20 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/07/2017, 11.07

    GIAPPONE

    Il governo ha eseguito altre due impiccagioni



    Il ministro della giustizia Katsutoshi Kaneda ha ordinato le esecuzioni numero 18 e 19 da quando il primo ministro Shinzo Abe è arrivato al potere, nel dicembre 2012, senza dare alcun preavviso ai famigliari e agli avvocati. I vescovi in prima fila contro le esecuzioni. La protesta di Amnesty Internazional: uno dei condannati aveva chiesto il riesame, l'altro aveva rinunciato alla propria difesa.

    Tokyo (AsiaNews/Agenzie) – Ieri sono stati impiccati due detenuti in Giappone, tra i quali un uomo giudicato pluriomocida che stava cercando di ottenere il riesame del suo processo. La notizia è stata data dal ministero della Giustizia.

    Masakatsu Nishikawa, 61 anni, uno dei due detenuti giustiziati, aveva presentato appello per il riesame. Era stato condannato per aver ucciso quattro donne gestori di bar a Himeji, prefettura di Hyogo, nel 1991.

    L'altro detenuto ucciso è stato Koichi Sumida, 34 anni, condannato a morte nel mese di febbraio 2013 dalla corte del distretto di Okayama per aver ucciso il suo ex collega, Misa Kato, 27 anni, lavoratore precario, il 30 settembre 2011.

    Il ministro della giustizia Katsutoshi Kaneda ha ordinato le esecuzioni numero 18 e 19 da quando il primo ministro Shinzo Abe è arrivato al potere nel dicembre 2012 senza alcun preavviso ai famigliari e agli avvocati

    La precedente esecuzione, la prima ordinata da Kaneda, è stata effettuata lo scorso novembre, quando un uomo è stato impiccato per aver ucciso due donne nella prefettura di Kumamoto.

    Amnesty International ha protestato contro l’esecuzione dei due detenuti affermando che nel caso di Nishikawa doveva essere preso in considerazione il riesame. Nel caso di Sumida invece il ritiro della difesa dalla causa processuale ha portato automaticamente alla sentenza di condanna.

    In prima fila contro le esecuzioni c'è da sempre la Chiesa cattolica: "Noi vescovi, tutti i vescovi giapponesi, siamo d'accordo con l'abolizione della pena di morte: non c'è alcuna differenza fra le nostre posizioni. Perché anche se a morire sono degli assassini, nella loro morte si verifica un nuovo omicidio: questa volta commesso dallo Stato. Bisogna rinnovare l'umanità del senso della vita in comune: dobbiamo tornare a considerarci tutti figli di Dio" è stata la presa di posizione della conferenza episcopale del Giappone nel 2012 al riavvio delle esecuzioni dopo un periodo di sospensione.

    Secondo le stime, attualmente in Giappone sarebbero più di un centinaio le persone in attesa di esser giustiziate.

     

     

     

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/04/2007 GIAPPONE
    Le nuove esecuzioni, un ritorno al passato
    Il 23 aprile sono stati impiccati dopo 15 anni tre pluriomicidi. I decreti di morte firmati durante i fine settimana per evitare le critiche dell’opposizione. Il ritorno della pena capitale, forse un modo per svuotare le carceri.

    25/03/2016 09:46:00 GIAPPONE
    Due esecuzioni in Giappone. Mons. Kikuchi: Se invitate papa Francesco dovreste anche ascoltarlo

    Questa mattina il ministro della Giustizia ha confermato l’impiccagione di un serial killer e di un’infermiera, che avrebbe ucciso per ricevere i soldi dell’assicurazione. Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Asia: “Molto triste che questo avvenga nel Triduo pasquale, e per di più nel giorno del Venerdì santo. Ma mi sorprende soprattutto l’atteggiamento del governo. Invita con serietà e insistenza Francesco nel Paese, ma i suoi appelli per una moratoria alla pena di morte sono del tutto ignorati”.



    21/02/2005 giappone
    L'80% dei giapponesi favorevole alla pena di morte


    13/03/2012 IRAN
    Esecuzione pubblica di due uomini. Cresce l'uso della pena di morte in Iran
    Nel 2011 vi sono state 65 impiccagioni; 19 nel 2010; 9 nel 2009. Con le due di oggi, nei primi mesi del 2012 vi sono già state 15 esecuzioni pubbliche. L'Onu chiede la moratoria e la garanzia di legali per gli accusati. L'Iran denuncia l'occidente per un uso strumentale dei diritti umani, per colpire la Repubblica islamica dell'Iran.

    02/08/2007 IRAN
    Nuova ondata di esecuzioni pubbliche in Iran
    Dopo la sospensione della pena capitale per Kobra Ramampuor, la Giustizia iraniana impicca a Mashad 7 uomini. Sopra il patibolo la scritta “Applicare la Giustizia = Aumentare la sicurezza”. Da gennaio a luglio 2007, già 143 le esecuzioni portate a termine.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I nuovi regolamenti religiosi: annientare le comunità sotterranee, soffocare le comunità ufficiali

    Bernardo Cervellera

    Pochi articoli aggiunti rispetto alle bozze. Le religioni viste non come “l’oppio”, ma “la peste” dei popoli. Controllo spasmodico di tutti i livelli del potere politico verso le religioni ufficiali. Multe elevatissime per i membri delle comunità non ufficiali. Sequestro e incameramento dei “siti illegali” da parte dello Stato. Espulsione dalle scuole per attività di “proselitismo”.


    CINA-VATICANO
    Mons. Pietro Shao Zhumin sotto controllo in un ospedale di Pechino

    Bernardo Cervellera

    È stato sottoposto a un’operazione a un orecchio. Gli è stato vietato di partecipare ai funerali di un anziano testimone della fede, p. Giovanni Wang, che ha subito 12 anni di lager. Anche il segretario dl vescovo è stato sequestrato per impedirgli di partecipare ai funerali di p. Wang.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®