25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/03/2017, 13.05

    EGITTO - ISLAM

    La fuga dei copti dal Nord Sinai non importa a nessuno

    Loula Lahham

    Scompare dai media egiziani la notizia delle violenze sui copti. Per il governo la crisi è risolta. Intanto le conferenze internazionali continuano. Nessun risultato dalla conferenza organizzata da Al-Azhar conclusa ieri. Oltre 1500 cristiani sono fuggiti da Al-Arich.

    Il Cairo (AsiaNews) – A partire dal 22 febbraio, sono sempre meno le notizie pubblicate dai media sui copti in fuga dalle violenze e dal terrorismo dello Stato islamico nella penisola del Sinai.

    Il governo egiziano è convinto di aver compiuto il suo dovere: una visita del Ministro degli affari sociali sul luogo; l’arrivo di vari convogli statali e della società civile con aiuti umanitari e viveri; i fuggitivi non saranno penalizzati per le assenze dal lavoro e gli studenti verranno indirizzati ad altre scuole.

    Tutto sembra essere tornato alla normalità. Anche il termine “immigrati” è stato denunciato dal patriarca Tawadros II, il capo spirituale dei cristiani d’Egitto che, durante il suo discorso settimanale di mercoledì, ha dichiarato di opporsi “all’utilizzo di questa parola da parte dei media. Non è corretto. È solo una crisi passeggera.” Parole con un senso d’ironia simile a quella contenuta nelle parole pronunciate dal Ministro egiziano degli interni: “Non abbiamo chiesto ai cittadini copti di lasciare le loro case e i loro beni”.

    Nonostante ciò, le conferenze internazionali sono ripartite. Appena ieri, mercoledì, si è conclusa la conferenza intitolata “Libertà e cittadinanza, fra diversità e integrazione”, organizzata da Al-Azhar, la suprema autorità dell’islam sunnita, e posta sotto gli auspici del Presidente della repubblica stesso, in presenza di delegati religiosi e laici da 50 Paesi, e soprattutto con la partecipazione dei più alti capi spirituali di tutte le confessioni cristiane del Medio Oriente: cinque patriarchi e decine di vescovi orientali, insieme a rappresentanti di diverse Chiese protestanti.

    Risultato della conferenza? Nessuno. Solo parole di cortesia e tolleranza da parte di tutti.

    Intanto, non ci sono quasi più cristiani ad Al-Arich. E oggi, le famiglie hanno rifiutato la visita di una delegazione del Consiglio nazionale dei diritti dell’uomo, guidata dal famoso attivista copto Georges Ishak.

    Si noti che oltre 1500 copti sono fuggiti da Al-Arich, al nord della penisola del Sinai, a causa delle violenze che hanno causato la morte di sette persone soltanto negli ultimi dieci giorni.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/01/2017 15:19:00 EGITTO-ISLAM
    Al Sisi: Costruiremo la Chiesa più grande dell’Egitto

    Il presidente egiziano fa la promessa al patriarca Tawadros. Il Centro per la ricerca legale islamica difende il diritto dei cristiani di costruire chiese in Paesi musulmani. Ma i copti sono ancora discriminati nella società.



    03/02/2015 EGITTO - ISLAM
    Bombe al Cairo dopo la condanna a morte di 183 islamisti
    Una bomba artigianale scoppiata nel centro della città; due bombe scoperte all'aeroporto. Il governo di al-Sisi criticato per le violazioni ai diritti umani, ma la popolazione lo applaude per il tentativo di migliorare la sicurezza e l'economia.

    01/08/2013 EGITTO - ISLAM
    Migliaia di pro-Morsi continuano a manifestare sfidando l'ultimatum del governo
    Per il governo ad interim i sit-in vicino alla moschea di Rabaa al-Adawiya e in piazza Nahda, vicino all'università del Cairo sono "una minaccia alla sicurezza del Paese". I Fratelli musulmani promettono che non si fermeranno nemmeno con "un massacro". Mohamed Badie accusato di incitare i suoi alla violenza; Morsi accusato di violenze e cospirazione con Hamas. Blande reazioni di Europa e Usa.

    06/12/2014 EGITTO - ISLAM
    Al Azhar per la convivenza islamo-cristiana, contro il terrorismo dello Stato Islamico
    Alla conferenza internazionale contro il terrorismo, dura condanna dell'estremismo e difesa dei cristiani. Il patriarca copto ortodosso Twadros II, co-presidente insieme al grande imam Ahmed al-Tayeb. Insegnare l'islam moderato per contrastare il "lavaggio del cervello" subito dai giovani. L'occidente non sovrapponga islam e terrorismo. Condanna per le aggressioni israeliane ai luoghi santi.

    24/02/2015 EGITTO - ISLAM
    Le parole di al-Tayeb e di al-Sisi un grande passo per una rivoluzione dell'islam
    Il grande imam di Al-Azhar ha denunciato le interpretazioni basate sulla lettera del Corano e della sunna, brandite dai fondamentalisti e dai terroristi islamici; sostiene l'urgenza di una riforma dell'insegnamento dell'islam fra i laici e gli imam; domanda la fine della scomunica (takfir) reciproca fra sunniti e sciiti. E il presidente egiziano al-Sisi ha deciso di combattere lo Stato islamico dopo la decapitazione di 21 cristiani copti, che egli ha definito "cittadini egiziani" a parte intera.



    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®