23 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 13.05

    EGITTO - ISLAM

    La fuga dei copti dal Nord Sinai non importa a nessuno

    Loula Lahham

    Scompare dai media egiziani la notizia delle violenze sui copti. Per il governo la crisi è risolta. Intanto le conferenze internazionali continuano. Nessun risultato dalla conferenza organizzata da Al-Azhar conclusa ieri. Oltre 1500 cristiani sono fuggiti da Al-Arich.

    Il Cairo (AsiaNews) – A partire dal 22 febbraio, sono sempre meno le notizie pubblicate dai media sui copti in fuga dalle violenze e dal terrorismo dello Stato islamico nella penisola del Sinai.

    Il governo egiziano è convinto di aver compiuto il suo dovere: una visita del Ministro degli affari sociali sul luogo; l’arrivo di vari convogli statali e della società civile con aiuti umanitari e viveri; i fuggitivi non saranno penalizzati per le assenze dal lavoro e gli studenti verranno indirizzati ad altre scuole.

    Tutto sembra essere tornato alla normalità. Anche il termine “immigrati” è stato denunciato dal patriarca Tawadros II, il capo spirituale dei cristiani d’Egitto che, durante il suo discorso settimanale di mercoledì, ha dichiarato di opporsi “all’utilizzo di questa parola da parte dei media. Non è corretto. È solo una crisi passeggera.” Parole con un senso d’ironia simile a quella contenuta nelle parole pronunciate dal Ministro egiziano degli interni: “Non abbiamo chiesto ai cittadini copti di lasciare le loro case e i loro beni”.

    Nonostante ciò, le conferenze internazionali sono ripartite. Appena ieri, mercoledì, si è conclusa la conferenza intitolata “Libertà e cittadinanza, fra diversità e integrazione”, organizzata da Al-Azhar, la suprema autorità dell’islam sunnita, e posta sotto gli auspici del Presidente della repubblica stesso, in presenza di delegati religiosi e laici da 50 Paesi, e soprattutto con la partecipazione dei più alti capi spirituali di tutte le confessioni cristiane del Medio Oriente: cinque patriarchi e decine di vescovi orientali, insieme a rappresentanti di diverse Chiese protestanti.

    Risultato della conferenza? Nessuno. Solo parole di cortesia e tolleranza da parte di tutti.

    Intanto, non ci sono quasi più cristiani ad Al-Arich. E oggi, le famiglie hanno rifiutato la visita di una delegazione del Consiglio nazionale dei diritti dell’uomo, guidata dal famoso attivista copto Georges Ishak.

    Si noti che oltre 1500 copti sono fuggiti da Al-Arich, al nord della penisola del Sinai, a causa delle violenze che hanno causato la morte di sette persone soltanto negli ultimi dieci giorni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    30/12/2017 12:28:00 EGITTO
    Mar Mina, i copti in lutto seppelliscono i morti dell’attentato

    Sono otto i fedeli uccisi in una sparatoria all'ingresso della chiesa. Nell'attacco rivendicato dall’Isis. Morti anche due agenti di polizia. La prontezza dei fedeli e l’appello dell’imam della moschea per soccorrere i ‘fratelli copti’ hanno evitato ulteriori vittime. Dal 2011, i copti nel mirino degli islamisti.



    29/12/2017 12:44:00 EGITTO
    Miliziani attaccano una chiesa copta a sud del Cairo, 10 morti e almeno 20 feriti

    Due delle vittime sarebbero ufficiali di polizia. Colpito a morte anche uno degli assalitori, che indossava una cintura esplosiva. Nel mirino la chiesa di Mar Mina a Helwan, sobborgo meridionale della capitale. Da giorni l’allerta è ai massimi livelli per il timore di attentati. Il cordoglio e le preghiere dei cattolici contro "il terrore". 

     



    25/11/2017 09:49:00 EGITTO-VATICANO
    Il dolore e la condanna di Tawadros II e Papa Francesco per l’attentato alla moschea di Al-Roda

    L’attacco ai fedeli a conclusione della preghiera del venerdì ha fatto 235 morti e 140 feriti. Fra le vittime vi sono 30 bambini. È la prima volta che una moschea sunnita viene presa come obbiettivo in Egitto. Il presidente Al Sisi dichiara tre giorni di lutto nazionale e promette di rispondere all’attentato con “la massima forza”. Raid aerei contro magazzini di armi dei terroristi. Papa Francesco: Preghiamo perché i cuori induriti dall’odio imparino a rinunciare alla via della violenza.



    28/04/2017 18:23:00 EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente

    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.



    03/02/2015 EGITTO - ISLAM
    Bombe al Cairo dopo la condanna a morte di 183 islamisti
    Una bomba artigianale scoppiata nel centro della città; due bombe scoperte all'aeroporto. Il governo di al-Sisi criticato per le violazioni ai diritti umani, ma la popolazione lo applaude per il tentativo di migliorare la sicurezza e l'economia.



    In evidenza

    EGITTO-LIBANO
    Al Cairo, musulmani e cristiani si incontrano per Gerusalemme, ‘la causa delle cause’

    Fady Noun

    Si è tenuta il 16 e 17 gennaio all’istituto sunnita al-Azhar. Hanno preso parte molte personalità del Libano, fra cui il patriarca maronita Bechara Raï. I mondo arabo diviso fra “complice passività” e “discorsi rumorosi ma inefficaci”. Ex-premier libanese: coordinare le azioni per una maggiore efficienza al servizio di una “identità pluralistica di Gerusalemme” e della “libertà religiosa”. Card. Raï: serve preghiera congiunta, la solidarietà interreligiosa islamico-cristiana in tutto il mondo arabo e sostenere i palestinesi.


    CINA
    Yunnan: fino a 13 anni di prigione per i cristiani accusati di appartenere a una setta apocalittica



    Le setta in questione è quella dei Tre gradi del Servizio, un gruppo pseudo-protestante sotterraneo fondato nell’Henan e diffuso soprattutto nelle campagne. I condannati rivendicano di essere solo cristiani e di non sapere nulla della setta. Gli avvocati difensori minacciati della revoca della loro licenza.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®