27 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/09/2014, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Il secondo giorno di Occupy Central. Critiche alle violenze della polizia

    Paul Wang

    Le vie del centro sono chiuse: Admiralty, Wan Chai, Causeway Bay. A Kowloon chiuse Nathan Road, Mong Kok e Argyle Street. Scuole e banche chiuse. Il sindacato insegnanti si unisce allo sciopero. Nella notte la polizia ha usato manganelli, spray, gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti, che chiedono le dimissioni di Leung Chun-ying. Pechino accusa il movimento "illegale".

    Hong Kong (AsiaNews) - Decine di migliaia di manifestanti continuano ad occupare le vie principali dell'isola di Hong Kong e di Kowloon al secondo giorno della campagna di Occupy Central, che chiede la piena democrazia nelle elezioni del territorio. La notte scorsa i manifestanti hanno occupato la zona di Admiralty, vicino agli uffici del governo. La polizia in tenuta anti-sommossa ha cercato di disperdere la folla con manganelli, spray urticanti e gas lacrimogeni, ma ha ottenuto l'effetto contrario: molti abitanti di Hong Kong, vedendo queste violenze, si sono aggiunti ai dimostranti, occupando zone sempre più larghe. Nella tarda notte, oltre ad Admiralty, vi sono state le occupazioni di Wan Chai, Causeway Bay, una parte di Nathan Road, Mong Kok e Argyle Street.

    Questa mattina, tutti coloro che dovevano recarsi al lavoro hanno dovuto trovare percorsi alternativi. Oltre 200 corse di autobus di linea sono state cancellate; il servizio tranviario sospeso, alcune stazioni della metropolitana sono state chiuse.

    Anche molte banche, almeno 17, con sede in Central sono chiuse fino a nuovo ordine. Gli incontri al Legco (il parlamento di Hong Kong) sono sospesi.

    Tutte le scuole del centro sono chiuse anche perché il sindacato degli insegnanti - che raccoglie 90mila membri - ha deciso di scioperare per un "reale suffragio universale" e fino a che il capo dell'esecutivo Leung Chun-ying non dà le dimissioni.

    Sindacalisti, politici, gente comune sono scandalizzati dalla violenza usata dalla polizia contro studenti inermi e contro manifestanti pacifici.

    Le autorità di Hong Kong hanno condannato le manifestazioni come illegali e domandano il loro scioglimento. Ma ormai Occupy Central chiede le dimissioni di Leung per aver manipolato le informazioni passate a Pechino sul desiderio di democrazia del territorio e per non voler incontrare gli studenti in sciopero la scorsa settimana, causando in modo indiretto le violenze della polizia.

    Immagini e informazioni sulle manifestazioni di Hong Kong si diffondono in Cina attraverso i social network. Alcuni di questi, come Instagram, che diffonde immagini, sembra oggi essere bloccato.

    Xinhua e Global Times, il giornale vicino al Quotidiano del popolo, più che dare una cronaca degli avvenimenti, riportano giudizi dell'esecutivo di Hong Kong e la posizione della Cina, accusando di "illegalità" il movimento di Occupy Central che "mette in crisi l'immagine internazionale di Hong Kong, presentando al mondo un'immagine turbolenta della città".

    I giudizi ad Hong Kong sono proprio il contrario. Anson Chan, già segretaria generale dell'esecutivo, ha dichiarato: "Questo è un giorno triste per Hong Kong. Le immagini della polizia che lancia spray al peperoncino e gas lacrimogeni in faccia a dimostranti disarmati getta vergogna sul nostro governo di fronte a tutto il mondo".

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2014 HONG KONG - CHINA
    Occupy Central: in attesa del dialogo col governo, la Corte suprema ordina lo sblocco di alcune strade a Mong Kok e Admiralty
    Le ingiunzioni della Corte suprema richiesti da ditte di taxi, minibus e dalla Citic. Un dimostrante accusa la decisione di essere contro la libertà di espressione. L'incontro fra la Federazione degli studenti e il governo è fissato alle 18 di oggi. Per il governatore di Hong Kong, la piena democrazia danneggerebbe l'economia, perché dà potere ai poveri. Per la Chiesa cattolica, il movimento di Occupy ha già raggiunto il grande risultato di una maggiore coscienza politica e di impegno ideale della popolazione.

    14/11/2014 HONG KONG-CINA
    Gli studenti di Occupy in viaggio "di protesta politica" a Pechino
    I giovani vogliono incontrare il premier Li Keqiang e membri dell'Assemblea nazionale del popolo, responsabili della decisione di ridurre la libertà di voto ad Hong Kong. Timori per un intervento della polizia per smantellare barricate e sit-in. Liberati 31 giovani, arrestati lo scorso ottobre.

    01/09/2014 HONG KONG - CINA
    Occupy Central: Una nuova era di disobbedienza civile per la democrazia di Hong Kong
    Il movimento democratico "deluso" per le posizioni intransigenti di Pechino, che nega il suffragio universale per l'ex colonia britannica. La proposta cinese elimina la Commissione elettorale ma ne crea un'altra, uguale per dimensione e composizione, incaricata di nominare "due o tre" candidati per il ruolo di capo dell'esecutivo. Inoltre "chi non ama come prima cosa la Cina non potrà mai guidare Hong Kong. Concediamo autonomia elevata, non totale". La protesta della popolazione: "Siamo pronti per la democrazia, non viviamo in Corea del Nord".

    29/08/2014 CINA - HONG KONG
    Pechino, pronta la bozza per la "democrazia" in Hong Kong. I democratici promettono boicottaggio
    Il Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo applaude alla bozza, rifiutata da tempo dal movimento di Occupy central. Anche i democratici più dialogici non la voteranno. Timori per tensioni sociali.

    18/08/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, attivisti filo-cinesi in piazza contro il movimento pro-democrazia Occupy Central
    Decine di migliaia di persone hanno sfilato per denunciare la “minaccia” rappresentata dagli attivisti democratici. Fra i manifestanti “turisti” provenienti dalla Cina e persone pagate per sfilare. Dietro “pressioni” dei datori di lavoro, presenti anche dipendenti di gruppi industriali. Per i leader di Occupy Central la battaglia pro democrazia continua.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®