26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 26/06/2012
RUSSIA
Premio-burla al Patriarca di Mosca. La Duma vuole inasprire pene per incitamento a odio religioso
di Nina Achmatova
Il partito di maggioranza Russia Unita prepara emendamenti al codice penale per evitare che la Chiesa sia oggetto di satira o commenti negativi. Favorevole il Patriarcato: aiuterà a evitare guerra civile.

Mosca (AsiaNews) - Il conferimento di un premio ironico al patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill - da mesi al centro di polemiche e scandali mediatici - ha scatenato la dura reazione della Duma russa, dove i legislatori hanno intenzione di proporre un inasprimento delle pene per chi offende il sentimento religioso.  Secondo quanto riporta il quotidiano Izvestia, i deputati del partito di maggioranza Russia Unita stanno preparando degli emendamenti all'articolo 282 del codice penale, quello relativo all'"incitamento a odio, ostilità e umiliazione della dignità umana". Le modifiche, spiega il deputato Alexey Zhuravlyov al giornale, "definiranno in modo più preciso tale reato e permetteranno di portare davanti alla giustizia, per esempio, gli organizzatori del premio 'Galoscia d'argento'. Se gli emendamenti verranno approvati - ha aggiunto - questi rischiano o una multa di 300mila rubli (7.250 euro) o da uno a due anni di carcere".

Il leader della Chiesa ortodossa russa è stato insignito, di recente, dell'anti-premio "Galoscia d'argento", organizzato dalla radio Serebrjannaja dozhd e conferito ogni anno a chi ha ottenuto i risultati più improbabili nel mondo dello spettacolo.

Secondo la giuria del premio, Kirill ha vinto per "la scomparsa immacolata" di un orologio al suo polso, grazie a un fotoritocco del suo ufficio stampa. Il riferimento è una foto, pubblicata ad aprile sul sito del Patriarcato, in cui Kirill è seduto al tavolo con il ministro della Giustizia Alexander Konovalov: il costoso Breguet al suo polso non c'era, ma lo si vedeva riflesso sulla superficie lucida del tavolo sotto il braccio del Patriarca. I  blogger russi avevano denunciato il trucco e il caso aveva portato alle dimissioni dell'addetto stampa.


Il premio ha fatto ancora più rumore perché a consegnarlo, simbolicamente, è stata una delle leader dell'opposizione anti-Putin, la giornalista Ksenia Sobchak, che "da credente" si è detta "offesa dal comportamento del Patriarcato: dai pass Vip per vedere la reliquia della cintura della Vergine a Mosca, alla pena per le Pussy Riot", le ragazze del gruppo punk che per una performance ritenuta blasfema, nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca sono ora in carcere.

Proprio le Pussy Riot, secondo il deputato Zhuravlyov , dovrebbero essere processate in base all'art. 282 del codice penale, per incitamento all'odio religioso e non per semplice "vandalismo". Inasprire le pene per chi insulta o si prende gioco della Chiesa, secondo il politico, è importante perché così chi organizza eventi come il premio "Galoscia d'argento' dovrà pensarci due volte prima.

Gli emendamenti potrebbero essere discussi a settembre nella sessione parlamentare autunnale. Intanto il capo del Dipartimento per le relazioni tra Chiesa e società, Vsevolod Chaplin, ha fatto sapere che il Patriarcato è pienamente d'accordo con l'iniziativa legislativa. "Tali carmini sono volti a sovvertire il potere nella società - ha spiegato Chaplin - a umiliare alcuni e lodare altri. Questo può portare la società sull'orlo di una guerra civile".

 

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
21/06/2010 RUSSIA
Mosca dà un codice di comportamento agli immigrati per favorire l’integrazione
di Nina Achmatova
14/03/2012 CINA
Arresti indiscriminati per legge: la polizia cinese potrà fare quello che vuole
13/09/2012 RUSSIA
Dopo le Pussy Riot, il miliardario Prokhorov propone un codice religioso. La Chiesa apprezza
di Nina Achmatova
02/11/2004 PAKISTAN
Ritocchi inadeguati per la legge sulla blasfemia
di Qaiser Felix
09/06/2011 RUSSIA
Mosca: vietato dare da mangiare agli affamati
di Nina Achmatova

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate