06 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 05/07/2012, 00.00

    SIRIA

    Nunzio a Damasco: Tutte le iniziative di pace per fermare la guerra in Siria



    Mons. Mario Zenari apprezza gli sforzi di Onu, Lega Araba e opposizione emersi negli incontri di Ginevra e al Cairo. Ma leader mondiali e siriani non devono perdersi nei dettagli. Priorità: evacuare i civili dalle città colpite. La morte degli innocenti ferisce non solo il popolo siriano ma tutta l’umanità.

    Damasco (AsiaNews) -  "La comunità internazionale sostenga tutte le iniziative di pace e riconciliazione del popolo siriano. Le violenze continuano e non ha senso perdere tempo. Il rischio è un allargamento del conflitto su scala regionale".  È quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco sui recenti incontri fra membri del Consiglio di sicurezza Onu, Lega araba e opposizione siriana, organizzati nei giorni scorsi a Ginevra e al Cairo. Tema delle riunioni: applicare il piano di pace di Kofi Annan e trovare un accordo fra i movimenti di opposizione.

    "La priorità - afferma mons. Zenari - è fermare le violenze e valorizzare tutti i tentativi di dialogo fra le parti", e questo nonostante le diatribe fra Onu, Cina e Russia - emerse nell'incontro di Ginevra - e le divisioni interne all'opposizione politica siriana. Secondo quanto emerso dalla riunione del Cairo, terminata ieri, il Consiglio nazionale siriano e gli altri partiti di opposizione faticano a trovare un accordo su un futuro governo di unità nazionale che contenga al suo interno anche ex membri del regime. Mons. Zenari nota che i leader siriani e stranieri si "stanno perdendo nei dettagli", mentre il popolo siriano subisce impotente la guerra fra il regime di Assad e i ribelli armati del Free Syrian Army.

    Da diverse settimane oltre 1000 famiglie di Homs sono bloccate all'interno della città in attesa di soccorsi. "Ora  - continua - è necessario salvaguardare le convenzioni umanitarie minime: dare ai feriti l'opportunità di curarsi e alle famiglie di abbondonare le proprie abitazioni". "Nelle scorse settimane - racconta - mi sono incontrato con le autorità di Damasco per cercare una soluzione a questi problemi. A Homs e in altre aree colpite dagli scontri la Chiesa sta cercando una mediazione per garantire almeno l'evacuazione dei civili. Il governo si è mostrato disponibile ad ascoltare, ma occorre verificare sul campo se tali buoni propositi vengono messi in pratica. Ciò vale anche per i ribelli".

    Citando il discorso del Papa alla Riunione delle Opere in Aiuto alle Chiese Orientali (Roaco) del 21 giugno, il nunzio invita tutti i cristiani a "pregare per il popolo siriano e per la saggezza dei loro cuori, affinché il Signore illumini i leader siriani spingendoli a porre fine a queste violenze". (S.C.)

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/07/2012 SIRIA
    Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale
    Mons. Mario Zenari lancia un appello al Consiglio di sicurezza Onu in corso a New York. La situazione continuerà a peggiorare se la comunità internazionale resta divisa. Nuovo massacro di 200 persone a Tremseh (Hama).

    02/09/2013 SIRIA
    Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
    L'islamologo Francesco Zannini spiega ad AsiaNews le conseguenze dell'imminente attacco Usa alla Siria. Senza un piano strategico, i conflitti fra gruppi religiosi ed etnici potrebbero esplodere in qualsiasi momento. Turchia, Giordania e Israele appoggiano Obama, ma temono una guerra nei loro confini.

    13/11/2012 SIRIA
    La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
    La nuova entità è stata legittimata dalla Lega Araba. Essa è frutto di giorni di colloqui fra le varie componenti dell'opposizione avvenuti a Doha (Qatar). Essa sarà l'unico organo credibile per dar voce al popolo siriano. Il futuro leader dell'opposizione l''ex imam della moschea di Damasco. L'appello ai Paesi occidentali per avere nuove armi con cui rifornire i ribelli. Il dramma delle città siriane colpite dalla guerra, dalla fame e dalla criminalità dilagante.

    28/01/2014 SIRIA - ONU
    Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
    I delegati hanno di nuovo affrontato il rilascio di prigionieri e l'apertura del corridoio umanitario ad Homs. A dettare l'agenda è il comunicato di Ginevra I stilato nel 2012 da Onu e comunità internazionali. Restano le divisioni sul destino di Bashar al-Assad e l'ipotesi di un governo di transizione.

    28/05/2013 SIRIA - UE
    Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"
    L'Unione Europea non rinnova il bando delle armi all'opposizione siriana. Gran Bretagna e Francia pronti ad inviare armamenti ai ribelli. Per il patriarca cattolico di Antiochia "Con la guerra non vi sono vincitori". L'invito a pregare per la conferenza di pace di Ginevra in programma per il prossimo 10 giugno.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®