21 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/02/2018, 13.01

    COREA

    Olimpiadi di PyeongChang, il taekwondo per la pace



    Si è tenuta oggi un’esibizione dello sport nazionale con la partecipazione di 70 atleti di entrambe le Coree. Il concerto della troupe artistica nordcoreana. Fra il pubblico, il presidente sudcoreano e la delegazione di Pyongyang. L’ultima canzone dedicata al desiderio di riunificazione cantata dall’artista nordcoreana in duetto con una stella del pop sudcoreano. Riparte la delegazione del Nord: si apre la diplomazia “post-olimpica”. 

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) – Le squadre di Corea del Sud e del Nord si sono riunite per una dimostrazione congiunta di taekwondo, sport nazionale per entrambi i Paesi. L’evento si è tenuto oggi sul palco della Seoul City Hall per celebrare le Olimpiadi di PyeongChang, con la partecipazione di quasi 70 atleti del Nord e del Sud (v. foto 1 e 2).

    La prima ad esibirsi è stata la World Taekwondo Federation, con sede a Seoul. Un manifesto con sopra scritto “Un mondo, un taekwondo” è apparso dall’alto mentre gli atleti spezzavano tavole di pino al ritmo di una versione rock della tradizionale canzone coreana Arirang. In seguito, la squadra del Nord ha ottenuto il plauso dei presenti, spaccando tavole spesse 10 cm. Le ragazze nordcoreane hanno poi sorpreso il pubblico rompendo 10 tavole di pino di seguito.

    Ri Yong-son, presidente nordcoreano della International Taekwondo Federation, ha commentato con le lacrime agli occhi che “il taekwondo ha una sola radice”.

    Stesse emozioni sono emerse sul volto di Kim Yong-nam (v. foto 3), presidente dell’Assemblea suprema del popolo della Corea del Nord, durante il concerto dell’orchestra nordcoreana Samjiyon. L’esecuzione si è tenuta due giorni fa al Haeoreum Hall del National Theater of Korea a Seoul, ed è stata uno degli ultimi eventi a cui la delegazione nordcoreana ha partecipato prima di ripartire. Sugli spalti erano seduti il presidente sudcoreano Moon Jae-in e la consorte, vicino a Kim Yong-nam e la sorella minore di Kim Jong-un, Kim Yo-jong.

    Ha riscosso l’attenzione dei media sudcoreani la canzone finale, Il nostro desiderio, una canzone tradizionale coreana del 1947 contro l’occupazione coloniale giapponese. L’inizio del testo è stato modificato nel 1948, da “il nostro desiderio è l’indipendenza” a “il nostro desiderio è l’unificazione”. Insieme all’artista nordcoreana ha cantato Seohyun, stella del k-pop [genere musicale popolare della Corea del Sud, famoso in tutto il mondo, ndr]. Le due performer si sono tenute per mano, per poi abbracciarsi (v. foto 4) sotto gli applausi dei presenti – 1.500 persone, di cui 500 per invito del governo e mille scelte attraverso una lotteria.

    La partenza di ieri sera della delegazione del Nord apre una nuova fase di “diplomazia post-olimpica”, a seguito dell’invito di Kim Jong-un rivolto al presidente Moon di recarsi in visita a Pyongyang. Sul futuro dei dialoghi si è espressa Kang Kyung-wha, ministro sudcoreano degli Esteri, dichiarandosi intenzionata a portare avanti i suoi doveri di capo diplomatico con una visione “attiva” e “creativa”. Secondo gli esperti, è probabile che Seoul decida di inviare un rappresentante speciale a Pyongyang. Oggi, il quotidiano nordcoreano Rodong Sinmun, organo di stampa del partito al governo, afferma che il viaggio della delegazione è stato “significativo” e “un’importante occasione per migliorare i rapporti fra Corea del Nord e del Sud, instaurando un clima adatto per la pace nella penisola”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/01/2018 08:54:00 COREA
    Pyongyang accetta la mano tesa di Seoul: colloqui il 9 gennaio

    Le due Coree si incontreranno nella zona demilitarizzata. A favorire l’incontro, il rinvio delle esercitazioni militari Usa-Corea del Sud. Seoul cerca di ristabilire i rapporti inter-coreani senza allontanarsi dall'alleato statunitense.



    23/11/2017 08:32:00 COREA
    Sebbene 'sponsor di terrorismo', la Corea del Nord parteciperà alle Olimpiadi invernali di PyeongChang

    La decisione è del Comitato olimpico internazionale. La Carta olimpica tutela di diritti e le libertà senza discriminazioni. Il 13 novembre, “Tregua olimpica” adottata dall’Assemblea Onu e promossa dalla Corea del Sud.



    13/02/2018 08:50:00 COREA
    Kim Jong-un, ‘grato’ a Seoul, promette di impegnarsi per la riconciliazione

    Ieri, l’incontro con la delegazione tornata da Seoul. Casa blu: il prossimo passo è un probabile negoziato militare fra le due Coree.



    02/01/2018 08:54:00 COREA
    Kim Jong-un apre ai giochi invernali in Corea del Sud. Seoul : Sediamoci e parliamone

    La proposta del ministro dell’Unificazione in conferenza stampa. Moon: sciogliere i rapporti congelati. Sarebbe il primo summit dal dicembre del 2015. 



    05/02/2018 08:51:00 COREA
    Kim Yong-nam alla cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Pyeongchang

    Per l’ufficio presidenziale di Moon questa è un’opportunità per dialoghi di alto livello e una prova della buona volontà del Nord. Kim Yong-nam è la figura più importante ad attraversare il confine sin dal 1953.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®