29 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/03/2014, 00.00

    CINA - VATICANO

    Matteo Ricci e Xu Guangqi, due santi che la Chiesa cinese merita di vedere insieme sugli altari

    Benoit Vermander

    La causa di beatificazione del grande missionario gesuita è allo studio del Vaticano, mentre quella del suo amico è ancora impantanata anche a causa delle attuali difficoltà della diocesi di Shanghai. Ma aspettare per beatificarli insieme sarebbe un gesto molto importante per la Chiesa cinese, per la sua società e per il concetto stesso di carisma missionario. Un'analisi del gesuita francese.

    Taipei (AsiaNews) - Nel maggio del 2013, la prima fase della causa di beatificazione di Matteo Ricci si è chiusa a Macerata, diocesi natia del missionario. Il faldone è ora allo studio della Congregazione per le Cause dei Santi in Vaticano. Da qualche tempo si sono amplificate le richieste per la beatificazione e la canonizzazione di Ricci.

    Che Ricci meriti ampiamenti di essere canonizzato è un fatto che va al di là di ogni dubbio. La rettitudine del suo carattere, l'infinita pazienza, perseveranza e umiltà che ha mostrato durante tutto il percorso cinese e i frutti maturati dalla sua missione testimoniano tutti la santità di un uomo che è rispettato e persino amato da molti cinesi.

    La domanda è: dovrebbe essere beatificato da solo, o la sua causa apre l'opportunità di un nuovo approccio alla questione? Ricci ha iniziato il suo pellegrinaggio cinese pubblicando un piccolo libretto dal titolo "Sull'amicizia". Il suo processo di beatificazione dovrebbe riflettere lo spirito con il quale ha condotto il suo impegno missionario. In altre parole: non beatificate Matteo Ricci senza beatificare nello stesso momento Xu Guangqi.

    Ci sono tre ragioni per unite i due amici in una causa comune. La prima è che anche Xu Guangqi è un uomo la cui vita parla di santità. La seconda è che questo cambierà il modo in cui la storia missionaria viene di solito presentata. La terza è che questo sarebbe di gran lunga il miglior regalo che Roma potrebbe fare alla Chiesa cinese e alla Cina in generale.

    Xu Guangqi (1562-1633) è conosciuto in Cina come uno straordinario  intellettuale e funzionario pubblico, autore di un trattato enciclopedico sulle tecniche agricole, un patriota che ha testimoniato l'indebolimento progressivo della dinastia Ming e ha cercato di difenderla dalle aggressioni, un matematico e un astronomo. Eppure queste qualità umane potrebbero non bastare per farlo proclamare santo. Quindi che altro dovrebbe mostrare?

    In primo luogo, vogliamo notare che Xu si è fatto prendere da scopi pratici soltanto dopo la propria esperienza di conversione, la cui profondità è stata impressionante: il suo battesimo, avvenuto nel 1603, è stato preparato da lunghe meditazioni sui Classici cinesi, diverse e ripetute esperienze di fallimento e dolore, un sogno - avvenuto nel 1600, un tempio con tre cappelle interpretato nel 1605 come un'immagine della Trinità - e una profondissima emozione alla vista di un'immagine della Madonna con il Bambino a Nanjing.

    Una volta battezzato, ha portato alla nuova fede tutta la sua casa: non solo i parenti e i servi suoi dipendenti, ma persino il suo stesso padre. I suoi discendenti - e in modo particolare la pronipote Camilla Xu - proteggeranno la comunità cattolica di Shanghai.

    Nei trent'anni che separano il battesimo dalla sua morte, Xu Guangqi ha in continuazione protetto, consigliato e persino guidato i missionari, mentre sviluppava una vita spirituale ancorata all'auto-esame e al dialogo fra le tradizioni. Fra le altre testimonianze abbiamo quella di Longobardo, un gesuita che si era opposto alla strategia di inculturazione di Ricci: attraverso una sorta di "contro-inchiesta" sull'ortodossia dei cinesi convertiti, Longobardo - pur non volendolo - ci permette di apprezzare la profondità e la libertà interiore della visione spirituale di Xu.

    Inoltre, il modo in cui Xu ha tradotto la sua fede in piani di azione pratici e coraggiosi ci ricorda il carattere morale di Ricci: entrambi gli uomini sono meno inclini a scrivere dei loro sentimenti che impegnarsi in quella che percepiscono essere la loro vocazione. Questo potrebbe anche ricordarci l'inizio de "La contemplazione per raggiungere l'amore" degli Esercizi Spirituali: "L'amore dovrebbe manifestarsi nei fatti al di là di parole e l'amore consiste nell'interscambio tra le due parti ... Quindi, se uno la ha conoscenza la dà a chi non ce l'ha". Proprio questo tipo di interscambio ha nutrito l'amicizia che Xu ha sviluppato con Ricci e ha ispirato la sua attitudine nei confronti della propria carriera. Se anche Xu non ha fatto l'esperienza del martirio, come avvenne per Tommaso Moro, il suo coraggio e i suoi traguardi sono molto simili a quelli di questo grande laico e santo cattolico.

