18 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 15/01/2016, 00.00

    PAKISTAN – INDIA

    Pakistan, raid contro le madrasse fondamentaliste: decine di arresti



    Il governo di Islamabad ha lanciato un’operazione su larga scala per fermare i militanti del gruppo Jaish-e-Mohammad, ritenuti colpevoli di alcuni attacchi contro una base aerea indiana. Fra i fermati anche il fondatore della cellula. Nel mirino ci sono i colloqui di pace con Delhi.

    Islamabad (AsiaNews/Agenzie) – Il governo pakistano ha effettuato un raid contro diverse madrasse [scuole coraniche ndr] gestite dal gruppo Jais-e-Mohammad, ritenuto fondamentalista. Le autorità hanno chiuso le strutture e hanno compiuto 14 arresti: fra questi anche Maluana Masood Azhar, fondatore della cellula estremista. Fra le accuse, anche quella di aver compiuto un attacco armato alla base aerea indiana di Pathankot, che ha causato 13 vittime. Per l’esecutivo, nel mirino vi sono i recenti colloqui di pace fra Islamabad e Delhi.

    L’area più colpita è quella di Daska, dove sono state chiuse una moschea e un seminario islamico. Da qui sarebbe partito l’ordine di attaccare la base indiana: i terroristi sono entrati nell’area vestiti da militari indiani e, armati in maniera “consistente”, hanno dato battaglia per quattro giorni. Lo scontro è scoppiato il 26 dicembre 2015: il giorno prima, in maniera inaspettata, i leader di India e Pakistan – Narendra Modi e Nawaz Sharif – si sono incontrati a Lahore per lanciare un’iniziativa congiunta di pace.

    La pace fra i due Paesi vicini è malvista dalle frange estremiste di entrambi i lati: i fondamentalisti islamici del Pakistan e quelli indù dell’India ritengono “inaccettabile” una normalizzazione dei rapporti fra le nazioni, un tempo unite prima della partizione post-indipendenza dalla Gran Bretagna. Dopo gli arresti, Delhi ha annunciato di aver messo “di nuovo in agenda” i colloqui diplomatici con Islamabad: questi erano stati congelati dopo l’attacco di Pathankot. 

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/07/2005 PAKISTAN
    Il Pakistan chiama alla "Jihad" contro l'estremismo islamico

    Il presidente Musharraf invita la nazione alla "guerra santa"  contro i terroristi giustificando il giro di vite sulle madrasse. Venerdì di protesta dei partiti islamici, che invocano la libertà religiosa.



    01/08/2005 PAKISTAN
    Pakistan, partiti islamici: no all'espulsione degli stranieri dalle madrasse

    Le reazioni fanno seguito alla decisione di Musharraf di rimpatriare gli studenti stranieri dalle istituzioni religiose pakistane.



    20/02/2014 PAKISTAN

    Pakistan, raid aereo nell’area tribale, morti 15 militanti. Stallo nei colloqui fra Islamabad e talebani
    Nella notte l’aviazione ha attaccato una roccaforte dei combattenti islamici nella zona di Mir Ali, al confine con l’Afghanistan. Fra le vittime 13 combattenti stranieri; distrutte armi e munizioni. L’operazione sarebbe una risposta all’uccisione di 23 paramilitari nelle mani dei talebani dal 2010. Fermi al palo i colloqui di pace dopo la cancellazione dell’incontro del 18 febbraio.

    25/02/2016 15:10:00 KYRGYZSTAN
    Lotta all’estremismo islamico: il 90% dei direttori delle madrasse non potrà più insegnare

    Nel 2014 il governo ha istituto dei controlli sull’insegnamento da parte di religiosi, direttori e insegnanti. Essi devono presentare dei certificati che attestano una formazione religiosa “dell’islam tradizionale” e un’istruzione laica. Su 101 scuole, 72 si sono iscritte ai controlli; il 92% dei direttori e oltre 200 insegnanti (su 483) non possiede i documenti richiesti. Istituti di cultura, moschee e associazioni finanziate dall’estero.



    16/06/2006 PAKISTAN
    Pakistan: stampa contro il premier sull'insegnamento del Corano

    Secondo un quotidiano nazionale, il primo ministro Aziz, "sbaglia" nel ritenere "valori nazionali e norme religiose" fondamenti necessari dell'istruzione scolastica fin dalle elementari e invita a scindere etica e religione per evitare derive estremiste. Sull'esempio delle considerazioni di un noto studioso musulmano.





    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®