28 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/01/2011
PAKISTAN
Giustizia e pace: governo pakistano deludente nella lotta contro il fondamentalismo
Il segretario esecutivo di Ncjp punta il dito contro l’immobilità dell’esecutivo, che non permette di eliminare le sofferenze della popolazione. Diritti umani e piena libertà religiosa le condizioni “per garantire la pace nel Paese”. Premier pakistano: nessuna modifica alla legge sulla blasfemia. Leader PML-Q: politiche governative come quelle promosse dal dittatore Zia-ul-Haq.

Lahore (AsiaNews) – Il governo ripete la “solita versione”, ma non dimostra alcuna “volontà politica” di cambiare la situazione attuale. Una immobilità che non permette di “eliminare le sofferenze della popolazione” civile, senza distinzione di fede religiosa, e che dimostra quanto sia “deludente” l’attività dell’esecutivo. È quanto sottolinea Peter Jacob, segretario esecutivo di Giustizia e pace della Chiesa cattolica pakistana (Ncjp), in merito alle recenti dichiarazioni del premier Yousuf Raza Gilani, che “esclude” modifiche alla legge sulla blasfemia ma promette che “non vi saranno abusi” nell’applicazione.
 
Nei giorni scorsi Gilani si è rivolto alla Ulema and Mashaikh Conference assicurando che non sono in programma emendamenti alla legge sulla blasfemia; il premier aggiunge inoltre che il governo “non permetterà a nessuno di abusare di queste leggi”. Egli definisce l’islam religione di “pace, fratellanza e tolleranza” che non insegna “violenza, vendette e omicidi” e lancia un monito agli ulema e ai capi religiosi perché si assumano le loro responsabilità “nella guerra contro il terrorismo”.
 
In risposta, gli esperti di legge islamica presenti all’incontro hanno promesso piena collaborazione al governo per proteggere la vita, le proprietà e l’onore delle minoranze. Essi affermano che l’islam rimarca i doveri verso Allah e gli esseri umani, e invitano i musulmani ad aiutare amici e parenti senza guardare alla fede praticata.
 
Tuttavia le parole del capo del Governo non convincono i leader cristiani, che bollano come “deludente” l’attività sinora svolta dall’esecutivo. Peter Jacob, segretario esecutivo di Ncjp, spiega ad AsiaNews che si tratta della “solita versione” promossa dal premier e dal presidente, ma “manca la volontà politica” di promuovere cambiamenti o “modificare leggi che causano sofferenze a tutta la popolazione, senza distinzione fra cristiani, musulmani, etc…”.
 
Il leader cattolico precisa che in Pakistan “non è in atto un conflitto fra religioni”, ma lancia un appello alla società civile – in larga parte musulmana – perché sia promotrice di cambiamenti. Riprendendo le parole di papa Benedetto XVI, il segretario esecutivo di Ncjp denuncia la “mancanza di libertà religiosa e di coscienza” e sottolinea che è necessario sostenere con maggiore forza il rispetto dei diritti umani, “per garantire la pace nel Paese”. Peter Jacob chiarisce che in Pakistan è in corso un “conflitto politico” e la religione, con le sue derive estremiste, è solo una delle armi in gioco. Anche l’omicidio di Salman Taseer, conclude l’attivista cattolico, in qualche modo è riconducibile a scontri politici “e non solo al fondamentalismo religioso”.
 
Intanto il Pakistan People’s Party (Ppp) è finito nel mirino dei leader della Pakistan Muslim League-Q (PML-Q), che accusano i vertici del partito del presidente Zardari di aver perso “il ruolo originario di natura moderata e progressista”. In un incontro fra rappresentanti dei due schieramenti, un leader PML-Q ha sottolineato che “non vi sono differenze fra le politiche dell’attuale governo e quelle adottate da Zia-ul-Haq”, il generale (e dittatore) pakistano che ha introdotto nel 1986 la famigerata legge sulla blasfemia.
 
(Ha collaborato Jibran Khan)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/01/2011 PAKISTAN
Punjab: Asia Bibi presto trasferita in un carcere femminile a Multan
di Jibran Khan
17/01/2011 PAKISTAN
Lahore: donne cristiane aggredite e umiliate in pubblico con false accuse di blasfemia
di Jibran Khan
15/01/2011 PAKISTAN
Radicali islamici manifestano contro il Papa in tutto il Punjab
di Jibran Khan
16/04/2011 PAKISTAN
Punjab, musulmani attaccano un villaggio cristiano
di Jibran Khan
13/04/2011 PAKISTAN
Asia Bibi: accendete una candela per lei il 20 aprile, chiede la Fondazione cristiana del Pakistan
di Jibran Khan

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate