10/04/2014, 00.00
ARABIA SAUDITA
Invia ad un amico

In tribunale con la forza i mariti sauditi che rifiutano di concedere il divorzio

Proposta nuova legge per rafforzare e tutelare i diritti delle donne dopo il divorzio. Entrerà in vigore dalla settimana prossima.

Gedda (AsiaNews/Agenzie) -  I mariti sauditi che si rifiuteranno di concedere il divorzio alle proprie mogli saranno portati con la forza in tribunale, lo stabilisce una legge che sarà effettiva dalla settimana prossima. Questa  notizia è stata riportata martedì dal quotidiano saudita Al- Watan.

Un membro del Consiglio della Shura dell'Arabia Saudita ha proposto, infatti, una nuova legge per dare maggiore protezione alle donne divorziate, legge necessaria visto il crescente numero di uomini che divorziano dalle loro coniugi.

La nuova legge dovrebbe servire per accelerare l'esame delle cause di divorzio presentate dalle mogli contro i loro mariti.

Nel caso in cui i mariti si rifiutino di accettare la domanda di divorzio, di pagare gli alimenti dei figli o di rifiutare la custodia dei figli alle mogli, verranno portati in tribunale con la forza.

 

 

 

 

 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Allarme divorzi a Riyadh: studiosi e governo alla ricerca di soluzioni
18/01/2008
Tra i sauditi calano i divorzi, ma ancor più i matrimoni
01/03/2008
Avvistata in un porto somalo la petroliera saudita dirottata
18/11/2008
Riyadh rilascia le prime patenti femminili, ma trattiene gli attivisti in carcere
05/06/2018 10:20
Riyadh, via libera alle imprese al femminile. Non servirà l’autorizzazione del guardiano
19/02/2018 12:39