21 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 12/01/2016, 00.00

    HONG KONG – CINA

    La sparizione dei librai imbarazza Pechino e spacca il governo di Hong Kong

    John Ai

    I cinque editori, critici nei confronti del governo cinese, sono oramai confermati in Cina. Ma l’esecutivo del Territorio sembra incapace di tutelare i loro diritti. La popolazione continua a protestare e la società civile chiede di “fare qualcosa”. La difesa incongruente dei giornali di Stato.

    Hong Kong (AsiaNews) – I leader di Hong Kong sembrano muoversi senza un piano concordato per gestire la crisi della sparizione dei cinque editori, critici nei confronti del governo di Pechino. Questa ha attirato l’attenzione dei media internazionali sin dall’inizio del 2016. L’incidente ha causato un risveglio nella società civile di Hong Kong, ancora in fermento, ma sta anche imbarazzando il regime comunista. La difesa incoerente dei vari media di Stato cinesi conferma l’impasse.

    Lee Bo, uno dei proprietari della Causeway Bay Bookshop, è l’ultimo in ordine di tempo a scomparire. Non si hanno sue notizie dal 30 dicembre 2015. I suoi quattro colleghi sono invece svaniti nel nulla fra l’ottobre e il novembre precedenti. La moglie di Lee ha ricevuto in un primo tempo alcune chiamate da Shenzhen (Cina meridionale), e subito dopo una lettera inviata via fax. L’autore – che si firma Lee Bo – sostiene di essere andato in Cina “di sua volontà” per “cooperare a un’inchiesta della polizia”.

    Tuttavia, i controlli doganali e quelli della polizia di confine di Hong Kong non riportano il suo libero passaggio. Ma dopo aver ricevuto il fax, la moglie ha ritirato la denuncia di sparizione presentata alle autorità del Territorio. Lee ha il passaporto britannico, e Londra ha espresso “preoccupazione” per il suo caso. Wang Yi, ministro cinese degli Esteri, ha risposto che l’editore è “prima di tutto un cittadino cinese”.

    Per protestare contro questa serie di incongruenze, migliaia di cittadini di Hong Kong hanno marciato lo scorso 10 gennaio 2016 fino all’Ufficio per le relazioni di Pechino. Anson Chan, amatissima ex Segretaria generale del governo dell’ex colonia, ha chiesto “con forza” al presidente cinese Xi Jinping di “mantenere le sue promesse. Una nazione, due sistemi”.

    Sin dal ritorno alla madrepatria avvenuto nel 1997, infatti, Hong Kong gode di uno statuto speciale. Per 50 anni da quella data (quindi fino al 2047), il Territorio rimane in una situazione giuridica particolare: sulla carta, Pechino può intervenire soltanto per urgenti questioni di difesa o politica estera. A tutelare i cittadini vi è una piccola Costituzione, la “Basic Law”, che garantisce i diritti umani di base: fra questi piena libertà religiosa, di parola, di espressione.

    La pressione nei confronti dei leader di Hong Kong ha costretto il Capo dell’Esecutivo, Leung Chun-ying, a fare una nuova dichiarazione. Secondo la legge, infatti, Pechino deve comunicare entro 14 giorni a Hong Kong eventuali azioni contro i suoi cittadini. Oggi scade il termine – Lee Bo è sparito il 30 dicembre 2015 – ma per Leung “non siamo a un punto definitivo. A volte serve di più alle autorità cinesi per rispondere, e comunque la denuncia di sparizione è stata presentata il 1 gennaio”.

    Il presidente del Consiglio legislativo Jasper Tsang Yok-sing è stato invece meno diplomatico: “Il nostro governo deve considerare l’ipotesi di appellarsi con urgenza alle autorità cinesi, che devono cooperare con i nostri Dipartimenti per fare chiarezza”.

    Lee Cheuk-yan, deputato democratico del Territorio, ha dichiarato che il caso di Lee Bo “rappresenta la paura peggiore dei cittadini di Hong Kong. Sparire e riapparire al di là del confine, dove i nostri diritti non sono garantiti per nulla”. Il Global Times (giornale in lingua inglese del Partito comunista) ha pubblicato una serie di editoriali per confutare le accuse di ingerenza, definite “maliziose”. Uno degli ultimi articoli sostiene che Lee Bo “sa di aver operato per colpire il governo di Pechino, e che questo è un atto grave che scavalca i confini”. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/03/2016 11:55:00 CINA – HONG KONG
    Hong Kong, la “confessione televisiva” dell’editore sparito Lee Bo

    Per la prima volta dalla sua scomparsa, il fondatore della Causeway Bay Bookshop appare sulla Phoenix Tv (vicina al governo di Pechino). Sarebbe andato nella Cina continentale “di sua spontanea volontà” per cooperare ad una “inchiesta”. Altri tre membri dello staff della casa editrice hanno già “confessato”. La pratica è divenuta comune per diffamare i dissidenti.



    05/01/2016 HONG KONG – CINA
    Sempre più fitto il mistero di Lee Bo, editore critico di Pechino “sparito nel nulla”
    Una lettera inviata via fax e firmata da lui afferma che si trova in Cina per “collaborare a indagini segrete di cui è meglio che nessuno sappia”. La moglie ritira la denuncia alla polizia di Hong Kong per la sua sparizione. E un giornale ufficiale del Partito afferma: “Sa quanti danni ha commesso, vuole mantenere un basso profilo”. Lee Cheuk-yan: “Questo è ciò che gli abitanti del Territorio temono di più: essere presi da agenti cinesi e portati di nascosto oltreconfine”.

    18/01/2016 08:53:00 CINA - HONG KONG
    Cina, uno dei cinque editori scomparsi “confessa” in tv. Ma i conti non tornano

    I media ufficiali lanciano un'intensa campagna contro l’editore scomparso Gui Minhai. Egli è accusato di aver ucciso una donna mentre guidava ed essere poi fuggito in una nazione straniera. Una nuova lettera di Lee Bo si unisce alle accuse. Sospettosi gli utenti di internet.



    27/07/2016 08:59:00 CINA-HONG KONG
    Due giornalisti di Hong Kong condannati a Shenzhen: pubblicavano curiosità sui leader cinesi

    L’editore Wang Jianming e il direttore Guo Zhongxiao hanno ricevuto una sentenza di cinque anni e tre mesi e due anni e tre mesi. L’episodio ricorda le sparizioni e detenzioni dei cinque editori di libri. Pechino teme che le libertà di Hong Kong possano “inquinare” la società cinese. Svilito il principio “una nazione, due sistemi”.



    11/01/2016 HONG KONG
    “Basta coi rapimenti”: a migliaia in piazza per gli editori spariti ad Hong Kong
    Almeno 3500 persone hanno marciato fino agli uffici di Pechino nel Territorio chiedendo il rilascio dei cinque dirigenti, critici della Cina, scomparsi a fine dicembre. Crescono i sospetti sul coinvolgimento della polizia cinese.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®