21 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 09/12/2016, 09.00

    COREA DEL SUD

    Il parlamento coreano vota l’impeachment della presidente Park Geun-hye



    Contro di lei hanno votato anche membri del suo partito. Si attende ora la decisione della Corte costituzionale. Se viene estromessa, la Park sarebbe il primo presidente sudcoreano a subire tale sorte.

    Seoul (AsiaNews) – Il parlamento sudcoreano ha votato l’impeachment per la presidente Park Geun-hye accusata di diversi scandali e leggerezze sulla sicurezza.

    La mozione di impeachment è passata con 234 voti contro 56. Ciò significa che l’hanno votata anche decine di membri del partito Saenuri, lo stesso della Park.

    L’autorità del presidente passa ora al premier Hwang Kyo-ahn. Il voto significa che i poteri della Park sono sospesi, ma la decisione finale per le sue dimissioni deve essere presa dalla Corte costituzionale, composta da nove giudici, che potrà emettere il suo giudizio entro sei mesi.

    Fonti coreane di AsiaNews sono soddisfatte della decisione: “È una personalità corrotta ed è stata troppo superficiale nel suo rapporto con la sua amica Choi Soon-sil, che determinava la nostra politica interna ed estera, anche verso la Nord Corea, senza fare parte dell’esecutivo”.

    La crisi della Park è scoppiata dopo le rivelazioni riguardanti il suo rapporto con Choi Soon-sil, accusata anch’essa di corruzione: avrebbe sfruttato il rapporto con la presidente per ricevere finanziamenti alle sue fondazioni e favori da imprese e politici.

    Per settimane, milioni di coreani hanno dimostrato in diverse città per chiedere l’estromissione della Park dalla presidenza. Se venisse estromessa, la Park sarebbe il primo presidente sudcoreano a subire tale sorte.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/11/2016 10:41:00 COREA DEL SUD
    La Park vicina all’impeachment, dopo le grandi manifestazioni dei 2 milioni

    Fra due giorni i partiti d’opposizione presentano la mozione in parlamento. Dimostrazioni in diverse città della Corea del Sud. Solo a Seoul si sono radunati 1,5 milioni di persone.



    31/10/2016 09:06:00 COREA DEL SUD
    La “Rasputin della Corea” è tornata in patria per lo scandalo sui discorsi della presidente Park

    Choi Soon-sil, 60 anni, è amica e confidente della Park dai tempi dell’uccisione della madre, nel 1974. Choi padre era un personaggio ambiguo, prima monaco buddista, poi pastore cristiano, poi leader di una Chiesa da lui fondata. Manifestazioni a Seoul e a Busan che accusano la Park di essere “un burattino” della Choi.



    16/01/2017 11:57:00 COREA DEL SUD
    Mandato d'arresto per Lee Jae-yong, vicecapo della Samsung coinvolto nello scandalo della presidente Park

    Avrebbe versato tangenti a Choi Soon-sil per più di 36 milioni di dollari Usa. Per gli inquirenti, nel 2015 il gruppo avrebbe anche finanziato una società sportiva di proprietà di Choi per 18,3 milioni di dollari Usa.



    22/11/2016 14:55:00 COREA DEL SUD
    Un milione di sudcoreani chiedono le dimissioni della presidentessa Park Geun-hye

    Durante il quarto week end di proteste, il popolo sudcoreano continua ad affollare le strade della capitale. L’ufficio presidenziale rigetta le accuse dei procuratori, che dichiarano Park “complice” e “indiziata”. 



    19/01/2017 08:38:00 COREA DEL SUD
    Samsung: la corte nega il mandato d’arresto per il vicecapo Lee Jae-yong

    Era accusato di corruzione, appropriazione indebita e falsa testimonianza e coinvolto nello scandalo che ha travolto la presidente Park. Secondo i giudici i motivi non sono sufficienti per approvare la richiesta di fermo.





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®