14 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/11/2013, 00.00

    CINA-VATICANO

    In prigione due sacerdoti della Chiesa sotterranea. I dubbi sulle riforme "senza precedenti" di Xi Jinping

    Bernardo Cervellera

    I due giovani preti erano attivi nel dare lezioni di catechismo agli adulti di Qinyuan. Multe salate ai fedeli che li aiutavano. Qualche cattolico spera che la concentrazione del potere nel Consiglio di sicurezza nazionale toglierà peso alle associazioni patriottiche e darà più libertà religiosa. Altri temono che la situazione potrà peggiorare perché fra le riforme si ribadisce il monopolio del potere del Partito comunista.

    Roma (AsiaNews) - Dai primi di ottobre due sacerdoti della Chiesa sotterranea sono in prigione. Il loro "crimine" è di aver organizzato delle sessioni di catechismo per adulti nella cittadina di Qinyuan, vicino a Baoding  (Hebei). Si tratta di p. Tian Dalong e di un altro sacerdote di cui AsiaNews non conosce l'identità, entrambi sui 40 anni: sono stati arrestati e portati in isolamento in alcune baracche di proprietà della polizia di Baoding, uno dei centri a maggior concentrazione delle comunità non ufficiali. Quattro fedeli laici, che aiutavano i sacerdoti nella loro opera di catechesi, sono stati costretti a pagare ognuno una multa di 4mila yuan (circa 400 euro), pari a oltre due mesi di salario di un operaio specializzato.

    Secondo fonti di AsiaNews vi sono almeno 10 sacerdoti in condizioni simili, alcuni perfino condannati al laojiao (campi di lavoro forzato di "riforma attraverso il lavoro") per anni. Il fatto importante è che questi ultimi arresti sono avvenuti a poche settimane dal Terzo Plenum del Partito comunista cinese, proprio mentre la leadership gridava ai quattro venti che tale incontro avrebbe prodotto riforme "senza precedenti".

    I media mondiali, imbeccati dalle controllate notizie di Xinhua, hanno elogiato queste possibili riforme, fermandosi soprattutto sull'aspetto economico: arretramento dell'influenza del governo nell'economia; valorizzazione degli investimenti privati e stranieri; riforma delle tasse; eliminazione del certificato di residenza obbligatoria (hukou) per i migranti; riforma della legge sul figlio unico; ecc...

    AsiaNews ha presentato questi aspetti mostrandone anche le ambiguità (v. qui, qui, qui e qui).

    Nel mondo cattolico cinese ci si domanda se il Plenum porterà più speranza di libertà per i cattolici e per la libertà religiosa in generale. Tali domande si concentrano sulla funzione che avrà il nuovo Consiglio nazionale di sicurezza varato proprio al Plenum come esempio di nuova riforma.

    Secondo la Xinhua, il Consiglio di sicurezza nazionale (Csn) dovrebbe portare a "perfezione il sistema e la strategia di sicurezza nazionale, garantendo la sicurezza della nazione". Le poche spiegazioni sul Csn sono state date dallo stesso Xi Jinping, per il quale il nuovo organismo dovrebbe "rafforzare l'unità della leadership nella sicurezza dello Stato", facendo della "sicurezza nazionale e della stabilità sociale le precondizioni per le riforme e lo sviluppo" (Xinhua, 15/11/2013).

    Diversi esperti pensano che "l'unità della leadership nella sicurezza dello Stato" significa che il Csn sarà un gruppo di potere superiore all'esercito, alla polizia, ai servizi segreti, alla magistratura che dovrebbe garantire la stabilità sociale interna e i rapporti con i Paesi esteri.

    Alcuni cattolici della Cina nord ed orientale pensano che questa concentrazione del potere nelle mani del governo centrale, e forse dello stesso Xi Jinping, potrà favorire la libertà religiosa. Molto spesso le prigionie, gli espropri di terreni delle chiese, gli arresti di sacerdoti o fedeli dipendono dalle decisioni dei capi locali, che non si premuniscono nemmeno di seguire i Regolamenti nazionali sulle religioni.  In più, dare più forza al potere centrale indebolirà il ministero degli affari religiosi - attualmente fra i più stalinisti degli uffici del governo - e le associazioni patriottiche.

