19 Ottobre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/11/2016, 08.55

    INDIA

    Kashmir: dopo 133 giorni di rivolta, i separatisti annunciano due giorni di tregua



    Il prossimo weekend negozi ed esercizi commerciali riapriranno i battenti. Potranno circolare anche i mezzi pubblici. Da quattro mesi i leader dei separatisti dettano il calendario delle proteste. Le autorità di Delhi sarebbero “apatiche” nei confronti della questione della Valle.

    Srinagar (AsiaNews) – I leader dei separatisti del Kashmir hanno annunciato due giorni di tregua dai continui disordini che stanno sconvolgendo la Valle da 133 giorni. Sabato e domenica prossimi, 19 e 20 novembre, i guerriglieri abbasseranno armi e pietre, e consentiranno la riapertura dei negozi chiusi dallo scorso luglio.

    La decisione è stata presa ieri sera dai tre leader alla guida della rivolta, Syed Ali Geelani, Mirwaiz Umar Farooq (rispettivamente, leader carismatico e presidente del movimento politico Hurriyat) e Mohammad Yasin Malik, capo del Jklf (Jammu Kashmir Liberation Front).

    Dallo scorso luglio, da quando le forze di sicurezza indiane hanno ucciso il famoso combattente Burhan Wani, amatissimo sui social network, i tre separatisti hanno dettato il calendario delle proteste. Il prossimo weekend negozi ed esercizi commerciali saranno riaperti al pubblico, i mezzi pubblici riprenderanno a circolare per le strade.

    I leader sostengono che in questi mesi “la popolazione del Kashmir ha ottenuto una vittoria morale, rifiutandosi di cedere e sottomettersi all’oppressione”. “Abbiamo chiarito all’India – aggiungono – che siamo padroni del nostro destino. Al mondo non esistono paragoni con i nostri 130 giorni di protesta con il supporto e la partecipazione del popolo. Questo dà la misura della nostra forza. Solo una nazione che possiede profondo impegno, capacità di ripresa, determinazione e coraggio può sostenere questo tipo di lotta”.

    In realtà c’è anche chi sostiene che il rilassamento dell’opposizione sia dovuto “all’apatia” con cui Delhi guarda alla questione del Kashmir. C’è da dire che negli ultimi giorni, nonostante le proteste e il coprifuoco, in alcune zone dello Stato sono iniziate a circolare autovetture. Inoltre dopo un lungo periodo di silenzio e calma, si sono uditi di nuovo i passi dei pedoni: quelli delle migliaia di studenti che, sfidando i pericoli, hanno deciso di presentarsi a scuola per sostenere gli esami annuali.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/11/2016 08:59:00 INDIA
    Kashmir, studenti sfidano coprifuoco e separatisti: più del 95% agli esami annuali

    Ieri si sono svolti gli esami per la 12ma classe; oggi ci saranno quelli per la 10ma. L’affluenza degli studenti è stata superiore a quella dello scorso anno. Il ministero dell’Educazione ha stabilito che le prove vertano su metà del programma, dato che gli alunni non vanno a scuola da quattro mesi.



    11/01/2017 09:07:00 INDIA
    Kashmir, cinque mesi di rivolta nel 2016 “costati” 2,2 miliardi di euro

    Ieri è stato presentato il primo studio sistematico sui costi economici dei disordini scoppiati a luglio scorso. Quelli umani sono già noti: circa 100 morti e 12mila feriti. Al collasso turismo, trasporti, artigianato, piccole aziende. Gli studenti hanno completato solo la metà del programma di studi.



    06/05/2009 INDIA
    Kashmir: sciopero generale dei separatisti musulmani per boicottare le elezioni
    A Srinagar molti negozi, scuole e uffici sono chiusi. I principali leader separatisti sono agli arresti domiciliari. La polizia aumenta il dispiego di forze per la sicurezza. Le urne aprono domani: dei 1483 seggi, 665 sono a rischio.

    10/04/2017 09:08:00 INDIA
    Kashmir, scontri nelle elezioni straordinarie: 8 morti e centinaia di feriti

    Il voto si è svolto in tre distretti per sostituire un membro dell’Assemblea statale. I manifestanti indicono un boicottaggio fino a domani. Servizi di internet sospesi fino al 12 aprile. La partecipazione elettorale si ferma al 7,14%.



    23/08/2016 09:00:00 INDIA
    Coprifuoco in Kashmir: i bambini vanno a scuola grazie all’opera di volontari

    Il coprifuoco è in vigore da quasi due mesi. Le proteste tra separatisti e forze di sicurezza hanno provocato almeno 60 morti. I volontari operano nelle proprie abitazioni private, in moschee e sale ricevimento, dopo che varie coppie hanno deciso di posticipare le nozze.





    In evidenza

    MYANMAR
    Non solo Rohingya: la persecuzione delle minoranze cristiane in Myanmar



    La sofferenza di Kachin, Chin e Naga. La discriminazione su basi religiose è in certi casi addirittura istituzionalizzata. I cristiani sono visti come espressione di una fede straniera ed in contrasto con la visione nazionalista. Per anni il regime militare ha introdotto feroci misure discriminatorie.


    VATICANO - ASIA
    Il mondo ha urgenza della missione della Chiesa

    Bernardo Cervellera

    Ottobre è un mese consacrato al risveglio della missione fra i cristiani. Nel mondo c’è indifferenza o inimicizia verso Dio e la Chiesa. Le religioni sono considerate la fonte di tutte le guerre. Il cristianesimo è l’incontro con una Persona, che cambia la vita del fedele e lo mette al servizio delle ferite del mondo, lacerato da frustrazioni e guerre fratricide. L’esempio del patriarca di Baghdad e del presidente della Corea del Sud.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®