24 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/05/2017, 12.47

    TAIWAN - CINA

    Pechino ‘disgustosa’: cerca di espellere Taiwan dalla conferenza sui ‘diamanti del sangue’



    La delegazione cinese ha “sequestrato il microfono” e ha bloccato i lavori. Rappresentanti africani hanno spalleggiato la posizione di Pechino. Ma Taiwan è osservatore della Kimberley Process dal 2007. La Cina sospettata di commerciare ‘diamanti di sangue’ con lo Zimbabwe.

    Perth (AsiaNews/Agenzie) – A una conferenza della Kimberley Process sul controllo del traffico di diamanti provenienti dalle zone di conflitto, tenutasi ieri in Australia, la delegazione cinese ha disturbato la cerimonia iniziale e bloccato i lavori esigendo l’espulsione della delegazione di Taiwan.

    L’atteggiamento della delegazione cinese è stata definita dai giornali australiani come “disgustosa”. Secondo quanto riportano i giornali locali, il gruppo della Cina ha “sequestrato il microfono” durante la cerimonia aborigena di benvenuto, presieduta dal Ministro degli esteri Julie Bishop e ha domandato il perché il gruppo di Taiwan sia stato invitato. Essi hanno fermato i lavori fino a che non fossero state date risposte soddisfacenti.

    In seguito, una discussione sul caso è stata abbandonata perché diversi rappresentanti di Paesi africani hanno continuato ad interrompere gli interventi, sostenendo la posizione della Cina.

    Alla fine, per continuare l’incontro, la presidenza della Kimberley Process ha allontanato la delegazione taiwanese.

    Il Kimberley Process è un organismo che dal 2000 vigila che il commercio di diamanti non sia usato per finanziare guerriglie e guerre civili, soprattutto nei Paesi africani.

    Il conflitto fra le due delegazioni non pare avere origine da accuse di partecipazione a commerci con diamanti di sangue. Esso fa invece parte della tradizionale posizione della Cina nel cercare di emarginare la presenza di taiwanesi dagli incontri internazionali.

    Geng Shuang, portavoce del Ministero cinese degli esteri, ha difeso l’atteggiamento della sua delegazione, affermando che Taiwan non poteva essere invitata perché non è né membro, né osservatore del KP. In realtà Taiwan ha status di osservatore dal 2007.

    Alcuni presenti alla conferenza sono stupiti anche dall’atteggiamento dei rappresentanti africani amici della Cina. Da anni, con una politica di doni e facilitazioni economiche, Pechino cerca di staccare i Paesi africani che ancora hanno relazioni con Taiwan per togliere all’isola “ribelle” un qualche rapporto diplomatico.

    La Cina è il più grande investitore in Africa. Nel 2016 ha investito in 293 progetti per il valore di 66,4 miliardi di dollari: il triplo di quanto investa gli Usa. Molte ong criticano la Cina perché i suoi investimenti sono diffusi senza alcuna preoccupazione verso la popolazione locale e verso il rispetto dei diritti umani nei Paesi africani.

    Negli anni scorsi la Cina è stata sospettata di aver commerciato ‘diamanti di sangue’ con lo Zimbabwe.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/02/2011 CINA – ZIMBABWE
    Zimbabwe: il colonialismo rapace, ma "amico", della Cina
    Il ministro cinese degli Esteri è in visita nello Zimbabwe, per “consolidare l’amicizia” tra i 2 popoli. Esperti accusano Pechino di attuare invece una vera spogliazione del Paese, sostenendo il dittatoriale governo di Mugabe e finanziando opere in cambio di diamanti, platino, terre agricole.

    15/01/2008 CINA - TAIWAN
    Commmercio e aiuti servono a Pechino per “acquistare” amici e potere
    Attraverso l'economia Pechino espande la sua influenza nel mondo, soprattutto nel vicino sudest asiatico, acquistando sempre maggior potere rispetto agli Stati Uniti. Da ultimo, il Malawi riconosce Pechino e abiura Taiwan, che l’accusa di averlo fatto per i soldi cinesi.

    04/11/2006 CINA - AFRICA
    Cina e Africa devono parlare di diritti umani, non solo di commercio

    Mentre si svolge il summit tra Cina e Paesi africani, Human Rights Watch denuncia che i reciproci rapporti commerciali non devono recare danno ai diritti di intere popolazioni e chiede che tengano presenti i diritti umani.



    09/11/2009 CINA – AFRICA
    Wen Jiabao all’Africa: “Pronti 10 miliardi di dollari in prestiti”
    Il premier cinese lancia la politica di sostegno al Continente nero: tre anni di nuovi investimenti. E Pechino attacca l’Occidente, “nervoso” per questa nuova fase diplomatica.

    24/04/2008 CINA - ZIMBABWE
    Ue: la Cina smetta di vendere armi a Stati sotto embargo Onu
    L’accusa è del Parlamento europeo, che critica i governi europei troppo “timidi” con la Cina. Intanto la nave carica di armi per lo Zimbabwe avrebbe doppiato il Capo di Buona Speranza. Si teme che le porti al presidente Mugabe, mentre nel Paese sono in atto violenze sistematiche.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®