22 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 20/01/2011
PAKISTAN
Giustizia e pace: governo pakistano deludente nella lotta contro il fondamentalismo
Il segretario esecutivo di Ncjp punta il dito contro l’immobilità dell’esecutivo, che non permette di eliminare le sofferenze della popolazione. Diritti umani e piena libertà religiosa le condizioni “per garantire la pace nel Paese”. Premier pakistano: nessuna modifica alla legge sulla blasfemia. Leader PML-Q: politiche governative come quelle promosse dal dittatore Zia-ul-Haq.

Lahore (AsiaNews) – Il governo ripete la “solita versione”, ma non dimostra alcuna “volontà politica” di cambiare la situazione attuale. Una immobilità che non permette di “eliminare le sofferenze della popolazione” civile, senza distinzione di fede religiosa, e che dimostra quanto sia “deludente” l’attività dell’esecutivo. È quanto sottolinea Peter Jacob, segretario esecutivo di Giustizia e pace della Chiesa cattolica pakistana (Ncjp), in merito alle recenti dichiarazioni del premier Yousuf Raza Gilani, che “esclude” modifiche alla legge sulla blasfemia ma promette che “non vi saranno abusi” nell’applicazione.
 
Nei giorni scorsi Gilani si è rivolto alla Ulema and Mashaikh Conference assicurando che non sono in programma emendamenti alla legge sulla blasfemia; il premier aggiunge inoltre che il governo “non permetterà a nessuno di abusare di queste leggi”. Egli definisce l’islam religione di “pace, fratellanza e tolleranza” che non insegna “violenza, vendette e omicidi” e lancia un monito agli ulema e ai capi religiosi perché si assumano le loro responsabilità “nella guerra contro il terrorismo”.
 
In risposta, gli esperti di legge islamica presenti all’incontro hanno promesso piena collaborazione al governo per proteggere la vita, le proprietà e l’onore delle minoranze. Essi affermano che l’islam rimarca i doveri verso Allah e gli esseri umani, e invitano i musulmani ad aiutare amici e parenti senza guardare alla fede praticata.
 
Tuttavia le parole del capo del Governo non convincono i leader cristiani, che bollano come “deludente” l’attività sinora svolta dall’esecutivo. Peter Jacob, segretario esecutivo di Ncjp, spiega ad AsiaNews che si tratta della “solita versione” promossa dal premier e dal presidente, ma “manca la volontà politica” di promuovere cambiamenti o “modificare leggi che causano sofferenze a tutta la popolazione, senza distinzione fra cristiani, musulmani, etc…”.
 
Il leader cattolico precisa che in Pakistan “non è in atto un conflitto fra religioni”, ma lancia un appello alla società civile – in larga parte musulmana – perché sia promotrice di cambiamenti. Riprendendo le parole di papa Benedetto XVI, il segretario esecutivo di Ncjp denuncia la “mancanza di libertà religiosa e di coscienza” e sottolinea che è necessario sostenere con maggiore forza il rispetto dei diritti umani, “per garantire la pace nel Paese”. Peter Jacob chiarisce che in Pakistan è in corso un “conflitto politico” e la religione, con le sue derive estremiste, è solo una delle armi in gioco. Anche l’omicidio di Salman Taseer, conclude l’attivista cattolico, in qualche modo è riconducibile a scontri politici “e non solo al fondamentalismo religioso”.
 
Intanto il Pakistan People’s Party (Ppp) è finito nel mirino dei leader della Pakistan Muslim League-Q (PML-Q), che accusano i vertici del partito del presidente Zardari di aver perso “il ruolo originario di natura moderata e progressista”. In un incontro fra rappresentanti dei due schieramenti, un leader PML-Q ha sottolineato che “non vi sono differenze fra le politiche dell’attuale governo e quelle adottate da Zia-ul-Haq”, il generale (e dittatore) pakistano che ha introdotto nel 1986 la famigerata legge sulla blasfemia.
 
(Ha collaborato Jibran Khan)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/01/2011 PAKISTAN
Punjab: Asia Bibi presto trasferita in un carcere femminile a Multan
di Jibran Khan
17/01/2011 PAKISTAN
Lahore: donne cristiane aggredite e umiliate in pubblico con false accuse di blasfemia
di Jibran Khan
15/01/2011 PAKISTAN
Radicali islamici manifestano contro il Papa in tutto il Punjab
di Jibran Khan
16/04/2011 PAKISTAN
Punjab, musulmani attaccano un villaggio cristiano
di Jibran Khan
13/04/2011 PAKISTAN
Asia Bibi: accendete una candela per lei il 20 aprile, chiede la Fondazione cristiana del Pakistan
di Jibran Khan

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate