21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/02/2015, 00.00

    FILIPPINE

    Manila, 29 anni dopo ritorna il "People Power": Via il presidente Aquino



    Gruppi della società civile chiedono le dimissioni del presidente - figlio di Corazon Aquino, icona della rivoluzione del 1986 - per la strage di Maguindanao e le continue accuse di corruzione e pressioni sulla stampa. Insieme a loro anche il card. Vidal. Presidente dei vescovi ad AsiaNews: "Il nostro compito è scuotere le coscienze, non suonare la carica contro il governo".

    Manila (AsiaNews) - Nel giorno del 29mo anniversario della prima rivoluzione "People Power", un'unione di gruppi della società civile chiede al presidente Benigno Aquino di dimettersi dopo il massacro di Maguindanao, operazione militare in cui è morto un presunto attentatore della strage di Bali del 2002 insieme a 44 poliziotti. L'attuale presidente è figlio di Corazon Aquino, icona del "movimento dei rosari" del 1986 che sancì la fine della dittatura dei Marcos. Fra coloro che criticano il figlio vi sono gli zii materni, Jose e Margarita Cojuangco, che hanno creato una coalizione denominata "22 Febbraio".

    La coppia ha chiesto al nipote di dimettersi e di permettere la creazione di un Consiglio consultivo che prepari un governo di transizione e riformi l'attuale legge elettorale, in modo da poter dare voce alla popolazione. Aquino è accusato anche di corruzione e nepotismo, e il suo governo è nel mirino dell'opinione pubblica per l'aumento delle pressioni contro la stampa libera e per l'enorme aumento dell'ingerenza delle forze pubbliche nei movimenti di protesta.

    Il Consiglio per la trasformazione nazionale guidato dal cardinale Ricardo Vidal e da altri sette vescovi - di cui fa parte anche l'ex ministro della Difesa Norberto Gonzales - si è unito alle proteste popolari. Insieme a loro, infine, il partito di sinistra Bayan Muna: questo vuole un Consiglio del popolo per l'unità nazionale, di fatto "un governo ad interim di due anni che ci porti a libere elezioni".

    Da parte sua, il governo ha risposto dichiarando che le richieste "sono illegittime". Per il ministro della Giustizia Leila De Lima "chiedere un governo di transizione e invocare l'aiuto dei militari viola la legge anti-sedizione. Non manchiamo di sottolineare che molti di coloro che protestano erano stretti alleati dell'ex presidente Gloria Macapagal Arroyo, oggi in carcere per molteplici accuse".

    Il presidente della Conferenza episcopale filippina e arcivescovo di Lingayen-Dagupan, mons. Socrates Villegas, spiega ad AsiaNews che i vescovi coinvolti nella protesta "parlano a titolo personale e non per i 131 presuli delle Filippine. Noi vescovi abbiamo un dovere morale che è quello di scuotere le coscienze e porre delle domande anche scomode, ma non possiamo e non dobbiamo invitare la gente alla carica". Il riferimento al movimento dell'86 "è sbagliato. Quella era una dittatura militare, questa no".

    Il ruolo di un pastore cattolico, riprende mons. Villegas, "è quello di fornire ai suoi fedeli tutti gli strumenti per analizzare una situazione sempre alla luce della verità. Ma il passo successivo è lasciarli liberi di compiere le proprie scelte secondo la propria coscienza. Non dobbiamo offrire soluzioni ai problemi politici o sociali: piuttosto, dobbiamo porre delle domande e dare delle risposte alla morale della popolazione". 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    31/07/2013 FILIPPINE
    Filippine, si riaccende lo scontro tra esercito e ribelli comunisti
    Dopo il fallimento dei negoziati dello scorso aprile, ricominciano i combattimenti tra il New People’s Army e le truppe governative nel nord del Paese: sei morti nell’area di Tarlac. La guerriglia prosegue ormai da 35 anni.

    11/05/2010 FILIPPINE
    Elezioni: Aquino si appresta a essere il nuovo presidente delle Filippine
    La Commissione elettorale ha scrutinato il 78% dei voti. Il figlio della defunta presidente Cory guida la sfida elettorale con il 43% delle preferenze. Lo insegue l’ex presidente Estrada, fermo al 25%. Superiore all’85% l’affluenza alle urne, nonostante le polemiche sul malfunzionamento del voto elettronico.

    01/08/2009 FILIPPINE
    È morta Cory Aquino, la prima donna presidente in Asia e simbolo della democrazia
    Ha guidato insieme al card. Sin la "rivoluzione dei rosari" che in modo pacifico ha terminato la dittatura di Ferdinando Marcos. Gloria Arroyo ha decretato 10 giorni di lutto nazionale.

    12/05/2010 FILIPPINE
    Il risveglio del popolo filippino prima vittoria delle elezioni 2010
    Con affluenza superiore all’85%, isolati casi di violenze e un attento controllo dei brogli, le elezioni 2010 vinte da Benigno “Noynoy” Aquino, segnano una svolta storica del Paese. P. Mariani, missionario del Pime a Zamboanga, racconta ad AsiaNews il ruolo del popolazione nel successo del voto.

    08/07/2013 FILIPPINE
    Vescovi filippini, l'erede del card. Sin eletto nuovo presidente
    Il neoeletto presidente della Conferenza episcopale cattolica filippina, mons. Socrates Villegas, è stato “il protetto” del compianto arcivescovo di Manila, leader dei moti pacifici che deposero sia Ferdinand Marcos che Joseph Estrada. Eletto domenica 7 luglio, entrerà in carica a dicembre.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®