28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/04/2017, 11.49

    COREA - USA - CINA

    Gli Usa dispiegano il Thaad. Trump ritratta i messaggi di guerra contro Pyongyang



    L’intelligence Usa: “Fare pressione sul Nord con sanzioni economiche e diplomazia”. L’ammiraglio Harry Harris: “riportare alla ragione Kim Jong-un”. Le truppe Usa in Corea del Sud cominciano a schierare il controverso sistema antimissilistico. Scontri tra residenti e polizia: 10 feriti.  L’ira di Pechino e le ritorsioni economiche sul Sud.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – L'amministrazione Trump ha comunicato ieri ai membri del Congresso l’intenzione di applicare pressione economica e diplomatica sulla Corea del Nord per smantellare il suo programma di armi nucleari. Il briefing straordinario riservato presso la Casa Bianca è servito ad abbassare i toni circa le azioni militari americane in risposta ai programmi nucleari di Pyongyang.

    Dopo settimane di minacce militari, la dichiarazione congiunta dei capi delle agenzie di intelligence Usa ha affermato che l'approccio di Trump “ha lo scopo di fare pressione sulla Corea del Nord per smantellare i suoi programmi nucleari, missilistici e di proliferazione bellica stringendo sanzioni economiche e perseguendo misure diplomatiche con i nostri alleati e partner regionali”. Il comunicato non fa menzione specifica di opzioni militari, anche se ha ribadito che gli Stati Uniti sono pronti a difendere sé stessi e i propri alleati.

    L’ammiraglio Harry Harris, a capo del Comando per il Pacifico, ha dichiarato ieri che gli Usa vogliono “riportare alla ragione” il leader nordcoreano Kim Jong-un. Harris ha accolto con favore i recenti sforzi di Pechino per cercare di disinnescare le tensioni tra Pyongyang e Washington e ha suggerito che la soluzione non militare rimane l’obiettivo preferito.

    Poche ore prima, le truppe Usa in Corea del Sud hanno cominciato a schierare un controverso sistema antimissilistico Thaad, che ha fatto infuriare la Cina. Washington e Seoul affermano che la sua installazione, concordata l'anno scorso, è destinata a proteggere dalle minacce missilistiche nucleari del Nord. Il Thaad (Terminal High Altitude Area Defence) è progettato per intercettare e distruggere missili balistici a medio e lungo raggio ed è dotato di un potente radar. Pechino teme che questo serva anche a spiare la Cina sostiene che mini l'equilibrio della sicurezza regionale.

    Lo spiegamento di alcune parti del sistema ha avuto luogo ieri, mentre in Corea del Nord è in atto la più grande esercitazione militare, organizzata nell’anniversario della fondazione del suo esercito. Ieri mattina, i filmati televisivi dei media del Sud hanno mostrato diversi camion trasportare alcune componeti del Thaad in un campo da golf nella contea meridionale di Seongju. Centinaia di residenti, preoccupati per il potenziale impatto ambientale del sistema antimissilistico, hanno manifestato la loro ira. Gli attivisti riportano che si sono verificati scontri con la polizia che hanno provocato più di 10 feriti.

    L’apparente fretta degli Stati Uniti a spiegare il Thaad è dovuta sia alle minacce di Pyongyang, ma anche alle incognite legate alle elezioni presidenziali del 9 maggio a Seoul. Diversi candidati hanno espresso la loro opposizione al Thaad. Washington sta facendo pressione su alcuni di loro, incluso il favorito Moon Jae-in del Partito democratico. “Questa mossa ha chiuso qualsiasi spazio per le considerazioni politiche da parte del prossimo governo ed è molto impropria”, ha dichiarato Park Kwang-on, portavoce del candidato.

    Pechino ha condannato la mossa di Stati Uniti e Corea del Sud. Geng Shuang, portavoce del ministero degli Esteri ha detto che il dispiegamento del Thaad “sconvolge gravemente gli interessi strategici di sicurezza della Cina”. “Esso non aiuta in nessun modo a raggiungere la denuclearizzazione della penisola e la pace e la stabilità regionale”, ha dichiarato Shuang, aggiungendo che la Cina “prenderà le misure necessarie per salvaguardare i propri interessi”.

    Pechino ha imposto una serie di misure economiche di ritorsione contro il Sud, tra cui il divieto dei viaggi di gruppo. Il gruppo di vendita al dettaglio Lotte, che in precedenza possedeva il campo da golf su cui è stato installato il Thaad, è stato preso di mira e 85 dei suoi 99 negozi in Cina sono stati chiusi. La Hyundai Motor, la più grande casa automobilistica della Corea del Sud, ha affermato ieri che le vendite cinesi sono scese del 44% solo il mese scorso.

    La Chiesa cattolica ha da tempo dichiarato la sua contrarietà al Thaad. I vescovi hanno più volte espresso la preoccupazione che la penisola possa diventare “il centro di una nuova guerra fredda” se il governo di Seoul, in collaborazione con gli Stati Uniti, porterà avanti il progetto. Essi chiedono al Sud di fermare il sistema missilistico e a Pyongyang di accantonare i progetti di arricchimento nucleare. I vescovi fanno anche notare che “la competizione” nella escalation militare “porta grandi pericoli all’umanità”, e crea “sofferenze economiche fra i poveri”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/02/2017 10:22:00 COREA-USA
    Seoul e Washington per lo scudo spaziale che non piace a Pechino, Mosca e alla Chiesa coreana

    Mattis e il presidente coreano ad interim hanno ribadito la necessità del sistema anti-missilistico Thaad. Per i cinesi, Trump sta potenziando la presenza Usa nel Nordest dell’Asia. Chiesa cattolica: No alla penisola coreana come al centro di una nuova guerra fredda.



    10/05/2017 08:13:00 COREA
    Moon Jae-in è il 19mo presidente della Corea del Sud

    Il candidato democratico ha vinto con il 41,1% dei voti. Promette la fine dello stile “imperiale” della presidenza. Le sfide della disoccupazione e della crescita economica. Una politica di distensione con la Corea del Nord. Gli auguri dagli Stati Uniti, dal Giappone, dalla Cina.



    08/03/2017 08:50:00 CINA-COREA
    Wang Yi: No al sistema antimissilistico Thaad

    Il ministro cinese degli esteri chiede a Pyongyang di fermare il programma nucleare e a Usa e Seoul di cancellare le esercitazioni militari. “Due treni ad alta velocità uno contro l’altro”. Pechino è contraria al Thaad perché teme spionaggio attraverso i radar. Il boicottaggio delle merci coreane. La Chiesa di Corea contro il Thaad perché fa scivolare la penisola in un “centro di una nuova guerra fredda”.



    06/03/2017 08:42:00 COREA DEL NORD
    Pyongyang lancia 4 missili verso il Giappone

    Tre di essi sono finiti a 200 miglia dalle coste giapponesi. Ritorsione contro la “provocazione” delle esercitazioni militari congiunte fra Seoul e Washington. Shinzo Abe: Un nuovo livello di minaccia. Gli Usa pronti a usare “una gamma completa” di strumenti.



    09/11/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD
    Ex leader di Pyongyang: "Solo la caduta di Kim può fermare la crisi nucleare coreana"

    Hwang Jang-yop, un tempo mentore del Caro Leader di Pyongyang ed ex segretario del Partito dei lavoratori nordcoreani, ha spiegato ai parlamentari di Seoul che solo la volontà cinese può portare al crollo del regime. Critiche alla politica "del sole splendente".





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®