18 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 05/02/2018, 15.13

    INDIA

    Plenaria dei vescovi: ‘nazionalismo, povertà e dalit’ le maggiori sfide per l’India



    L’assemblea generale della Conferenza episcopale indiana è riunita a Bangalore, in Karnataka. Il card. Bo del Myanmar loda l’impegno dei cristiani nell’educazione e nel campo sanitario. “La povertà è il peccato mortale dei tempi moderni”. I dalit “portatori di una ricca eredità culturale”.

    New Delhi (AsiaNews) – Nazionalismo che tende ad annullare l’identità pluralistica del Paese, lotta globale alla povertà e inclusione dei dalit emarginati. Sono i temi affrontati da prelati e attivisti sociali durante i primi giorni dell’Assemblea generale della Conferenza episcopale indiana, riunita dal 2 al 9 febbraio a Bangalore (Karnataka). Ospite d’onore il card. Charles Bo, arcivescovo di Yangon in Myanmar. Nel suo discorso d’apertura egli ha lodato la Chiesa cattolica indiana. Rivolto ai vescovi, ha affermato: “L’India vi deve tanto. Milioni di persone sono toccate dai vostri servizi. Voi siete il volto della compassione di Gesù per i poveri e gli afflitti”.

    lìLa 33ma Plenaria della Cbci è in corso all’Accademia nazionale delle Scienze sociali “St. John” di Bangalore. Essa dovrà rieleggere il presidente e i due vicepresidenti dell’organo, oltre a vari comitati. Il tema di quest’anno è “Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine dei secoli (Mt. 28:20). Uniti nella diversità, per una missione di misericordia e testimonianza”. La Cbci è la quarta conferenza a livello mondiale per numero di vescovi: ne fanno parte 204, di tre riti diversi – latino, siro-malankarese, siro-malabarese –, in rappresentanza di 174 diocesi.

    Il 2 febbraio il card. Bo ha sottolineato: “La Chiesa [indiana] è il più grande promotore del settore sociale”. Nonostante i cristiani rappresentino circa il 2% della popolazione totale [27,8 milioni secondo il censimento del 2011, di cui 19 milioni cattolici, ndr], “i vostri risultati socio-pastorali sono invidiati da molti […] Il vostro contributo nel costruire questa nazione attraverso l’educazione e la sanità è sorprendente. Almeno 10 milioni di studenti entrano nelle vostre scuole ogni giorno. Il 25% dell’educazione è in mano alla Chiesa. In molte zone dell’India è la Chiesa che ha aperto la possibilità [d’istruzione] alle comunità più vulnerabili”. Per quanto riguarda le cure sanitarie, ha continuato, “il 20% è offerto dalla Chiesa, che dona i propri servizi attraverso un esercito di volontari: quasi 110mila suore e 60mila uomini che lavorano a tempo pieno per lo sviluppo pastorale e sociale di questa nazione”.

    Proprio a causa di questi numeri e del grande impegno dei cattolici, sostiene, “l’identità delle minoranze religiose e culturali è minacciata dalla narrativa dell’odio. […] In quanto nazione, l’India affronta una crisi esistenziale. Il fondamentalismo religioso di estrema destra minaccia le comunità di minoranza ed è un grave pericolo per la vera idea di India. Proteggere la società multiculturale è diventato per tutti noi un sacro compito”.

    Secondo il porporato, “la povertà è il più grande terrorismo e male contro cui la Chiesa debba lottare. La povertà è il peccato mortale dei tempi moderni”. Poi aggiunge di provare profondo dolore nel vedere che “quasi un miliardo di persone va a letto con la pancia vuota […] Abbiamo bisogno di una guerra mondiale, ma con contro Trump. Abbiamo bisogno di una terza e finale guerra mondiale – una guerra contro la povertà e l’ingiustizia”.

    Ieri p. Maria Arul Raja ha ribadito la necessità di inclusione sociale dei dalit e di riaffermare i loro diritti nella società e nella Chiesa. L’attivista gesuita ricorda che nel 2016 i vescovi hanno approvato un piano d’azione per i dalit cattolici, circa 12 milioni sul totale di 19. “Essi – afferma – hanno avuto il coraggio di porre fine alla pratica malvagia dell’intoccabilità, con la fiducia di annullare il sistema delle caste”. P. Raja esprime ammirazione per i vescovi, che hanno ammesso che i dalit sono ancora troppo sotto-rappresentati nelle gerarchie ecclesiastiche, mentre “la loro voce deve essere ascoltata in tutte le commissioni”. I dalit, continua, sono anche portatori di cultura, danze e tradizioni proprie, “che dovrebbero essere integrate nelle celebrazioni liturgiche”.

    A margine della Plenaria dei vescovi, ieri si è svolta anche la 30ma assemblea della Conferenza dei vescovi di rito latino (Ccbi), che raduna 132 diocesi e 183 prelati. Il card. Oswald Gracias, presidente della Ccbi e arcivescovo di Mumbai, ha riaffermato la “responsabilità dei cristiani in India a presentare i valori del Vangelo nella società e aiutare le persone a viverli sradicando la corruzione, rimuovendo i pregiudizi, controllando lo sfruttamento delle comunità di tribali e dalit, incoraggiando verità, giustizia e altruismo”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/02/2018 16:08:00 INDIA – MYANMAR
    Card. Bo: La Chiesa del Myanmar incontra quella indiana

    L’arcivescovo di Yangon è ospite d’onore alla Plenaria della Conferenza episcopale indiana. “Quando le sfide abbondano, l’unità non è un lusso, ma la necessità”. Il nazionalismo estremista “minaccia la vita delle persone vulnerabili”. In Myanmar “La Chiesa ha assunto il ruolo di misericordia per le persone afflitte”.



    09/02/2018 09:04:00 INDIA
    Il card. Oswald Gracias è il nuovo presidente dei vescovi indiani (Video)

    Il porporato presiede anche la Federazione delle Conferenze episcopali asiatiche e la Conferenza dei vescovi indiani di rito latino. È un fervente sostenitore dell’opera sociale della Chiesa cattolica in India. Sta seguendo il processo di canonizzazione dei martiri di Kandhamal (Orissa).



    03/04/2013 INDIA
    Card. Gracias: il martirio di p. Thomas ci spinge a dedicare la nostra vita a Gesù
    I funerali del rettore del seminario di Bangalore, ucciso nella notte di Pasqua, si terranno nel suo villaggio d’origine il prossimo 6 aprile. Ancora sconosciuti gli autori del delitto. Presidente della Conferenza episcopale indiana (Cbci): “La sua morte proclama la morte e la resurrezione del Signore”.

    20/03/2017 13:05:00 INDIA
    Card. Gracias ai leader dalit: La Chiesa cattolica in India è al 100% con i cristiani dalit

    L’arcivescovo di Mumbai ha partecipato all’incontro del Consiglio nazionale dei dalit cristiani. In India la maggioranza dei cattolici sono dalit, cioè 12 milioni su un totale di 19. La Chiesa ha stilato nuove politiche per consentire una maggiore integrazione.



    08/11/2016 12:16:00 INDIA
    Il card. Gracias celebra il giubileo dei migranti tribali: Siete la nostra famiglia (Foto)

    L’arcivescovo ha invitato il card. Toppo, arcivescovo di Ranchi e con origini tribali. A Mumbai vivono circa 80mila migranti provenienti in larga parte dall’altopiano di Chota Nagpur (India centro-orientale). Nella megalopoli essi sono vittime di discriminazione sociale e lavorativa. Un piano di cooperazione tra le arcidiocesi di Mumbai e Ranchi.





    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®