    A riprova di un rilassamento del controllo nelle periferie, i cattolici citati dicono che la polizia lascia vivere le comunità sotterranee, si preoccupa della salute dei vescovi (per timore di dover affrontare crisi più gravi in caso di nomine), si intrattiene in dialogo (forse per controllarli) con sacerdoti sotterranei.

    Altri fedeli di Pechino e della Cina centrale dicono invece che "non è cambiato nulla" e che la situazione è sempre la stessa: sacerdoti sotterranei imprigionati (come i due citati sopra); proibizione di incontri fra i fedeli; spadroneggiare delle associazioni patriottiche. Se a questo si aggiunge la lista dei vescovi scomparsi nelle mani della polizia da anni; il vescovo di Shanghai agli arresti domiciliari; il controllo sugli altri vescovi (anche quelli ufficiali), si comprende la loro conclusione: "Per ora non è cambiato nulla. Bisognerà vedere fra qualche mese se vi è un cambio di politica. In ogni caso, questo dipenderà dall'idea di riforma che la leadership ha in mente: la concentrazione di tutto il potere nelle mani di pochi potrebbe anche peggiorare la situazione".

    Secondo l'attivista Hu Jia, la concentrazione di potere "potrà essere usata contro i difensori dei diritti umani, coloro che sostengono i valori universali e la libertà di parola e di religione - persone che il Partito non può tollerare perché li vede come una minaccia al suo governo".

    A conferma di ciò vi è il fatto che nei comunicati di Xinhua sul testo uscito dal terzo Plenum (del quale non si ha ancora la versione definitiva e ufficiale) si ripete che tutte le riforme sono in funzione di un rafforzamento del potere monopolistico del Partito comunista cinese.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/04/2014 CINA
    Vino nuovo in otri vecchi: i cambiamenti dell'ideologia di Stato in Cina
    Il Partito comunista cinese sta attenuando il suo passato rivoluzionario per assumere un nuovo volto basato sull'esaltazione della cultura cinese tradizionale e il nazionalismo. Mao era solo un riformatore utopista; Confucio va insegnato in tutte le salse e propagandato nei media. Rimane ferma la rivendicazione del Partito unico. Per gentile concessione della Jamestown Foundation (trad. italiana di AsiaNews).

    02/11/2013 CINA
    Bao Tong: Il terzo Plenum comunista, momento di svolta (improbabile) per la Cina
    La storia cinese insegna che il primo incontro plenario della nuova leadership è convocato per assistere alla transizione del potere; il secondo serve per il passaggio di consegne mentre è nel terzo che si scoprono le carte dei nuovi padroni del Paese. Ma gli arresti continui contro i dissidenti e i feroci abusi ai diritti umani della popolazione non lasciano grandi speranze per la leadership di Xi Jinping.

    20/11/2013 CINA
    Bao Tong: Dal Plenum belle parole. Ma il Partito uccide il mercato
    Il grande statista dissidente commenta le decisioni prese dalla Commissione centrale del Partito comunista: "Parlano di libero mercato, ma con il sistema del Partito unico non è pensabile che si sviluppi davvero. E poi non hanno ancora pubblicato i documenti, siamo davanti solo a chiacchiere per la stampa. Per una vera riforma serve l'impegno della cittadinanza".

    18/04/2006 Cina
    Cina, Pasqua di repressione per la Chiesa dell'Hebei

    Fonti di AsiaNews nella provincia confermano che la situazione "è sempre durissima". I fedeli "impediti a recarsi in chiesa e costretti a fare 300 chilometri per assistere alla messa in altre diocesi, meno controllate". La lista aggiornata dei vescovi e sacerdoti della provincia ancora agli arresti.



    25/04/2016 12:29:00 CINA
    Xi Jinping mette in guardia dalle “infiltrazioni straniere” nelle religioni

    A una conferenza di alto livello lo scorso fine settimana, il presidente cinese mette in chiaro che le religioni hanno a che fare con “la sicurezza dello Stato” e con la “unificazione della nazione”. Si ribatte la “sinicizzazione”: la politica religiosa del Partito rimane la stessa.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®