19 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2012
SIRIA
Nunzio a Damasco: Tutte le iniziative di pace per fermare la guerra in Siria
Mons. Mario Zenari apprezza gli sforzi di Onu, Lega Araba e opposizione emersi negli incontri di Ginevra e al Cairo. Ma leader mondiali e siriani non devono perdersi nei dettagli. Priorità: evacuare i civili dalle città colpite. La morte degli innocenti ferisce non solo il popolo siriano ma tutta l’umanità.

Damasco (AsiaNews) -  "La comunità internazionale sostenga tutte le iniziative di pace e riconciliazione del popolo siriano. Le violenze continuano e non ha senso perdere tempo. Il rischio è un allargamento del conflitto su scala regionale".  È quanto afferma ad AsiaNews, mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco sui recenti incontri fra membri del Consiglio di sicurezza Onu, Lega araba e opposizione siriana, organizzati nei giorni scorsi a Ginevra e al Cairo. Tema delle riunioni: applicare il piano di pace di Kofi Annan e trovare un accordo fra i movimenti di opposizione.

"La priorità - afferma mons. Zenari - è fermare le violenze e valorizzare tutti i tentativi di dialogo fra le parti", e questo nonostante le diatribe fra Onu, Cina e Russia - emerse nell'incontro di Ginevra - e le divisioni interne all'opposizione politica siriana. Secondo quanto emerso dalla riunione del Cairo, terminata ieri, il Consiglio nazionale siriano e gli altri partiti di opposizione faticano a trovare un accordo su un futuro governo di unità nazionale che contenga al suo interno anche ex membri del regime. Mons. Zenari nota che i leader siriani e stranieri si "stanno perdendo nei dettagli", mentre il popolo siriano subisce impotente la guerra fra il regime di Assad e i ribelli armati del Free Syrian Army.

Da diverse settimane oltre 1000 famiglie di Homs sono bloccate all'interno della città in attesa di soccorsi. "Ora  - continua - è necessario salvaguardare le convenzioni umanitarie minime: dare ai feriti l'opportunità di curarsi e alle famiglie di abbondonare le proprie abitazioni". "Nelle scorse settimane - racconta - mi sono incontrato con le autorità di Damasco per cercare una soluzione a questi problemi. A Homs e in altre aree colpite dagli scontri la Chiesa sta cercando una mediazione per garantire almeno l'evacuazione dei civili. Il governo si è mostrato disponibile ad ascoltare, ma occorre verificare sul campo se tali buoni propositi vengono messi in pratica. Ciò vale anche per i ribelli".

Citando il discorso del Papa alla Riunione delle Opere in Aiuto alle Chiese Orientali (Roaco) del 21 giugno, il nunzio invita tutti i cristiani a "pregare per il popolo siriano e per la saggezza dei loro cuori, affinché il Signore illumini i leader siriani spingendoli a porre fine a queste violenze". (S.C.)

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/07/2012 SIRIA
Nunzio a Damasco: La comunità internazionale aiuti la Siria a uscire da questa trappola infernale
02/09/2013 SIRIA
Siria, la guerra civile continuerà anche dopo la caduta di Assad
13/11/2012 SIRIA
La riconosciuta Coalizione nazionale siriana: "non abbiamo bisogno solo di pane, ma di armi"
28/01/2014 SIRIA - ONU
Ginevra II, i contrasti non fermano gli incontri fra opposizione e regime siriano
28/05/2013 SIRIA - UE
Gregorio III Laham: "Il futuro della Siria non si può costruire con la distruzione"

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate