23 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/01/2016, 00.00

    INDONESIA

    Jakarta, caccia alle cellule terroriste dello Stato islamico



    Tre uomini fermati nei pressi della capitale. Il principale sospettato della pianificazione delle bombe è Bahrum Naim. Un anno fa è stato in Siria a combattere con lo SI. Tornato in patria, ha pubblicato un documento online in cui incoraggia i miliziani indonesiani a imitare gli attacchi di Parigi.

    Jakarta (AsiaNews/Agenzie) – Le forze di sicurezza indonesiane stanno dando la caccia alle cellule del terrore legate agli attentati di ieri a Jakarta, che hanno lasciato un bilancio di sette morti e 26 feriti. Lo ha detto l’ispettore generale della polizia, gen. Karnavian in una intervista alla Bbc, in cui ha affermato che “gli indonesiani sono al sicuro perché i colpevoli sono un piccolo gruppo che stiamo monitorando e a cui diamo la caccia”. “Gli attentatori – ha aggiunto – sono stati neutralizzati, ma sono legati ad altre cellule in Java e nelle Sulawesi”.

    Oggi tre uomini sono stati arrestati nei pressi di Jakarta, ma non è ancora chiaro se siano coinvolti negli attacchi. Esperti di terrorismo sono concordi nel dire che l’esiguo numero di vittime innocenti, a dispetto dell’alto numero di esplosioni, rivelerebbe la mano di gruppi locali con poco addestramento.

    Il generale Karnavian ha confermato le dichiarazioni rilasciate ieri, secondo cui gli attacchi sono stati effettuati da “combattenti del Califfato” ed erano diretti contro “cittadini della coalizione crociata”. Per questo le esplosioni si sono concentrate in una zona ad alto tasso turistico.

    Per le autorità indonesiane il responsabile degli attentati è il gruppo legato allo Stato islamico (SI) capitanato da Bahrum Naim (v. foto). Secondo gli agenti egli vorrebbe unire tutti i gruppi del sud-est asiatico sotto la bandiera del Califfato. L’uomo è al momento in fuga.

    Sette anni fa, Bahrum Naim gestiva un internet cafè nella città di Solo (Sukarta) nel Java centrale. Nel 2011 è stato arrestato per possesso illegale di armi e ha scontato tre anni di prigione. Da quel momento è divenuto il punto di riferimento dei gruppi terroristi dell’isola. Un anno fa Naim è partito per la Siria per combattere nelle file dello SI.

    Qualche tempo fa, è apparso un scritto online dal titolo “Lezioni dagli attacchi di Parigi”, in cui Naim incoraggiava le cellule indonesiane a studiare e imitare la pianificazione, il tempismo e la coordinazione degli attacchi del 13 novembre 2015.

    Il gen. Karnavian ha affermato che sono circa 400 gli indonesiani partiti per la Siria per unirsi allo SI, di cui 50 sarebbero morti.

    I simpatizzanti jihadisti in Indonesia sarebbero circa 1000: un numero esiguo se si pensa che esso è il Paese musulmano più popoloso al mondo, con 206 milioni di fedeli al Corano (l’87%).

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    27/01/2016 11:31:00 INDONESIA
    Almeno 200 indonesiani arruolati nell’Isis. Continua la caccia agli attentatori di Jakarta

    Le forze speciali di marina ed esercito si sono unite alla polizia per cercare Baharum Naim (forse la mente degli attacchi) e Santoso, il ricercato numero uno del Paese. Quest’ultimo si nasconde a Poso, zona di giungla montagnosa dove ha molti simpatizzanti fra la popolazione locale.



    21/12/2016 08:52:00 INDONESIA
    Jakarta: sventato attacco terroristico, uccisi tre estremisti

    Obiettivo dei terroristi erano gli agenti adibiti alla sicurezza dei festeggiamenti natalizi. La polizia ha compiuto un raid in un quartiere a sud di Jakarta, uccidendo i sospettati che hanno opposto resistenza. Un quarto uomo è stato arrestato. Farebbero tutti parte della cellula terroristica di Solo.



    01/07/2017 11:16:00 INDONESIA
    Jakarta, due poliziotti feriti mentre pregavano in moschea, ucciso l’assalitore

    I simpatizzanti indonesiani dello Stato islamico (Is) prendono di mira gli agenti. L'aggressore si è unito alla preghiera di circa 20 poliziotti e ha lanciato l’attacco. L’attentatore ucciso durante la fuga. I legislatori impegnati a passare entro l’anno le revisioni della legge antiterrorismo. Dall’amministrazione Widodo una campagna antiterrorismo.



    04/10/2016 08:49:00 INDONESIA
    Voleva uccidere il governatore cristiano di Jakarta: sei anni ad un terrorista islamico

    Arif Hidayatullah era stato arrestato il 23 dicembre 2015. Aveva confezionato bombe fatte in casa per colpire il politico e diversi luoghi di culto nella città di Bogor. Era in stretti legami con Bahrnu Naim, jihadista di primo piano, ora in Siria a combattere per lo Stato islamico.

     



    08/02/2016 12:41:00 INDONESIA
    Dopo gli attentati, Jakarta in bilico fra prevenzione e diritti umani

    Uno degli obiettivi a breve termine del presidente Joko Widodo è la riforma delle leggi sul terrorismo, per permettere operazioni di prevenzione. Gli attentatori di Jakarta erano monitorati da tempo ma la polizia non ha potuto fare nulla per bloccarli. Cresce la minaccia dello Stato islamico nel Paese. Convocate le organizzazioni musulmane moderate: “Controllate i sermoni nelle moschee”. Singapore e Malaysia modelli di lotta all’integralismo.





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Il card. Parolin a Mosca: l’Ostpolitik che vince le diffidenze

    Vladimir Rozanskij

    A tema un incontro fra papa Francesco e il patriarca Kirill, non a Mosca, ma in qualche luogo santo dell’Oriente cristiano, o a Bari. Una conferenza internazionale sul futuro di Ucraina e Crimea. L’impegno per i cristiani e la pace in Medio oriente.


    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®