Skin ADV
06 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/02/2009, 00.00

    PALESTINA

    Hamas e Fatah rilasciano prigionieri nella speranza di ricostruire Gaza

    Joshua Lapide

    Si prepara il dialogo nazionale per far nascere un governo ad interim che guadagni la fiducia della comunità internazionale e 3 miliardi di dollari in aiuto a Gaza. La sfiducia della popolazione verso la corruzione dei due gruppi.

    Gerusalemme (AsiaNews/Agenzie) – Hamas e Fatah, le due principali fazioni palestinesi rivali fra loro, hanno deciso un rilascio reciproco di prigionieri, pochi giorni prima di un incontro in Egitto, che dovrebbe varare degli aiuti per Gaza.

    Hamas ha liberato alcuni membri di Fatah nella Striscia; Fatah ha rilasciato circa 80 membri di Hamas nella West Bank, su un totale di 380 prigionieri. I due gruppi hanno anche deciso di interrompere gli attacchi mediatici l’uno contro l’altro.

    Il gesto di iniziale riconciliazione avviene prima di un incontro con donatori internazionali, che si terrà al Cairo il 2 marzo. I palestinesi vorrebbero mettere a fuoco gli aiuti a Gaza, per cui sono necessari quasi 3 miliardi di dollari per la ricostruzione, dopo l’offensiva israeliana del mese scorso. Ma la comunità mondiale è fredda verso Hamas, ritenuta da molti un’organizzazione terrorista. Fatah, invece è legata a Mahmoud Abbas (Abu Mazen), capo dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp), unica entità riconosciuta internazionalmente.

    I due gruppi hanno approccio diverso verso Israele, con Hamas che lavora per la sua distruzione anche con attentati kamikaze; l’altro cerca la soluzione “due popoli; due Stati”.

    La distanza fra Hamas e Fatah si è allargata negli ultimi 3 anni e nel 2007 il gruppo militante islamico ha preso il potere di Gaza, lasciando a Fatah il controllo della West Bank. Hamas accusa Fatah di aver perfino fatto la spia per Israele durante l'ultima offensiva. Fatah accusa Hamas di perseguitare i suoi membri a Gaza.

    Il dialogo fra Hamas e Fatah è urgente anche in vista delle elezioni presidenziali. Con ogni probabilità, al Cairo si parlerà della formazione di un governo di unità nazionale che potrebbe gestire la società palestinese per un periodo ad interim, fino a che non vi siano le condizioni per elezioni parlamentari e presidenziali nei due spezzoni di territorio palestinese. Intanto, con le donazioni internazionali, si potrebbe ricostruire Gaza.

    La popolazione palestinese non è molto fiduciosa né nell’una, né nell’altra formazione. In passato vi sono stati gravi fatti di corruzione nelle file di Hamas e Fatah.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/06/2008 ISRAELE-PALESTINA
    I palestinesi sostengono la tregua, ma non credono alla pace con Israele
    Un sondaggio evidenzia come la maggioranza dei palestinesi sia a favore sia del cessate-il-fuoco che dei negoziati con Israele, ma dubiti dei risultati di Annapolis. No ai kamikaze e sì invece a elezioni politiche e presidenziali.

    01/01/2009 ISRAELE - PALESTINA
    Capi cristiani di Gerusalemme: Le violenze di Gaza non portano alla pace, ma fanno crescere l’odio
    L’appello dei 13 patriarchi e capi delle Chiese cristiane denuncia le violenze di entrambe le parti; chiede alle fazioni palestinesi di riconciliarsi e mettere gli interessi della popolazione prima dei loro interessi; domanda un impegno della comunità internazionale per una soluzione duratura al conflitto israelo-palestinese. Essi propongono che domenica 4 gennaio 2009 sia celebrata una “Giornata per la giustizia e la pace nella terra della pace”.

    04/08/2009 PALESTINA – ISRAELE
    Il Congresso di Fatah, il primo dopo 20 anni
    Aperture al dialogo con Israele, ma si mantiene la possibilità della “lotta armata”. Molti problemi interni: corruzione, nepotismo, inefficienza, emarginazione dei giovani.

    15/12/2008 ISRAELE – PALESTINA
    Israele libera 227 prigionieri palestinesi. Mano tesa ad Abbas sulla via della pace
    La decisione del governo israeliano è un riconoscimento degli sforzi di pace intrapresi dall’autorità palestinese in Cisgiordania. Una scelta avallata dalla Corte costituzionale: nessuno dei detenuti era implicato in attacchi contro Israele. Dal 2005 a oggi liberati 2100 prigionieri palestinesi.

    04/10/2007 PALESTINA
    Se a Gaza si votasse, secondo un sondaggio Hamas perderebbe
    L’indagine evidenzia che il 42% darebbe la preferenza a Fatah, contro un 15% che la confermerebbe al movimento estremista. La maggioranza degli abitanti della Striscia è favorevole ad un accordo di pace con Israele e chiede a Hamas di modificare atteggiamento su tale questione.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®