21 Novembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
RUSSIA
Premio-burla al Patriarca di Mosca. La Duma vuole inasprire pene per incitamento a odio religioso
di Nina Achmatova
Il partito di maggioranza Russia Unita prepara emendamenti al codice penale per evitare che la Chiesa sia oggetto di satira o commenti negativi. Favorevole il Patriarcato: aiuterà a evitare guerra civile.

Mosca (AsiaNews) - Il conferimento di un premio ironico al patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill - da mesi al centro di polemiche e scandali mediatici - ha scatenato la dura reazione della Duma russa, dove i legislatori hanno intenzione di proporre un inasprimento delle pene per chi offende il sentimento religioso.  Secondo quanto riporta il quotidiano Izvestia, i deputati del partito di maggioranza Russia Unita stanno preparando degli emendamenti all'articolo 282 del codice penale, quello relativo all'"incitamento a odio, ostilità e umiliazione della dignità umana". Le modifiche, spiega il deputato Alexey Zhuravlyov al giornale, "definiranno in modo più preciso tale reato e permetteranno di portare davanti alla giustizia, per esempio, gli organizzatori del premio 'Galoscia d'argento'. Se gli emendamenti verranno approvati - ha aggiunto - questi rischiano o una multa di 300mila rubli (7.250 euro) o da uno a due anni di carcere".

Il leader della Chiesa ortodossa russa è stato insignito, di recente, dell'anti-premio "Galoscia d'argento", organizzato dalla radio Serebrjannaja dozhd e conferito ogni anno a chi ha ottenuto i risultati più improbabili nel mondo dello spettacolo.

Secondo la giuria del premio, Kirill ha vinto per "la scomparsa immacolata" di un orologio al suo polso, grazie a un fotoritocco del suo ufficio stampa. Il riferimento è una foto, pubblicata ad aprile sul sito del Patriarcato, in cui Kirill è seduto al tavolo con il ministro della Giustizia Alexander Konovalov: il costoso Breguet al suo polso non c'era, ma lo si vedeva riflesso sulla superficie lucida del tavolo sotto il braccio del Patriarca. I  blogger russi avevano denunciato il trucco e il caso aveva portato alle dimissioni dell'addetto stampa.


Il premio ha fatto ancora più rumore perché a consegnarlo, simbolicamente, è stata una delle leader dell'opposizione anti-Putin, la giornalista Ksenia Sobchak, che "da credente" si è detta "offesa dal comportamento del Patriarcato: dai pass Vip per vedere la reliquia della cintura della Vergine a Mosca, alla pena per le Pussy Riot", le ragazze del gruppo punk che per una performance ritenuta blasfema, nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca sono ora in carcere.

Proprio le Pussy Riot, secondo il deputato Zhuravlyov , dovrebbero essere processate in base all'art. 282 del codice penale, per incitamento all'odio religioso e non per semplice "vandalismo". Inasprire le pene per chi insulta o si prende gioco della Chiesa, secondo il politico, è importante perché così chi organizza eventi come il premio "Galoscia d'argento' dovrà pensarci due volte prima.

Gli emendamenti potrebbero essere discussi a settembre nella sessione parlamentare autunnale. Intanto il capo del Dipartimento per le relazioni tra Chiesa e società, Vsevolod Chaplin, ha fatto sapere che il Patriarcato è pienamente d'accordo con l'iniziativa legislativa. "Tali carmini sono volti a sovvertire il potere nella società - ha spiegato Chaplin - a umiliare alcuni e lodare altri. Questo può portare la società sull'orlo di una guerra civile".

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/06/2010 RUSSIA
Mosca dà un codice di comportamento agli immigrati per favorire l’integrazione
di Nina Achmatova
14/03/2012 CINA
Arresti indiscriminati per legge: la polizia cinese potrà fare quello che vuole
13/09/2012 RUSSIA
Dopo le Pussy Riot, il miliardario Prokhorov propone un codice religioso. La Chiesa apprezza
di Nina Achmatova
02/11/2004 PAKISTAN
Ritocchi inadeguati per la legge sulla blasfemia
di Qaiser Felix
09/06/2011 RUSSIA
Mosca: vietato dare da mangiare agli affamati
di Nina Achmatova

In evidenza
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate