17 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/07/2017, 11.01

    FILIPPINE

    Marawi, vescovo contro Duterte: no al prolungamento della legge marziale



    Mons. Edwin de la Peña contro il governo che vuole estendere lo stato di emergenza e le leggi speciali. Per il vescovo all’inizio erano una necessità, ma ora il provvedimento è inutile. Evacuate oltre 465mila persone, la Chiesa in prima fila negli aiuti umanitari. Dalla Caritas altri 200mila dollari.

     

    Manila (AsiaNews) - Il vescovo di Marawi, città dell’isola di Mindanao, nel sud delle Filippine, dal 23 maggio scorso teatro di gravi scontri, si oppone con forza alla decisione del governo di prolungare la legge marziale nella regione. In una nota mons. Edwin de la Peña afferma che i 60 giorni di legge militare per rispondere all’emergenza erano una necessità; tuttavia, una “estensione” del provvedimento appare inutile, se non dannosa perché le autorità dispongono già di tutti i mezzi per affrontare il problema. “Sono contrario all’estensione della legge marziale” ha sottolineato il prelato. “La prima dichiarazione di legge marziale - aggiunge mons. de la Peña - era giusta, ma se usano ancora Marawi per giustificarne il prolungamento, non credo sia la cosa giusta da fare”.

    Da fine maggio il gruppo terroristico Maute assedia la città nell’isola di Mindanao, dov’è concentrata gran parte della popolazione musulmana delle Filippine. Secondo le ultime stime governative, i violenti scontri tra le forze governative ed i miliziani hanno costretto all’evacuazione oltre 465mila persone (pari a 102mila famiglie), dando vita ad una grave emergenza umanitaria. Quasi 5mila famiglie si trovano ora sparse in 85 diversi centri di accoglienza, ad Iligan e nelle città vicine; molte altre hanno preferito trovare rifugio presso amici e parenti.

    Al presidente Rodrigo Duterte, che ha paventato il pericolo di tensioni etnico-religiose, i leader musulmani locali hanno risposto prendendo le distanze dall’estremismo dei Maute. La Chiesa cattolica, sin dalle prime ore della crisi, ha richiamato la popolazione all’unità e alla solidarietà, predisponendo iniziative per l’assistenza agli sfollati e alle vittime del conflitto.

    L’aviazione filippina in questi giorni sta continuando i raid contro le ultime postazioni dei miliziani rimaste nella zona, che appare indebolita rispetto a una prima fase. “Con tutte le risorse a disposizione - aggiunge il vescovo - il governo può affrontare la crisi” anche senza l’uso di leggi speciali che finiscono anche per danneggiare l’economia della zona. Tuttavia, il presidente appare sempre più intenzionato a lasciare la legge marziale fino al 31 dicembre. Il prossimo 22 luglio è in programma una speciale seduta del Parlamento che avrà proprio questo tema all’ordine del giorno.

    Intanto la Caritas filippina (Nassa, Segreteria nazionale per l'azione sociale) ha stanziato altri 10 milioni di peso (quasi 200mila dollari) per venire incontro ai bisogni delle popolazioni di Marawi sfollate a causa delle violenze. La somma verrà consegnata al gruppo - formato da suore e volontari laici della diocesi di Iligan - preposto a rispondere all’emergenza. La somma garantirà la copertura dei bisogni di circa 3mila famiglie (pari a 15mila persone in totale), con l’acquisto di cibo Halal (lecito per i musulmani) e altri generi di prima necessità, fra cui kit per l’igiene. P. Edwin Gariguez, segretario esecutivo Nassa, aggiunge che ai rifugiati verrà offerta anche assistenza psicologica e corsi di formazione. (DS)

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2017 12:07:00 FILIPPINE
    Card. Tagle: ‘Senza verità, giustizia e amore non vi è pace’ con i musulmani di Marawi

    “Senza queste fondamenta, non può esservi pace”. Il conflitto è entrato nel secondo mese. “Chi ha tramato, non è riuscito a dividere cristiani e musulmani”. Il prelato invita i filippini a rimanere “attenti” ai “segni d'amore, speranza e luce” nel mezzo delle violenze. L’impegno della Chiesa cattolica per gli sfollati.



    11/07/2017 12:43:00 FILIPPINE
    I vescovi filippini: ‘Guerra a Marawi, mai più! Guerra a Marawi, non più!’

    La Conferenza episcopale (Cbcp) sottolinea che gli scontri in corso dal 23 maggio scorso non rappresentano una guerra religiosa. I prelati condannano il terrorismo dei Maute: “Contraddetti i principi fondamentali dell'islam”. Ribadita la necessità di un dialogo interreligioso. Mons. Edwin Angot dela Peña, vescovo di Marawi: “Ricostruire le persone colpite dalla distruzione della loro vita”. Mons. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato: “Una provincia autonoma nel sud è una soluzione per la pace”.



    21/06/2017 15:34:00 FILIPPINE
    Duterte: ‘Guerra religiosa a Mindanao’. Chiesa e analisti in disaccordo

    Il presidente: “I cristiani hanno fucili migliori e ne stanno comprando altri”. Gli esperti respingono con forza questa eventualità: “Solo una boutade priva di fondamento per giustificare la legge marziale”. Il card. Orlando Quevedo, arcivescovo di Cotabato: “Il governo affronti le radici economiche e politiche del terrorismo, anziché limitarsi al solo intervento militare”.



    14/06/2017 14:55:00 FILIPPINE
    Marawi, l’esercito filippino promette: ‘Non bombarderemo moschee’

    I leader religiosi musulmani sollecitati a dissuadere i Maute dall’usare i luoghi di culto come postazioni militari. Quattro dei 96 quartieri della città restano nelle mani degli islamisti. L’Isis pubblica il video dell’esecuzione di sei cristiani.



    04/07/2017 13:12:00 FILIPPINE
    Sarah L. Handag, educatrice musulmana: ‘L’istruzione, strumento per combattere l’odio’

    La donna è a capo del Programma educativo per le madrasse a Zamboanga (Mindanao). “Educare i cuori, non solo le menti; solo educando al dialogo religioso sapremo costruire ponti tra musulmani e cristiani”. “L’ignoranza, la mancanza di educazione, la povertà e la politica sono i veri nemici dell’islam di oggi”. L’esperienza di Silsilah, il movimento fondato da p. Sebastiano D’Ambra: “Queste storie possono ispirare altre città”.





    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®