovani all’incontro di preghiera in preparazione al Natale.


    VATICANO-ASIA
    Xenofobia e populismo. Il caso dell’Asia

    Bernardo Cervellera

    Il simposio sul tema, voluto dal Consiglio mondiale delle Chiese (Wcc) e dal Dicastero vaticano per il servizio dello sviluppo umano integrale. Nella crescente ostilità verso gli altri, considerati come nemici e stranieri, tracciare le piste per l’impegno delle Chiese. I “migranti” tema politico importante in Germania e nella Brexit del Regno Unito. Testimonianze dall’America latina e dall’Africa. Esperienze asiatiche affidate al direttore di AsiaNews.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®