14/05/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Leader cristiano: Con Narendra Modi al potere, minoranze religiose e dalit sono a rischio

di Nirmala Carvalho
È il commento ad AsiaNews di Sajan K. George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic). Gli exit poll danno il Bharatiya Janata Party (Bjp, nazionalisti indù) vicino alla vittoria. L'attivista denuncia "una campagna elettorale con una estrema impronta fondamentalista". Il sostegno dei tycoon indiani.

Mumbai (AsiaNews) - Se davvero Narendra Modi e il Bharatiya Janata Party (Bjp, nazionalisti indù) vinceranno le elezioni generali, "le minoranze religiose e i dalit dell'India sono a rischio". È quanto afferma ad AsiaNews Sajan K. George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), commentando gli exit poll - tutti pro-Modi - usciti a voto concluso.

Sajan George spiega ad AsiaNews quali azioni intraprese da Modi "sono motivo di grande preoccupazione". Anzitutto "una campagna elettorale con una estrema impronta fondamentalista; la promessa di buttare fuori tutti i migranti bangladeshi (e musulmani); i riferimenti alla 'rivoluzione rosa' (la fine delle esportazioni di carne di mucca, ndr); la demonizzazione della città di Azamgarh, indicata come 'culla del terrorismo'".

Inoltre, aggiunge, "nella sua campagna elettorale Narendra Modi non ha mascherato una forte preferenza per le caste più alte. Siamo preoccupati per i 200 milioni di dalit che vivono nel Paese. I più a rischio saranno i fuoricasta cristiani e musulmani, che per colpa di una legge del 1950 non godono di diritti politici, economici e sociali". Tuttavia "il Gcic non condivide le previsioni degli exit poll e non crede che un governo a maggioranza Bjp possa guidare l'India laica e democratica".

Intanto però i media esaltano queste previsioni, alimentati anche dalle reazioni di mercati e grandi azionisti. Mukesh Ambani, l'uomo più ricco dell'India e presidente della Reliance Industries Ltd (Ril, seconda compagnia petrolifera indiana che opera anche nelle comunicazioni, ndr), ha aggiunto 800 milioni di dollari al suo capitale azionario quando gli exit poll hanno parlato di una possibile vittoria di Modi. D'altra parte, proprio la sua campagna pro-investimenti ha smussato le critiche sulla sua responsabilità per le stragi tra indù e musulmani avvenute in Gujarat nel 2002.

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Maldive, Usa, Cina: le prime tappe internazionali del secondo mandato di Modi
29/05/2019 13:29
Chhattisgarh, ripresi gli attacchi contro i cristiani nel post elezioni
28/05/2019 09:02
India, Modi giura per il secondo mandato. Continua la persecuzione delle minoranze
31/05/2019 09:11
Chiesa indiana: Complimenti a Modi, lavoriamo insieme
27/05/2019 11:21
Ram Puniyani: nel Modi 2.0 la ‘democrazia sarà sovvertita’
24/05/2019 15:16