1 Settembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
SIRIA
Nunzio a Damasco: Tutte le iniziative di pace per fermare la guerra in Siria
Mons. Mario Zenari apprezza gli sforzi di Onu, Lega Araba e opposizione emersi negli incontri di Ginevra e al Cairo. Ma leader mondiali e siriani non devono perdersi nei dettagli. Priorità: evacuare i civili dalle città colpite. La morte degli innocenti ferisce non solo il popolo siriano ma tutta l’umanità.

Damasco (AsiaNews) -  "La comunità internazionale sostenga tutte le iniziative di pace e riconciliazione del popolo siriano. Le violenze continuano e non ha senso perdere tempo. Il rischio è un allargamento del conflitto su scala regionale".  È quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco sui recenti incontri fra membri del Consiglio di sicurezza Onu, Lega araba e opposizione siriana, organizzati nei giorni scorsi a Ginevra e al Cairo. Tema delle riunioni: applicare il piano di pace di Kofi Annan e trovare un accordo fra i movimenti di opposizione.

"La priorità - afferma mons. Zenari - è fermare le violenze e valorizzare tutti i tentativi di dialogo fra le parti", e questo nonostante le diatribe fra Onu, Cina e Russia - emerse nell'incontro di Ginevra - e le divisioni interne all'opposizione politica siriana. Secondo quanto emerso dalla riunione del Cairo, terminata ieri, il Consiglio nazionale siriano e gli altri partiti di opposizione faticano a trovare un accordo su un futuro governo di unità nazionale che contenga al suo interno anche ex membri del regime. Mons. Zenari nota che i leader siriani e stranieri si "stanno perdendo nei dettagli", mentre il popolo siriano subisce impotente la guerra fra il regime di Assad e i ribelli armati del Free Syrian Army.

Da diverse settimane oltre 1000 famiglie di Homs sono bloccate all'interno della città in attesa di soccorsi. "Ora  - continua - è necessario salvaguardare le convenzioni umanitarie minime: dare ai feriti l'opportunità di curarsi e alle famiglie di abbondonare le proprie abitazioni". "Nelle scorse settimane - racconta - mi sono incontrato con le autorità di Damasco per cercare una soluzione a questi problemi. A Homs e in altre aree colpite dagli scontri la Chiesa sta cercando una mediazione per garantire almeno l'evacuazione dei civili. Il governo si è mostrato disponibile ad ascoltare, ma occorre verificare sul campo se tali buoni propositi vengono messi in pratica. Ciò vale anche per i ribelli".

Citando il discorso del Papa alla Riunione delle Opere in Aiuto alle Chiese Orientali (Roaco) del 21 giugno, il nunzio invita tutti i cristiani a "pregare per il popolo siriano e per la saggezza dei loro cuori, affinché il Signore illumini i leader siriani spingendoli a porre fine a queste violenze". (S.C.)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/07/2012 SIRIA
Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale
02/09/2013 SIRIA
Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
13/11/2012 SIRIA
La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
28/01/2014 SIRIA - ONU
Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
28/05/2013 SIRIA - UE
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate