31 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/06/2012, 00.00

    RUSSIA

    Premio-burla al Patriarca di Mosca. La Duma vuole inasprire pene per incitamento a odio religioso

    Nina Achmatova

    Il partito di maggioranza Russia Unita prepara emendamenti al codice penale per evitare che la Chiesa sia oggetto di satira o commenti negativi. Favorevole il Patriarcato: aiuterà a evitare guerra civile.

    Mosca (AsiaNews) - Il conferimento di un premio ironico al patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill - da mesi al centro di polemiche e scandali mediatici - ha scatenato la dura reazione della Duma russa, dove i legislatori hanno intenzione di proporre un inasprimento delle pene per chi offende il sentimento religioso.  Secondo quanto riporta il quotidiano Izvestia, i deputati del partito di maggioranza Russia Unita stanno preparando degli emendamenti all'articolo 282 del codice penale, quello relativo all'"incitamento a odio, ostilità e umiliazione della dignità umana". Le modifiche, spiega il deputato Alexey Zhuravlyov al giornale, "definiranno in modo più preciso tale reato e permetteranno di portare davanti alla giustizia, per esempio, gli organizzatori del premio 'Galoscia d'argento'. Se gli emendamenti verranno approvati - ha aggiunto - questi rischiano o una multa di 300mila rubli (7.250 euro) o da uno a due anni di carcere".

    Il leader della Chiesa ortodossa russa è stato insignito, di recente, dell'anti-premio "Galoscia d'argento", organizzato dalla radio Serebrjannaja dozhd e conferito ogni anno a chi ha ottenuto i risultati più improbabili nel mondo dello spettacolo.

    Secondo la giuria del premio, Kirill ha vinto per "la scomparsa immacolata" di un orologio al suo polso, grazie a un fotoritocco del suo ufficio stampa. Il riferimento è una foto, pubblicata ad aprile sul sito del Patriarcato, in cui Kirill è seduto al tavolo con il ministro della Giustizia Alexander Konovalov: il costoso Breguet al suo polso non c'era, ma lo si vedeva riflesso sulla superficie lucida del tavolo sotto il braccio del Patriarca. I  blogger russi avevano denunciato il trucco e il caso aveva portato alle dimissioni dell'addetto stampa.


    Il premio ha fatto ancora più rumore perché a consegnarlo, simbolicamente, è stata una delle leader dell'opposizione anti-Putin, la giornalista Ksenia Sobchak, che "da credente" si è detta "offesa dal comportamento del Patriarcato: dai pass Vip per vedere la reliquia della cintura della Vergine a Mosca, alla pena per le Pussy Riot", le ragazze del gruppo punk che per una performance ritenuta blasfema, nella cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca sono ora in carcere.

    Proprio le Pussy Riot, secondo il deputato Zhuravlyov , dovrebbero essere processate in base all'art. 282 del codice penale, per incitamento all'odio religioso e non per semplice "vandalismo". Inasprire le pene per chi insulta o si prende gioco della Chiesa, secondo il politico, è importante perché così chi organizza eventi come il premio "Galoscia d'argento' dovrà pensarci due volte prima.

    Gli emendamenti potrebbero essere discussi a settembre nella sessione parlamentare autunnale. Intanto il capo del Dipartimento per le relazioni tra Chiesa e società, Vsevolod Chaplin, ha fatto sapere che il Patriarcato è pienamente d'accordo con l'iniziativa legislativa. "Tali carmini sono volti a sovvertire il potere nella società - ha spiegato Chaplin - a umiliare alcuni e lodare altri. Questo può portare la società sull'orlo di una guerra civile".

     

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/06/2010 RUSSIA
    Mosca dà un codice di comportamento agli immigrati per favorire l’integrazione
    Tra le norme: non uccidere animali pubblicamente, parlare russo e non indossare abbigliamento tradizionale dei Paesi d’origine. Il Codice sarà completato entro la fine del 2010. Per Gavkhar Dzurayeva, capo del Centro migrazioni, è assurdo “ridurre l’integrazione a una questione di vestiti, abitudini alimentari e comportamentali” e tacere su problemi come lo sfruttamento dei lavoratori migranti.

    14/03/2012 CINA
    Arresti indiscriminati per legge: la polizia cinese potrà fare quello che vuole
    La contestata modifica al Codice penale cinese era stata introdotta in agosto: ora è divenuta legge. Permette agli agenti di pubblica sicurezza di trattenere fino a 6 mesi chiunque, senza bisogno di passare da un giudice. Timori per un peggioramento della situazione dei diritti umani in Cina.

    13/09/2012 RUSSIA
    Dopo le Pussy Riot, il miliardario Prokhorov propone un codice religioso. La Chiesa apprezza
    L'ex candidato presidente è a caccia di consensi per il suo nuovo partito, ma il Patriarcato si dice favorevole ad aprire un dibattito in seno alla società e avverte: no a uno Stato che neghi la presenza della Chiesa nella vita di un popolo.

    02/11/2004 PAKISTAN
    Ritocchi inadeguati per la legge sulla blasfemia

    Per i cristiani occorre "rigettarla". Sulle leggi "Hudood", insoddisfatti gli attivisti per i diritti umani.



    09/06/2011 RUSSIA
    Mosca: vietato dare da mangiare agli affamati
    Il comune ordina alla chiesa dei Santi Cosma e Damiano di interrompere la mensa per i senzatetto perché sconveniente all’immagine della città. La parrocchia si trova davanti agli uffici del sindaco. Ogni anno nella capitale muoiono di freddo almeno 200 barboni.



    In evidenza

    IRAQ
    Patriarca di Baghdad: cristiani e musulmani in preghiera per la pace, fra Mese di Maggio e Ramadan

    Joseph Mahmoud

    Il 30 maggio la chiesa della Regina del Rosario a Baghdad ospiterà una preghiera interreligiosa contro le violenze e il terrorismo. A lanciare l’iniziativa il patriarca caldeo: non le opzioni militari, ma la preghiera contro conflitti che colpiscono “la popolazione innocente”. Un invito anche ai musulmani a riflettere per formare una nuova mentalità, una nuova cultura.

     


    EGITTO-ISLAM-VATICANO
    Papa Francesco e il Grande imam di Al Azhar, il detto e il “non detto”

    Samir Khalil Samir

    Vi sono molti aspetti positivi nell’incontro fra il pontefice e la suprema autorità sunnita, insieme a qualche silenzio. Per Al Tayyib l’islam non ha niente a che fare con il terrorismo. Ma l’Isis usa la bandiera nera di Maometto, la spada del profeta, le frasi del Corano. I terroristi prendono le loro affermazioni sanguinarie da molti imam. E’ urgente un nuovo rinascimento dell’islam, rileggendo la tradizione nella modernità: un lavoro interrotto dal fondamentalismo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®