21/08/2014, 00.00
IRAQ - SIRIA - USA
Invia ad un amico

James Foley, un giornalista che cercava "un senso" nella guerra

Nato in una famiglia cattolica, il reporter arriva al giornalismo tardi, dopo una carriera come insegnante tra bambini e ragazzi in difficoltà. L'esempio del fratello, pilota dell'aviazione militare Usa, e la sensazione di "dover essere lì" per comprendere cosa accade in questi Paesi lontani. Le preghiere e il rosario durante il sequestro in Libia nel 2011.

Baghdad (AsiaNews/Agenzie) - Un uomo "cerebrale e riflessivo", che si interrogava "sul senso della guerra" e che "sentiva di dover essere lì". Così amici e colleghi descrivono James Foley, il giornalista statunitense ucciso e decapitato da un miliziano dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (Isis). Diffuso ieri, il filmato che mostra la sua esecuzione ha fatto il giro del mondo. La "caccia all'uomo", il boia dall'accento londinese che appare accanto a lui nel video, è già stata lanciata. Il suo esecutore potrebbe essere volato in Siria negli ultimi tre anni e appartenere a un piccolo gruppo di inglesi che ha l'incarico di controllare gli ostaggi occidentali dell'Isis.

Fonti Usa rivelano che una missione militare segreta aveva cercato di liberare il reporter e altri connazionali tenuti in ostaggio in Siria, ma aveva fallito. Intanto, si cerca di capire chi fosse questo giornalista che negli ultimi cinque anni è stato in Iraq, Libia e Siria.

Nato in una famiglia cattolica del New Hampshire, maggiore di cinque figli, Foley, 40 anni, arriva "tardi" al giornalismo. Laureato in storia nel 1996 alla Marquette University, dopo il college insegna tra i ragazzi dei bassifondi di Phoenix attraverso il programma Teach for America. In seguito, continua la sua attività di docente tra i giovani carcerati del Cook County di Chicago.

Ancora single, intorno ai 35 anni cambia vita. Si iscrive a un master della Northwestern University's Medill School of Journalism e i corsi sul giornalismo di guerra lo affascinano. Ma il suo interesse per quei Paesi devastati da conflitti nasce anche da uno dei suoi fratelli, John, che nel 2007 era stato di stanza in Iraq con l'aviazione militare americana. Agli studenti, Foley ricorderà di essersi sentito "frustrato e disconnesso" nel guardare le guerre da lontano.

Completato il master, Foley parte per l'Iraq embedded con l'Indiana National Guard. Da allora, come giornalista free-lance, inizia a lavorare in zone di conflitto per varie testate, tra cui il GlobalPost di Boston.

Nel 2011 è in Libia, a raccontare la guerra civile. Insieme a un gruppo di giornalisti viene rapito e tenuto in ostaggio per 44 giorni. Tra questi, c'è anche Clare Morgana Gillis. Nella sparatoria che ha preceduto il sequestro Anton Hammerl, un fotografo africano, resta ucciso. In una conferenza tenuta alla Northwestern University's Medill School of Journalism poco dopo il suo rilascio, Foley prova a spiegare questa sua attrazione per i luoghi pericolosi del mondo: "Quando vedi qualcosa di davvero violento, ti accade qualcosa di strano. Non sempre [ciò che vedi] ti disgusta. A volte ti attira di più... È una strana forma di forza". Sei mesi dopo torna nel Paese per documentare la caduta di Gheddafi. Dopo la Libia sarà la volta della Siria, dove troverà la morte.

Tuttavia, per amici e familiari la dedizione di Foley al suo lavoro era frutto della sua fede. Durante il sequestro in Libia, scriverà su una rivista dell'università: "Clare e io abbiamo pregato insieme e recitato il rosario ad alta voce. Ci dava forza tirare fuori le nostre debolezze e le nostre speranze, come se stessimo conversando con Dio, anziché farlo da soli e in silenzio".

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Ban Ki-moon: "Tutti oltraggiati" per la decapitazione di Steven Sotloff
03/09/2014
Arcivescovo di Mosul: Le decapitazioni islamiste, barbarie e paura per le sconfitte militari
03/09/2014
Stati Uniti: Stato islamico, la "più grande minaccia" per gli Usa. Da combattere anche in Siria
22/08/2014
L’Isis decapita uno degli ostaggi drusi sequestrati nell’attacco a Suweida
06/08/2018 08:54
Orissa, cristiano decapitato per la propria fede
20/02/2019 09:14