19/11/2010, 00.00
NORVEGIA – CINA
Invia ad un amico

Nobel per la pace a Liu Xiaobo, aumentano le defezioni alla cerimonia

Sei Paesi - Russia, Kazakhstan, Cuba, Marocco, Iraq e Cina - hanno declinato senza motivare l’invito della Commissione del Nobel. Altre 16 hanno preso tempo. Nel frattempo, non si trova un familiare di Liu Xiaobo che possa ritirare il riconoscimento.

Oslo (AsiaNews) - Sei Paesi hanno declinato, senza fornire motivazioni, l’invito del Comitato per il Nobel per la pace a partecipare alla cerimonia di consegna del premio conferito al dissidente cinese Liu Xiaobo, detenuto in carcere dal 25 dicembre scorso. La cerimonia si terrà il 10 dicembre a Oslo: Russia, Kazakhstan, Cuba, Marocco, Iraq e la stessa Cina non parteciperanno.

Liu, dissidente e autore del manifesto democratico Carta ’08, è stato condannato a 11 anni di carcere da un tribunale cinese per “sovversione del potere statale”. Nel documento, che ha raccolto migliaia di firme in tutta la Cina, Liu chiede al governo di introdurre una riforma politica per superare la dittatura del Partito comunista e spinge per una nuova politica economica e alla libertà religiosa.

L’assegnazione del Nobel ha irritato Pechino, che lo definisce “un comune delinquente”: la diplomazia cinese ha iniziato un lavoro accurato per boicottare la cerimonia. Geir Lundestad, segretario del Comitato, ha confermato la defezione dei 6 Paesi e ha aggiunto che altre 16 nazioni non hanno risposto all’invito. Parlando alla stampa della cerimonia, Lundestad ha anche spiegato che – secondo il preciso lascito testamentario di Alfred Nobel – il Premio può essere consegnato soltanto al vincitore o a un membro della sua famiglia.

Nel caso di Liu Xiaobo è un problema serio: la moglie Liu Xia è agli arresti domiciliari sin dall’assegnazione del premio, mentre due dei tre fratelli del dissidente - Liu Xiaoguang e Liu Xiaoxuan, che in un primo momento si erano detti disponibili a ritirare il Nobel – sono spariti nel nulla. A questo punto, ha aggiunto Lundestad, il dissidente cinese Liu Xiaobo potrebbe essere l’unico nella storia a non ritirare il premio, pur essendo “uno dei premiati più importanti”.

Nel frattempo, in Cina continua la persecuzione dei dissidenti che hanno sostenuto Carta ’08. Il 18 novembre scorso a Hefei, nella provincia dell’Anhui, la polizia ha arrestato Zhou Weilin, attivista per i diritti umani. Pur non avendo presentato accuse formali contro di lui, come richiede la legge, gli agenti gli hanno confiscato una videocamera. Zhou lavora da anni per i diritti dei lavoratori.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Proibita a diplomatici europei la visita a Liu Xia
14/05/2018 10:50
Liu Xia: Non riesco ancora ad accettare la morte di Liu Xiaobo
08/05/2019 11:49
Bao Tong: Liu Xiaobo è stato un grande patriota cinese
26/07/2017 12:44
I dottori ai familiari di Liu Xiaobo: Preparatevi alla sua morte
07/07/2017 08:35
Bao Tong: Il governo cinese responsabile per la mancanza di cure a Liu Xiaobo
03/07/2017 11:15