29/09/2011, 00.00
EGITTO
Invia ad un amico

La nuova legge elettorale a vantaggio degli ex del regime e dei Fratelli musulmani

L’esercito riserva 1/4 dei seggi del parlamento a singoli leader senza partito. I movimenti politici egiziani minacciano di boicottare le elezioni di novembre. La lotta per il potere schiaccia gli ideali della rivoluzione dei gelsomini.
IlCairo (AsiaNews) – I partiti politici egiziani hanno minacciato di boicottare le elezioni del prossimo novembre se non verrà cambiata la legge elettorale. Varata quattro giorni fa dal Consiglio supremo dei militari, essa riserva 1/4 dei seggi parlamentari a candidati singoli senza partito. Ciò favorisce gli ex membri del regime di Mubarak, ma anche i partiti più ricchi, che avranno la possibilità di candidare più persone, schiacciando i movimenti nati con la caduta del rais.

Per costringere il Consiglio dei militari a cambiare la legge, 59 fra partiti e gruppi politici, fra cui i Fratelli musulmani, hanno indetto nuove manifestazioni e miniacciato il boicottaggio delle elezioni del 28 novembre. Una parte dei Fratelli musulmani si è però dissociata dal gesto. Secondo alcuni funzionari rimandare ancora le elezioni sarebbe un grave danno per il Paese.

Durante l’era Mubarak i parlamentari erano eletti con un sistema misto: 2/3 dei seggi con sistema proporzionale , 1/3 con sistema uninominale. Ciò permetteva a personaggi facoltosi di essere eletti, obbligandoli però a far parte di un partito. La nuova legge approvata dal Consiglio dei militari aumenta il numero dei parlamentari eletti con il sistema proporzionale (3/4 dei seggi), ma riserva a singoli leader senza partito 1/4 dei seggi.

P. Rafic Greiche, portavoce della Chiesa cattolica egiziana, sottolinea che questo sistema permette ai personaggi facoltosi al di fuori del panorama politico di concorrere alle elezioni, influenzando a loro piacimento questo o quel partito. I principali favoriti saranno gli ex membri del regime, invisi da tutti i partiti dopo la caduta di Mubarak, ma con grandi risorse finanziarie e mezzi di propaganda. “Ciò – afferma il sacerdote - ha spinto i movimenti democratici a chiedere l’espulsione degli ex membri del regime dalla vita politica per almeno 6 anni”.

L’ambiguità del nuovo sistema avvantaggia però anche i gruppi più organizzati e ricchi, come i Fratelli musulmani. Essi avranno la possibilità di concorrere con il proprio partito e con persone singole a loro affiliate in grado di sostenere una campagna elettorale. In tal modo i giovani della rivoluzione sono di fatto esclusi dalla corsa alle elezioni.

Per il sacerdote il quadro è desolante. Gli ideali sorti con la rivoluzione dei gelsomini sono ormai schiacciati dalla lotta per il potere. “Purtroppo i giovani della rivoluzione sono molto divisi – spiega p. Greiche – e da soli rischiano di essere schiacciati dalle formazioni più forti, che però non hanno una visione politica concreta”. “Durante la rivoluzione – continua - l’obiettivo era far cadere Mubarak con la speranza di un cambiamento. Ora questi ideali si sono logorati. Nessuno sa come agire ”. (S.C.)
Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Egitto, l’inquietante "no" dei militari a osservatori internazionali durante le elezioni
21/07/2011
Rivoluzione dei Gelsomini, cresce il potere dei Fratelli musulmani
07/03/2011
Egitto, ancora scontri fra polizia e manifestanti: 12 morti e quasi 500 feriti
26/01/2013
Giovane leader egiziano: L'Occidente sostenga la nostra lotta contro gli islamisti
25/01/2013
Egitto, dopo 60 anni ammesso alle elezioni un partito dei Fratelli Musulmani
07/06/2011