21 Aprile 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/04/2006 16:35
Nepal
Prefetto apostolico: A Kathmandu la gente festeggia per strada la decisione del re

Padre Anthony Francis Sharma dice ad AsiaNews: "Sono tutti in strada nonostante il coprifuoco. L'unica paura è che, per reazione, la gente si abbandoni alla violenza e attacchi gli edifici pubblici".



Kathmandu (AsiaNews) – La popolazione nepalese "festeggia per le strade" la decisione del re Gyanendra di cedere il potere anche se "vi è timore per violenze e assalti agli edifici pubblici".

Con queste parole padre Anthony Francis Sharma, prefetto apostolico del Nepal, commenta ad AsiaNews la prima reazione di Kathmandu alle dichiarazioni del monarca, che ha annunciato in conferenza stampa che "il potere può tornare al popolo" ed ha chiesto ai 7 partiti di opposizione di indicare un nuovo primo ministro.

"Siamo tutti pieni di gioia – continua p. Sharma – soprattutto per la fine delle violenze. Il coprifuoco è ancora in vigore, ma nessuno lo rispetta, come nei giorni scorsi. Solo che questa volta l'ordine è ignorato per un motivo festoso".

"L'unico problema – sottolinea – è che si temono attacchi agli edifici pubblici, soprattutto qui nella capitale. Dobbiamo aspettare fino a domani mattina, sperando che non succeda nulla durante la notte".

Il re ha promesso il ritorno al metodo democratico dopo 16 giorni di scioperi e manifestazioni che hanno provocato almeno 15 morti negli scontri fra manifestanti e forze dell'ordine. Il re aveva assunto i pieni poteri il 1° febbraio 2005, giustificando la sua decisione con la necessità di fermare la rivolta dei ribelli maoisti. Dal 1996 la guerriglia maoista ha causato circa 13 mila vittime.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/04/2006 NEPAL
Nepal: il re "cede il potere al popolo"
03/05/2006 NEPAL
Nepal: Koirala media, formato il nuovo gabinetto ministeriale
di Prakash Dubey
20/02/2013 NEPAL
Nepal, il presidente della Corte suprema sarà il nuovo Primo ministro
di Kalpit Parajuli
01/07/2010 NEPAL
Si dimette il Primo ministro del Nepal
di Kalpit Parajuli
14/02/2006 NEPAL
Nepal, la cultura nazionale rifiuta la violenza dei maoisti
di Prakash Dubey

In evidenza
ITALIA - ASIA
Pasqua, la vittoria sulla morte e l'impotenza
di Bernardo Cervellera
SIRIA
Gesuita siriano: Mi manchi, p. Frans. Hai ispirato tutti noi
di Tony Homsy*Un giovane sacerdote della Compagnia ricorda la vita e l'operato di p.Frans van der Lugt, ucciso a Homs dopo aver rifiutato di abbandonare la popolazione piagata da fame e guerra: "Ha dato e continua a dare tutto per la Chiesa, per la Siria, per la pace. La sua testimonianza e le sue doti ne hanno fatto un missionario e un testimone del Vangelo eccezionale". Per gentile concessione del "thejesuitpost" (traduzione a cura di AsiaNews).
FRANCIA - IRAQ
Patriarca caldeo: il futuro fosco dei cristiani d'Oriente, ricchezza in via di estinzione per Occidente e Islam
di Mar Louis Raphael I SakoLe guerre in Iraq, Libia e Afghanistan hanno peggiorato la condizione dei popoli, in particolare le minoranze. Le politiche fallimentari promosse dall'Occidente. Cresce il fondamentalismo, la Primavera araba svuotata dagli estremismi. Il ruolo delle autorità musulmane nella tutela di diritti e libertà religiosa. La presenza dei cristiani in Medio oriente è fondamentale per i musulmani.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate