29 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/05/2017, 12.43

    VIETNAM

    Giro di vite di Hanoi sugli attivisti per le vittime della Formosa



    Hoang Duc Binh arrestato, sarà detenuto per 90 giorni. Era in compagnia di Nguyen Dinh Thuc, uno dei due sacerdoti denunciati dal governo. Centinaia di persone riunite per chiedere il rilascio di Binh. La Chiesa cattolica sostiene le rimostranze della popolazione ed è vittima delle rappresaglie delle autorità. Ricercato l'attivista cattolico Thai Van Dung.

    Hanoi (AsiaNews/Rfa) – Le autorità vietnamite hanno disposto l’arresto di Hoang Duc Binh, importante attivista per i diritti umani, per attività contro lo Stato. Nel mezzo di una campagna di repressione verso coloro che protestano contro il governo per il disastro ambientale del 2016, Hanoi ha anche emesso un mandato di arresto per Thai Van Dung, reo di aver violato la libertà condizionata.

    La polizia della provincia di Nghe An, nel Vietnam centrale, ha arrestato Binh, 34, per “resistenza ad ufficiali in servizio” e “abuso delle libertà democratiche per violare gli interessi dello Stato”. A riportarlo è un rapporto del giornale Nghe Un Public Security. Sulla base di queste accuse, Binh sarà detenuto per 90 giorni. All’attivista vengono imputate la diffamazione del Partito comunista sui social media e lo sfruttamento della fuoriuscita di rifiuti tossici da un’acciaieria della taiwanese Formosa Plastics Group per causare tensioni sociali, per mezzo di proteste nelle province di Nghe An e Ha Tinh.

    Binh era in viaggio con il prete cattolico Nguyen Dinh Thuc dopo aver lasciato la parrocchia di Song Ngoc, nel quartiere di Quynh Luu a Nghe An, quando alcuni poliziotti in borghese hanno fatto accostare l’automobile e lo hanno arrestato. Al momento non è stato comunicato il luogo della sua detenzione. Nguyen Dinh Thuc è uno dei due sacerdoti che, agli inizi di maggio, sono stati denunciati dal governo vietnamita per aver organizzato delle proteste contro la Formosa.

    Nel 2016, la fuoriuscita di rifiuti tossici della Formosa ha ucciso circa 115 tonnellate di pesci e ha lasciato senza lavoro i pescatori delle quattro province costiere maggiormente colpite dal disastro. La Formosa ha pagato 500 milioni di dollari Usa per la bonifica e la compensazione delle vittime, ma il lento e irregolare versamento dei fondi da parte del governo vietnamita ha suscitato le proteste dei cittadini, che continuano ad essere organizzate a più di un anno di distanza dalla tragedia. Centinaia di persone si sono riunite ieri davanti all'ufficio del distretto di Dien Chau per chiedere il rilascio di Binh. Le autorità hanno schierato il personale di sicurezza per fermare la manifestazione.

    La Chiesa cattolica sostiene le rimostranze della popolazione ed è essa stessa vittima delle rappresaglie delle autorità. Sempre nella giornata di ieri, il quotidiano governativo Nghe An ha annunciato la ricerca a tappeto sul territorio nazionale dell'attivista cattolico Thai Van Dung, citando un mandato d'arresto firmato dalla polizia provinciale l'8 marzo 2017. Egli non avrebbe rispettato una precedente condanna. Secondo il rapporto, Dung, che ha contribuito ad organizzare proteste anti-Formosa, il primo marzo scorso ha violato i termini della libertà condizionata ed è “scappato dalla sua residenza”.

    Dung è stato arrestato il 19 agosto 2011 e il 9 gennaio del 2013 è stato condannato a quattro anni in prigione e quattro anni di libertà vigilata per aver tentato di “rovesciare il governo” e per la sua presunta affiliazione con il partito di opposizione Viet Tan, messo al bando in Vietnam. In seguito al suo rilascio nel mese di agosto 2015, Dung ha dichiarato che le autorità carcerarie gli avevano offerto di ridurre la pena, qualora avesse firmato una confessione ammettendo le accuse contro di lui, ma ha dichiarato di aver rifiutato. Egli Ha detto che è stato costretto a combattere regolarmente per i suoi limitati diritti e a condurre scioperi della fame, compreso un digiuno di dodici giorni all'inizio del 2014 per cercare di ottenere alcuni testi religiosi.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/04/2017 12:17:00 VIETNAM
    Manifestanti vietnamiti esigono scuse per i maltrattamenti della polizia

    Le forze dell’ordine hanno anche sequestrato magliette che portavano impresso lo slogan “No-Formosa”. I maltrattamenti della polizia scatenano l’ira dei locali. Il parroco Dan Huu Nam: “Devono chiedere scusa per il loro comportamento e restituire le magliette”. A un anno dal disastro, lenta e irregolare distribuzione dei risarcimenti



    12/05/2017 11:13:00 VIETNAM
    Sacerdoti vietnamiti diffamati dal governo, l’appello dei media cattolici

    P. Đặng Hữu Nam e Nguyen p. Nguyễn Đình Thục sostengono le proteste contro il governo per la mancata distribuzione dei risarcimenti di una società resonsabile di uno dei più gravi disastri ambientali della storia del Paese. La federazione dei mass media cattolici in un comunicato: “Fermare subito gli atti terroristici contro i sacerdoti di Thuận Nghĩa”. “Con la nostra totale fiducia in Dio, siamo in comunione, condividiamo e accompagniamo le vittime del disastro”. “Chiediamo agli organi internazionali di accompagnarci nella lotta per i diritti umani e la libertà religiosa in Vietnam”.



    05/04/2017 16:22:00 VIETNAM
    Formosa Group, la Chiesa sostiene le vittime del disastro ambientale

    Dichiarazioni e iniziative per sostenere la popolazione a distanza di un anno dalla catastrofe. P. Anton Đặng Hữu Nam: “Molte vittime non sono state compensate per i danni fisici e mentali”. Mons. Hoàng Đức Oanh: “la compagnia continua a scaricare rifiuti tossici nel mare”. Mons. Paul Nguyễn Thái Hợp: “Il nostro impegno per la nazione e le generazioni future”.



    16/02/2017 11:18:00 VIETNAM
    Cattolici aggrediti dalla polizia: protestavano contro il più grande disastro ambientale della storia del Paese

    La protesta dei fedeli della parrocchia di Song Ngoc per sensibilizzare l’opinione pubblica. Ferito il parroco. I manifestanti hanno sfidato percosse e lesioni ad opera delle forze di polizia. Dieci mesi fa da uno stabilimento della Formosa sono stati riversati in mare 12mila metri cubi di liquido tossico. Le regioni centrali del Paese sono in ginocchio, il risarcimento di 500 milioni di dollari non è mai stato distribuito alla popolazione.



    01/07/2016 08:56:00 VIETNAM
    Hanoi ammette: il disastro ecologico colpa del Formosa Plastic Group, che pagherà i danni

    Dopo tre mesi di indagini il governo ha confermato la responsabilità del gruppo dell’acciaio per la morte di tonnellate di pesce e l’inquinamento del mare. L’azienda pagherà 500 milioni di dollari di multa. Attivisti e dissidenti: “La somma non è nulla se paragonata ai danni. Milioni di persone colpite hanno bisogno di assistenza nel lungo periodo. Anche Hanoi è colpevole”.

     





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®