22/02/2010, 00.00
NEPAL
Invia ad un amico

Kathmandu: nessuno spazio per seppellire i morti cristiani e musulmani

di Kalpit Parajuli
L’urbanizzazione selvaggia porta il governo a concedere agli indù gli spazi destinati a ospitare i cimiteri delle minoranze cristiana, musulmana e baha’i che non cremano i loro cadaveri. Rischio tensione tra gli indù e gli altri gruppi religiosi.

Kathmandu (AsiaNews) – Cristiani, musulmani e Baha'i non hanno più spazio per seppellire i loro morti. L’urbanizzazione selvaggia ha portato il governo a concedere agli indù i terreni destinati in origine ad ospitare i cimiteri per le minoranze. I cristiani come i musulmani non cremano i loro cadaveri, come invece avviene per gli indù.

P. George Karapurackal, parroco della cattedrale dell’Assunzione di Kathmandu, afferma: “Questa è una situazione comune a tutte le minoranze religiose. Per risolvere questa situazione noi cattolici abbiamo iniziato a cremare i morti, mettendo una lapide commemorativa sulle pareti  delle chiese”.

In Nepal vivono circa 23 milioni di persone e i cristiani sono circa 500mila (2,4% della popolazione), i cattolici sono invece 7mila.  La maggior parte di loro vive nella capitale, dove sorgono circa 300 chiese tra cattoliche e protestanti, ognuna con il suo cimitero.

Phanindra Bhusal del Consiglio nazionale delle chiese nepalesi dice che avere uno spazio per un camposanto è un problema soprattutto per quelle comunità che non hanno soldi a sufficienza per comprare uno terreno fuori città. L’urbanizzazione concessa dal governo crea tensioni tra la popolazione di religioni diverse da quella indù.   

“Il governo deve prendere iniziativa per preservare i diritti culturali di questi gruppi religiosi”, afferma Taj Mohammad Miya, musulmano e responsabile dello United Muslim National Struggle Comittee (Umnsc). “Esaurito lo spazio nel nostro cimitero – racconta Miya – siamo stati costretti a riaprire le vecchie tombe e riporre lì i nuovi cadaveri”.

I musulmani nepalesi sono circa il 3,2% e rappresentano la quarta minoranza religiosa dopo i buddisti (8,2%). Il loro unico cimitero si trova a Swoyambhunath nella valle di Kathmandu. Esso è stato realizzato quando la capitale era ancora una piccola cittadina e i musulmani erano ancora una minoranza trascurabile.

I fedeli della religione di origine iraniana Baha’i sono invece poche migliaia. Dal 1977 il loro cimitero è situato nel distretto di Lalitpur nell’area meridionale della capitale e di recente gli abitanti di religione indù che hanno occupato la zona impediscono loro l’utilizzo del loro spazio dedicato ai defunti.

“Il fatto di non avere nessun luogo dove seppellire i nostri morti ci disturba – afferma Larry Robertson – responsabile dell’Assemblea nazionale dei Baha’i nepalesi -  la zona ha subito negli ultimi anni  un forte e incontrollato sviluppo urbanistico e ora i residenti non vogliono farci utilizzare il nostro cimitero”. Secondo Robertson  il governo dovrebbe riconoscere in modo legale uno spazio dedicato alla sepoltura dei morti della comunità, per evitare tensione tra la comunità Bahá’í e gli indù.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Politici cristiani nepalesi chiedono al premier Khanal terre per seppellire i morti
16/02/2011
Kathmandu, sepolture dei non indù ancora vietate dopo il si del governo
01/02/2011
Kathmandu: Sì ai cimiteri cristiani e musulmani. Protestano gli indù
28/01/2011
Kathmandu, tensioni fra indù e cristiani per la diatriba sui cimiteri
08/04/2011
Kathmandu, al via una commissione speciale per dare un cimitero ai cristiani
21/03/2013