25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/07/2017, 13.14

    ARABIA SAUDITA

    Il Regno saudita apre alla ginnastica per le bambine nelle scuole pubbliche



    Lo ha annunciato il ministero all’istruzione, che precisa che l’introduzione dell’educazione fisica avverrà nel rispetto della sharia. Per i conservatori, essa è “immodesta” e contro la “natura” femminile. Mancano le strutture e le istruttrici. Per superare le reticenze degli oppositori, le autorità saudite sostengono l’argomentazione della salute.

    Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – Dal prossimo anno accademico anche le bambine potranno fare educazione fisica nelle scuole pubbliche del regno saudita. Lo ha annunciato ieri il ministero saudita dell’istruzione.

    L’annuncio non riporta quali tipi di attività sportive praticheranno, ma precisa che ciò avverrà “nel rispetto delle norme della sharia” (legge islamica).

    La ginnastica nelle scuole per le bambine è un argomento controverso in Arabia Saudita, poiché considerata dai conservatori “immodesta”. Il Consiglio della Shura aveva approvato l’introduzione dell’educazione fisica per le studentesse nel 2014, ma la decisione non era mai stata messa in pratica per via dell’opposizione dei religiosi, che la denunciavano come segno di “occidentalizzazione”.Per gli oppositori, il rischio è che le donne si abituino all’abbigliamento sportivo e che vadano contro la loro “natura” femminile, sviluppando muscoli che le facciano assomigliare agli uomini.

    Altra problematica all’insegnamento dell’educazione fisica è l’assenza di strutture e di insegnanti, poiché le università saudite non formano istruttrici donne.

    Sarà la principessa Reema bint Bandar a guidare la sezione femminile dell’Autorità generale sportiva del Paese. Nel 2012, l’Arabia Saudita aveva mandato due atlete alle Olimpiadi per la prima volta per evitare l’esclusione dalle competizioni. Alle successive, nel 2016, le atlete saudite erano quattro.

    Le autorità hanno di recente cercato di inquadrare la questione delle donne nello sport con argomentazioni di salute per superare le obiezioni dei conservatori. È alto il tasso di obesità fra i sauditi, e solo il 13% della popolazione fa esercizio almeno una volta a settimana. Il piano di riforma “Vision 2030” ambisce a far salire il numero al 40%.

    Il regno wahhabita pone dure limitazioni alle libertà femminili a causa della sua interpretazione rigida dell’islam: le donne devono coprire capelli e corpo in pubblico, non possono guidare, viaggiare o ricevere cure mediche senza il permesso di un guardiano maschile (in genere padre, marito o un figlio).

    Di recente ci sono stati piccoli miglioramenti e prese di posizione: lo scorso mese, il principe ed ex ministro Faisal Bin Abdullah ha aperto alla guida alle donne, al momento punita con 10 frustate.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/07/2017 14:05:00 IRAN
    Teheran: la sfida delle guidatrici iraniane al velo obbligatorio

    Si oppongono al divieto nonostante le multe e i sequestri. Acceso dibattito sullo spazio “privato” o “pubblico” dell’auto. Per il vicecapo della magistratura solo le parti invisibili dell’auto, come il bagagliaio, sono private. Nonostante le restrizioni, le donne sono parte attiva della società.



    16/04/2009 ARABIA SAUDITA
    Tribunale saudita conferma validità alle nozze di una bambina di otto anni
    Critiche dall’Unicef e dal Dipartimento di Stato Usa. Lo stesso ministro della giustizia di Riyadh dice di voler porre fine all’arbitrio dei genitori che combinano i matrimoni delle minorenni, ma non parla di divieti.

    10/07/2015 PAKISTAN
    Pakistan: il “crimine” di essere donne e non musulmane
    L’Ong cristiana Centre for Legal Aid Assistance and Settlement (Class) ha organizzato un seminario sulla violenza contro le donne. Nel 2014 solo nel Punjab si sono consumati più di 900 omicidi d’onore, 500 sequestri e oltre 400 stupri di gruppo.

    28/10/2014 PAKISTAN
    Non solo Malala: in Pakistan aumenta la discriminazione uomo-donna
    Nella speciale classifica elaborata dal Forum economico mondiale, il Paese è al 141mo e penultimo posto per disparità uomo-donna. Negli anni è precipitato di 30 posizioni. Il Nobel a Malala esempio e incentivo per un riscatto della donna. Un forum denuncia le condizioni delle lavoratrici domestiche, prive di status giuridico e diritto legale.

    23/04/2014 IRAN
    Iran, il presidente Rouhani: Basta discriminazione, uguali diritti e opportunità alle donne
    Il capo di Stato ha parlato al National Forum on Women Shaping Economy and Culture. Egli ha criticato "quelli che considerano una minaccia la presenza delle donne nella società. Secondo le leggi islamiche l'uomo non è il sesso forte e la donna non è quello debole".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®