26 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 21/04/2006, 00.00

    Nepal

    Prefetto apostolico: A Kathmandu la gente festeggia per strada la decisione del re



    Padre Anthony Francis Sharma dice ad AsiaNews: "Sono tutti in strada nonostante il coprifuoco. L'unica paura è che, per reazione, la gente si abbandoni alla violenza e attacchi gli edifici pubblici".

    Kathmandu (AsiaNews) – La popolazione nepalese "festeggia per le strade" la decisione del re Gyanendra di cedere il potere anche se "vi è timore per violenze e assalti agli edifici pubblici".

    Con queste parole padre Anthony Francis Sharma, prefetto apostolico del Nepal, commenta ad AsiaNews la prima reazione di Kathmandu alle dichiarazioni del monarca, che ha annunciato in conferenza stampa che "il potere può tornare al popolo" ed ha chiesto ai 7 partiti di opposizione di indicare un nuovo primo ministro.

    "Siamo tutti pieni di gioia – continua p. Sharma – soprattutto per la fine delle violenze. Il coprifuoco è ancora in vigore, ma nessuno lo rispetta, come nei giorni scorsi. Solo che questa volta l'ordine è ignorato per un motivo festoso".

    "L'unico problema – sottolinea – è che si temono attacchi agli edifici pubblici, soprattutto qui nella capitale. Dobbiamo aspettare fino a domani mattina, sperando che non succeda nulla durante la notte".

    Il re ha promesso il ritorno al metodo democratico dopo 16 giorni di scioperi e manifestazioni che hanno provocato almeno 15 morti negli scontri fra manifestanti e forze dell'ordine. Il re aveva assunto i pieni poteri il 1° febbraio 2005, giustificando la sua decisione con la necessità di fermare la rivolta dei ribelli maoisti. Dal 1996 la guerriglia maoista ha causato circa 13 mila vittime.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/04/2006 NEPAL
    Nepal: il re "cede il potere al popolo"

    L'annuncio dopo 16 giorni di manifestazioni, costati la vita ad almeno 15 persone.



    03/05/2006 NEPAL
    Nepal: Koirala media, formato il nuovo gabinetto ministeriale

    Il neo Primo ministro del Nepal ha comunicato i nomi dei nuovi ministri ieri sera. Malumore fra la popolazione: le nomine arrivano con 48 ore di ritardo a causa dei contrasti fra i 7 partiti di opposizione.



    20/02/2013 NEPAL
    Nepal, il presidente della Corte suprema sarà il nuovo Primo ministro
    Khilraj Regmi sostituirà il maoista Baburan Bhattarai. I principali partiti politici hanno accettato la sua nomina. Egli dovrà traghettare il Paese fino all'elezione della nuova assemblea costituente previste per il 5 giugno. Protestano i partiti minori che giudicano incostituzionale la nomina di un giudice come Premier.

    26/01/2007 NEPAL
    Buddha scalza Vishnu dalle nuove banconote nepalesi
    Il nuovo governo ad interim ha annunciato il conio di nuovo denaro nazionale, su cui appariranno Buddha, l’Everest ed una principessa locale, moglie di un imperatore cinese. Un sacerdoti indù commenta: “Meglio Buddha di Mao o Marx”.

    01/07/2010 NEPAL
    Si dimette il Primo ministro del Nepal
    Madhav Kumar Nepal era in carica dal maggio 2009. Egli ha giustificato le dimissioni con le continue pressioni dell’opposizione maoista, da sempre contraria al suo governo. Dubbi sul futuro del Paese.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®