27/02/2014, 00.00
SIRIA
Invia ad un amico

Gruppo jihadista impone regole di sottomissione ai cristiani di Raqqa

di Paul Dakiki
Pagamento della tassa di "protezione", divieto di esibire segni cristiani, o restaurare chiese e monasteri. Il gruppo "Stato islamico dell'Iraq e del Levante" accusato dagli altri oppositori a Damasco di fare il gioco di Assad. Un ultimatum di cinque giorni.

Beirut (AsiaNews) - Un gruppo jihadista legato ad al Qaeda ha diffuso una serie di regole che i cristiani di Raqqa devono seguire per essere "protetti". Fra queste vi sono una tassa, compiere i riti al chiuso, non indossare nessun segno cristiano evidente.

Gli estensori delle regole (che essi chiamano "accordo") sono i membri dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante(Isil), un gruppo che ha radici in al Qaeda dell'Iraq e che vuole costruire un unico califfato che abbraccia tutto il Medio oriente, l'Africa settentrionale, l'Andalusia e l'Italia meridionale, antichi possedimenti arabi e islamici.

Raqqa, città del nord della Siria, aveva 300mila abitanti prima dell'inizio della guerra civile nel marzo 2011. Fra questi, l'1% era cristiano. Ora molti abitanti sono fuggiti e la città è nelle mani dell'Isil, che ha diffuso il testo dell'accordo sui siti jihadisti.

Sotto la minaccia di essere trattati con violenza, i cristiani devono pagare la "jiziya", l'antica tassa obbligatoria per i non musulmani.

I cristiani ricchi dovranno pagare una somma pari al valore di 13 grammi di oro puro (mezza oncia); quelli della classe media metà della somma; quelli della classe povera un quarto.

I cristiani non devono esporre croci o simboli della loro fede in ambienti frequentati dai musulmani e soprattutto al mercato; non devono usare altoparlanti per il richiamo alla preghiera; devono compiere i loro riti a porte chiuse all'interno degli edifici di culto.

Il gruppo esige anche che i cristiani si conformino alle regole sul vestire in modo modesto imposte a tutti gli abitanti.

Ai cristiani è vietato portare armi , come pure restaurare chiese e monasteri della zona. Chi non si attiene a queste regole, avrà il destino assegnato alla "gente della guerra e della ribellione", cioè l'uccisione.

L'Isil fa parte delle frange più estremiste e islamiste dell'opposizione a Bashar Assad. Dal gennaio scorso è in atto una guerra senza quartiere fra i gruppi laici e islamici dell'opposizione, come pure fra quelli islamisti più radicali o meno. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, gli scontri fra i due campi hanno causato la morte di almeno 3300 persone, dei quali 924 fra i membri del Siil.

Gli oppositori si stanno coalizzando contro l'Isil, accusato di "fare il gioco di Assad".  Proprio ieri, il Fronte Al-Nusra (Al Qaeda in Siria) ha lanciato un ultimatum di cinque giorni contro l'Isil perché metta fine al conflitto interno, presentandosi davanti a un tribunale religioso.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Aleppo, l’Onu apre un’inchiesta sull’uso di gas contro i quartieri controllati dai ribelli
12/08/2016 08:59
Patriarcato caldeo: a Mosul non ci sono famiglie cristiane, voci false sul pagamento della tassa
11/05/2016 13:33
Gregorio III: "Cristiani e musulmani, noi siamo i migliori garanti gli uni degli altri"
30/07/2014
Metamorfosi dello Stato islamico, minato da dissidi interni e crollo dell’ideologia
28/02/2017 09:53
Arabi e curdi strappano Manbij allo Stato islamico, interrotta la via jihadista all’Europa
13/08/2016 09:41