19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/01/2018, 12.33

    EGITTO

    Nord Sinai, giovane copto ucciso: aveva una croce tatuata sul polso



    Gli assassini promettono di “uccidere più copti”. Bassem Herz Attalhah è stato ucciso sotto gli occhi del fratello, che si è salvato perché il suo tatuaggio era nascosto dalla manica. Già nel 2010 al Qaeda aveva promesso di ripulire il Sinai dai cristiani. 

    Il Cairo (AsiaNews) – Ucciso perché aveva una croce tatuata sul polso. È la fine a cui è andato incontro Bassem Herz Attalhah, 27 anni, ultima vittima degli estremisti islamici appartenenti allo “Stato islamico” nel Sinai. Tale scia di sangue sembra destinata a continuare con la promessa dei terroristi di “uccidere più copti”.

    Lo scorso 13 gennaio, Bassem stava tornando a casa dal lavoro ad al-Arish, capitale del governatorato del Nord Sinai. Con lui c’erano il fratello Osama, 38 anni, e l’amico Mohamed. Il gruppo è stato fermato da tre giovani fra i 23 e i 25 anni, armati ma con il viso scoperto.

    “Si sono avvicinati e hanno chiesto a Bassem di mostrare il polso della sua mano destra, e quando hanno visto il tatuaggio della croce gli hanno chiesto: ‘Sei un cristiano?’”, racconta Osama a World Watch Monitor. La croce tatuata sul polso è una tradizione centenaria dei cristiani della regione, in particolare per la comunità copta.

    Gli estremisti hanno controllato i polsi degli altri due. Non sapendo che Osama era il fratello di Bassem e non vedendo il tatuaggio coperto dalla manica, essi lo hanno creduto musulmano. “Bassem ha detto loro che ho dei bambini”, ricorda Osama.

    “Hanno sparato due colpi sul terreno vicino alla mia gamba e mi hanno chiesto di andarmene… e poi hanno colpito Bassem alla testa. Non potevo credere a cosa era capitato a mio fratello. È caduto a terra di fronte a me e non ho potuto fare niente”.

    Osama conclude il suo racconto ricordando che le gambe gli hanno ceduto per lo shock mentre cercava aiuto. Saputa la notizia, la madre dei due è stata portata all’ospedale per uno svenimento.

    Il telefono di Bassem è finito nella mani dei miliziani islamici, che hanno risposto a una telefonata di Milad Wasfi, un amico che non riusciva credere alla notizia della sua morte. Prima di attaccare il telefono, gli assassini di Bassem “hanno detto di appartenere allo Stato del Sinai e promesso che uccideranno più copti”.

    I cristiani d’Egitto sono nel mirino dei terroristi islamici del Sinai da anni. Già nel 2010, al Qaeda aveva minacciato la Chiesa egiziana, accusata di trattenere contro la loro volontà due donne musulmane. Lo scorso marzo, le violenze hanno costretto centinaia di famiglie copte ad abbandonare le loro case e le loro terre ad al-Arish. In tutto l’Egitto, gli attacchi ai cristiani sono aumentati sin dalle rivoluzione del 2011. L’ultimo attentato si è consumato lo scorso 29 dicembre, quando otto fedeli sono stati uccisi in una sparatoria all'ingresso della chiesa di Mar Mina, nell'omonimo sobborgo, circa 30 km a sud dalla capitale egiziana. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/11/2017 09:49:00 EGITTO-VATICANO
    Il dolore e la condanna di Tawadros II e Papa Francesco per l’attentato alla moschea di Al-Roda

    L’attacco ai fedeli a conclusione della preghiera del venerdì ha fatto 235 morti e 140 feriti. Fra le vittime vi sono 30 bambini. È la prima volta che una moschea sunnita viene presa come obbiettivo in Egitto. Il presidente Al Sisi dichiara tre giorni di lutto nazionale e promette di rispondere all’attentato con “la massima forza”. Raid aerei contro magazzini di armi dei terroristi. Papa Francesco: Preghiamo perché i cuori induriti dall’odio imparino a rinunciare alla via della violenza.



    27/11/2017 14:58:00 EGITTO
    Dolore e desiderio di vendetta: gli egiziani seppelliscono le 309 vittime della moschea nel Nord Sinai

    Fra di esse, 27 bambini. Sono 128 i feriti. L’attacco alla moschea, il primo nel suo genere e il più mortale nella storia dell’Egitto moderno. Si teme che ci siano altri attacchi. Impossibile proteggere tutte le moschee. L’obiettivo è indebolire il governo in vista delle elezioni presidenziali del 2018. Le testimonianze dei sopravvissuti: sparavano sulle persone in fuga.



    24/11/2017 16:37:00 EGITTO
    Nord Sinai, attacco a fedeli in preghiera in una moschea: almeno 235 morti e 130 feriti

    Il più mortale attentato nella penisola da anni. La moschea era nota come luogo di raduno di fedeli sufi.  Il Sinai, teatro di attacchi dell’Isis.



    20/08/2013 EGITTO
    Vescovo di Andropoli: Cristiani e musulmani in Egitto uniti per salvare il Paese dagli islamisti
    Per mons. Golta, ausiliare della diocesi copta cattolica di Alessandria, Stati Uniti e Unione Europea vogliono imporre agli egiziani il dominio dei Fratelli Musulmani. Gli islamisti hanno promesso di risolvere la questione palestinese cedendo il 40% del Sinai ad Hamas. Musulmani pronti a difendere i cristiani a qualsiasi costo.

    12/09/2017 08:51:00 EGITTO
    Nord Sinai: 18 poliziotti egiziani uccisi in un attacco dell’Isis

    Presi di mira anche gli addetti alle ambulanze. Continuano le violenze islamiste nel Sinai contro il governo del presidente al-Sisi. 

     





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®