14/04/2009, 00.00
IRAQ
Invia ad un amico

Pasqua quasi tranquilla a Baghdad, Mosul e Bassora

Dopo anni di difficoltà, questa è la prima Pasqua e Settimana santa celebrata a pieno ritmo. A Baghdad il patriarca Delly spinge i fedeli a non farsi fermare dagli attentati. A Mosul sono tornati l’80% dei cristiani. Messaggio di auguri del presidente Jalal Talabani.

Baghdad (AsiaNews) – Dopo anni di terrore e paura, in Iraq si è tornati a festeggiare con discreta tranquillità i riti della Pasqua e della Settimana santa. In generale, le parrocchie erano piene di fedeli, fiduciosi della nuova situazione di sicurezza nel Paese. A Baghdad, però, nella Settimana santa, il 9 aprile, si compiva anche l’anniversario della caduta di Saddam Hussein. Proprio quel giorno vi sono state diverse esplosioni e morti nella città. Ciò non ha impedito ai cristiani di partecipare ai riti pasquali. Anzi, lo stesso patriarca caldeo Emmanuel Delly ha invitato i cattolici a vincere la paura e a fidarsi della polizia che ha vigilato le celebrazioni all’esterno delle chiese.

Anche a Mosul sembra esservi una situazione più distesa. Negli ultimi anni in questa città cristiani, sacerdoti e vescovi sono stati presi di mira dal terrorismo e dalla malvivenza, subendo uccisioni, rapimenti, espropri, spingendo la maggioranza di essi all’emigrazione. Eppure, secondo la testimonianza di un sacerdote, in occasione della Festa di Pasqua, almeno l’80% dei cristiani sono ritornati in città, fiduciosi delle promesse del governo irakeno e dell’esercito americano.

Anche a Bassora, dopo anni, si è tornati a celebrare la veglia pasquale alla sera del Sabato santo. Negli anni passati, per la guerra o gli assalti contro i cristiani, i riti erano stati molto semplificati o celebrati nel primo pomeriggio. In occasione della festa, vi sono stati anche alcuni incontri fra cattolici, ortodossi e protestanti.

Prima di Pasqua, il presidente Jalal Talabani ha diffuso una lettera di augurio a tutti i cristiani, chiedendo loro di essere fedeli alle indicazioni annunciate da Gesù Cristo, per seminare anche nella società irakena i principi di tolleranza, fraternità, pace e giustizia, necessari a costruire un Iraq democratico e rispettoso dei diritti di tutti. Egli ha anche ringraziato l’impegno bimillenario dei cristiani locali per il loro contributo alla costruzione della civiltà irakena. (SM)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Timori e speranze dei cristiani irakeni
23/11/2007
Patriarca caldeo: grazie al papa per condividere "sofferenze e angosce" dell'Iraq
02/04/2006
Attentati e rapimenti, la Chiesa in Iraq non si arrende
21/02/2007
Rapito il vescovo siro-cattolico di Mossul
17/01/2005
Mosul: bombe e proiettili vicino alle chiese, ma i fedeli non rinunciano alla Settimana Santa
04/04/2007