15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/10/2016, 11.40

    INDIA – PAKISTAN

    Vescovi indiani: Preghiamo per la pace in Kashmir

    Santosh Digal

    Parlano il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza dei vescovi di rito latino, e mons. Kuriakose Bharanikulangara, arcivescovo di Faridabad. La contesa tra separatisti ed esercito indiano rischia di innescare un conflitto disastroso tra India e Pakistan, entrambi dotati di armi nucleari.

    New Delhi (AsiaNews) – Di fronte all’escalation della violenza in Kashmir, dove da settimane si combatte una guerriglia dilaniante tra separatisti ed esercito federale, i vescovi indiani sollevano la voce e chiedono di pregare per India e Pakistan. Il card. Oswald Gracias, presidente della Conferenza dei vescovi di rito latino (Ccbi), ha inviato ad AsiaNews un appello in cui afferma: “Oggi, nel giorno in cui ricorre la festa di san Francesco di Assisi, preghiamo per la pace. Faccio appello affinchè si instauri il dialogo e la cooperazione tra i due governi”.

    Oggi è l’88mo giorno di coprifuoco nello Stato indiano del Jammu e Kashmir. Il confronto tra separatisti e governo si è inasprito a luglio, quando le forze di sicurezza hanno ucciso Burhan Wani, tra i militanti più famosi per le sue imprese riportare sui social network. Da quel momento la vita nello Stato è paralizzata: la popolazione vive sotto stretta sorveglianza, scuole, università e negozi sono chiusi. Alcuni bambini frequentano le lezioni solo grazie all’opera di volontari che hanno aperto le porte delle proprie abitazioni e delle moschee per garantire una continuità nell’insegnamento. Le autorità hanno anche vietato la celebrazione delle feste religiose per impedire assembramenti.

    Piuttosto che disinnescarsi, nonostante i numerosi appelli al dialogo, nelle ultime settimane lo scontro è precipitato. Il 18 settembre un commando di militanti ha fatto irruzione nella base militare indiana a Uri e ha ucciso 18 soldati, prima di essere “neutralizzato”.

    Alle azioni dei separatisti il governo indiano ha risposto con durezza. Da una parte ha lanciato una campagna di “attacchi chirurgici” contro le basi dei militanti sparse lungo il confine con il Pakistan. Dall’altra sta utilizzando la diplomazia per isolare Islamabad: ha boicottato il summit Saarc per la cooperazione tra i Paesi dell’Asia del Sud e ha accusato il Pakistan di sponsorizzare il terrorismo internazionale.

    L’asprezza della reazione indiana non ha però frenato le violenze. Nella notte del 2 ottobre i militanti hanno fatto irruzione in un’altra base indiana, quella di Baramulla, e hanno usato i civili come scudi umani.

    Il bilancio di questa ondata di violenze, in un territorio conteso tra i due Paesi fin dal 1947, è drammatico: più di 90 vittime e oltre 12mila feriti. Le ultime notizie riportano che la popolazione è sotto shock; inoltre il governo statale ha chiesto a coloro che abitano entro un raggio di 10 chilometri dalla frontiera di evacuare.

    Di fronte alla concreta possibilità che la situazione sfoci in una nuova guerra, la Chiesa cattolica ha deciso di far sentire la propria voce. Ad AsiaNews mons. Kuriakose Bharanikulangara, arcivescovo di Faridabad, ha inviato una nota nella quale “condanna con fermezza l’uccisione dei soldati indiani. Ora sono dei martiri”. Il prelato è preoccupato per la piega che ha assunto la contesa e afferma: “È arrivato il momento in cui ragione e buon senso devono prevalere su emozione e rappresaglia. Il padre dell’India, il Mahatma Gandhi, ha detto che la politica ‘dell’occhio per occhio’ renderà ciechi. Ogni azione immediata contro il Pakistan inasprirà i conflitto. Ed è esattamente ciò che vogliono i terroristi”.

    Secondo mons. Bharanikulangara, ogni “attacco deciso alla leggera può portare ad una guerra, con conseguenze disastrose per il Paese”, soprattutto perchè sia India che Pakistan sono dotati di armi nucleari. Mentre sottolinea la necessità di “rafforzare la strada del dialogo e della diplomazia”, afferma anche che “è importante fortificare le frontiere e impedire ai terroristi di infiltrarsi in India”. “Il Pakistan – conclude – deve essere messo alla sbarra e isolato dal punto di vista internazionale per la sua sponsorizzazione del terrorismo”.

    (Ha collaborato Nirmala Carvalho)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/10/2016 12:22:00 INDIA
    Presidente dei vescovi indiani: Il 16 ottobre preghiamo insieme per la nazione

    Il card. Baselios Cleemis invita tutte le diocesi a organizzare liturgie e momenti di preghiera. Il mese di ottobre è pieno di festività religiose. Al contempo, l’India sta affrontando “sfide straordinarie, soprattutto al confine”.



    30/10/2005 india - pakistan
    Militanti islamici rivendicano gli attentati di Delhi

    India e Pakistan si accordano per aprire le frontiere del Kashmir, per aiutare le vittime del terremoto.



    26/10/2004 pakistan - india
    Musharraf: E' urgente un ripensamento sul Kashmir


    17/02/2005 PAKISTAN - INDIA
    Uno "storico" autobus in Kashmir avvicina Pakistan e India


    08/04/2005 PAKISTAN – INDIA
    Successo per il bus della pace fra Pakistan e India




    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®