    La beatificazione congiunta di Ricci e Xu cambierebbe di conseguenza il modo in cui la storia missionaria viene spesso raccontata: non una storia di ricezione passiva, ma anzi di attiva collaborazione. Mostrerebbe che i primi convertiti hanno impegnato un'apertura e una forza eccezionale nella costruzione con i missionari della Chiesa locale. E mostrerebbe anche che questi convertiti hanno portato con loro sin dall'inizio la ricchezza delle tradizioni. Direbbe ai fedeli che tutti i carismi sono necessari e devono unirsi quando si fonda una comunità cristiana nella vita dello Spirito.

    Infine, una beatificazione comune sarebbe molto più significativa per la popolazione cinese contemporanea, inclusi i cattolici cinesi, rispetto a quella di un singolo missionario. Manderebbe un messaggio di amicizia, collaborazione e uguaglianza spirituale. Ancora più importante, la multiforme figura di Xu - uno dei "tre pilastri della Chiesa cinese" (insieme a Li Zhazhao e Yang Tingyun) - potrebbe portare alla riconciliazione fra tutti i settori della Chiesa, così come fra la Chiesa e la società. A fianco di tutto questo, associare Ricci e Xu manderebbe il messaggio di una Chiesa che punta all'universalità, nel mezzo di un dialogo fra le culture locali e nella varietà delle esperienze di vita.

    È vero che le attuali difficoltà della diocesi di Shanghai rendono la causa di beatificazione di Xu molto più lenta e complicata di quella di Ricci. Ma proprio queste difficoltà dovrebbero spingere Roma a istituire la causa con più diligenza: ci sono molte strade attraverso le quali una causa del genere potrebbe progredire. Sono passati più di quattro secoli da quando Ricci ha raggiunto il Paradiso. Io sono convinto che aspetterebbe volentieri qualche altro anno per essere riconosciuto Beato e Santo in compagnia del suo amico Xu Guangqi.

    Questo articolo è apparso in originale su http://www.erenlai.com/en/

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/04/2015 MACAO-CINA
    Un successo il “memorabile” concerto-messa in onore di Matteo Ricci (il video)
    Alla serata era presente anche mons. Jose Lai, vescovo di Macao. La lingua latina, i cori e la solennità della liturgia. Il compositore Aurelio Porfiri prepara una messa in lingua cinese.

    02/01/2015 CINA-ITALIA
    Macerata e Shanghai: scambio di busti di bronzo di Matteo Ricci e Xu Guangqi
    Il busto del mandarino cinese, grande scienziato e amico di Ricci, verrà inaugurato il 24 gennaio. Quello di Ricci è stato posto nel giardino-mausoleo di Xu, a pochi passi dalla cattedrale di S. Ignazio a Shanghai. Molti in Cina e nel mondo vorrebbero che la beatificazione di Ricci e Xu avvenga in contemporanea. I problemi di Shanghai.

    16/06/2010 VATICANO – CINA
    Sacerdote cinese porta al papa doni da Sheshan e Shanghai
    P. Matteo Chu, ha portato a Benedetto XVI un dipinto e un bassorilievo provenienti dalla Chiesa di Shanghai. Il sacerdote, che vive a Taipei e ha molti legami con la Chiesa cinese, ha detto al pontefice il desiderio dei cristiani di iniziare il processo di beatificazione per Matteo Ricci e per Paolo Xu Guangqi.

    15/06/2010 CINA - VATICANO
    Da Shanghai a Roma, la gioia di essere prete nell’Anno sacerdotale
    La testimonianza di p. Matteo Chu, 27 anni di lavori forzati in Cina, ora sacerdote a Taiwan, felice di essere a Roma per celebrare la conclusione dell’Anno sacerdotale. Un appello e una preghiera per i sacerdoti della Cina popolare.

    21/04/2015 MACAO-CINA
    La prima messa in onore di Matteo Ricci
    Del grande missionario gesuita è in corso la causa di beatificazione. Quattro cori, tre solisti, organo, ottoni guidati da Aurelio Porfiri , eseguiranno musiche e canti nel seminario di S. Giuseppe, antico luogo di formazione per i missionari dell’estremo oriente. In preparazione anche un Oratorio su Ricci, con libretto a cura di p. Gianni Criveller, missionario del Pime ad Hong Kong.



    In evidenza

    VATICANO-CINA
    ‘Grave preoccupazione’ della Santa Sede per mons. Shao Zhumin, sequestrato dalla polizia da oltre un mese

    Bernardo Cervellera

    Il vescovo di Wenzhou (Zhejiang) sarebbe sottoposto a lavaggio di cervello per farlo aderire all’Associazione patriottica. Mons. Shao appartiene alla comunità sotterranea. È la prima volta in tre anni - da quando sono ripresi di dialoghi Cina-Santa Sede - che la Sala Stampa si esprime su un vescovo arrestato. Il dolore dei fedeli per il troppo silenzio. Per mons. Shao aveva parlato anche l’ambasciatore tedesco a Pechino, Michael Clauss. L’invito a pregare per mons. Shao e per “il cammino della Chiesa in Cina”.


    VATICANO
    Papa: le Chiese d’Oriente, vivaci malgrado persecuzioni e terrorismo



    Ricevendo i partecipanti all’assemblea della “Riunione delle Opere per l’Aiuto alle Chiese Orientali” Francesco raccomanda la formazione del clero. “Non dimentichiamo che in Oriente anche ai giorni nostri, i cristiani – non importa se cattolici, ortodossi o protestanti – versano il loro sangue come sigillo della loro testimonianza”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®