08 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 29/09/2014, 00.00

    HONG KONG - CINA

    Proteste a Hong Kong, la violenza della polizia "un boomerang contro il governo"



    Una fonte cattolica del Territorio spiega ad AsiaNews: "Il comportamento degli agenti ha scosso la popolazione, cresce la voglia di democrazia. Soltanto le dimissioni del capo dell'esecutivo potranno riaprire un canale di dialogo". Aumenta in maniera esponenziale la partecipazione alle proteste pubbliche: bloccata anche la penisola di Kowloon.

    Hong Kong (AsiaNews) - La violenza della polizia contro gli studenti "si è rivelata un boomerang per il governo. Vedere gli agenti caricare dei giovanissimi, tutti con le mani alzate e tutti pacifici, ha sconvolto la popolazione. Che ora risponde con una maggiore partecipazione alle proteste pubbliche: al momento non solo la parte centrale di Hong Kong, ma anche gli snodi cruciali della penisola di Kowloon sono bloccati dai manifestanti". Lo dice ad AsiaNews una fonte cattolica, anonima per motivi di sicurezza, che vive e lavora nel Territorio.

    L'uso della forza da parte degli agenti anti-sommossa e il lancio di lacrimogeni hanno segnato uno spartiacque nelle proteste di Hong Kong per ottenere democrazia da Pechino: "Anche se la maggior parte della popolazione vuole davvero ottenere libertà dalla Cina continentale, prima in molti erano titubanti all'idea di unirsi alle proteste di Occupy Central [movimento democratico che propone da circa un anno manifestazioni pubbliche e blocchi stradali per ottenere la riforma politica dell'ex colonia ndr]. Ora le cose sono cambiate: la gente è rimasta davvero sconvolta da quanto è avvenuto e vuole far sentire la propria voce".  

    La polizia e il governo locale, riprende la fonte, "pensavano di risolvere tutto fra sabato e domenica sera, liberando il campo in maniera pulita e indolore. Invece oggi le manifestazioni sono riprese con più convinzione: Kowloon, Nathan Road, Mong Kok, Central: è tutto occupato. Non ci sono sigle precise, non c'è una organizzazione unitaria: è la voce del popolo in piazza".

    Le proteste pacifiche organizzate da Occupy sono riprese dopo il pronunciamento dell'Assemblea nazionale del Popolo cinese, che lo scorso 1 settembre ha di fatto eliminato la possibilità di una riforma democratica per la politica di Hong Kong. Agli scioperi indetti dal gruppo si è unita la Federazione degli studenti, che ha proclamato una settimana di sciopero delle lezioni dal 22 al 29 settembre: a loro si sono affiancati persino gli studenti liceali. Dopo gli sgomberi violenti della polizia e l'arresto di alcuni giovani leader studenteschi, i vertici di Occupy hanno deciso di scendere in piazza a sostegno dei ragazzi. Gli agenti hanno risposto con maggiori violenze.

    Il potere di Pechino, riprende la fonte, "ha emanato delle regole per Hong Kong che non lasciano spazio di manovra o di contrattazione. Ma quello che ha fatto infuriare di più è stato il comportamento del capo dell'esecutivo, Leung Chun-ying, che si è mosso in maniera sprezzante sia nei confronti degli studenti che dei dimostranti. Ora, l'unico sbocco possibile è rappresentato dalle dimissioni di Leung: la Cina potrebbe sacrificarlo per non perdere la faccia e ottenere in cambio una pacificazione della situazione".

    Questo non apre grandi speranze per il futuro: "Non penso che Pechino possa fare marcia indietro sul senso della riforma, ma di sicuro ha capito che deve concedere qualcosa alla popolazione. E Leung non è stato capace o non ha voluto dare una valutazione reale della situazione locale. Per questo, se dovesse lasciare si potrebbe aprire una trattativa pacifica".  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/09/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, funzionario pro-Cina: Gli studenti in sciopero sono come i mafiosi delle triadi
    Wong Kwan-yu, membro dell'Alleanza per la pace e la democrazia (vicina a Pechino), minaccia una campagna di diffamazione e denunce nei confronti di coloro che decideranno di boicottare le lezioni per chiedere vera democrazia per Hong Kong. E accosta i manifestanti alle gang criminali. Benny Tai, co-fondatore di Occupy, risponde: "Siamo soltanto all'inizio, arriveranno altre manifestazioni per il suffragio universale".

    12/09/2014 HONG KONG - CINA
    Occupy Central: Pronto "un ricco banchetto" per la democrazia di Hong Kong
    Le "portate" sono azioni di disobbedienza civile, pacifiche e di valore dimostrativo, su base quasi settimanale. Si inizia con uno striscione nero di 500 metri, per esprimere il dolore della cittadinanza dopo le decisioni di Pechino sul suffragio universale. Accademico cinese: "La Cina può restringere ancora la libertà del Territorio". La Chiesa cattolica sostiene lo sciopero degli studenti.

    16/09/2014 CINA - HONG KONG
    Presidente dell'Anp: la proposta democratica di Pechino "ha l'appoggio di tutta Hong Kong"
    Zhang Dejiang, capo del Parlamento fantoccio cinese e "numero 3" dell'esecutivo centrale, difende il decreto che impedisce elezioni democratiche sul Territorio: "Abbiamo ascoltato tutte le fasce sociali, siamo tutti d'accordo". Continuano le proteste di Occupy Central.

    27/10/2014 HONG KONG-CINA
    Hong Kong dopo la rivoluzione
    Il movimento democratico Occupy Central ha spaventato Pechino molto più della breve Rivoluzione dei Gelsomini. Il governo teme una "infiltrazione democratica" dal Territorio e userà ogni carta a disposizione, compresa quella economica, per fermarla. Ma così facendo rischia di distruggere la realtà più dinamica e innovativa del Paese. Un'analisi del grande esperto di Cina, per gentile concessione della Jamestown Foundation. Traduzione a cura di AsiaNews.

    17/10/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, la polizia sgombera Mong Kok. Attesa e dubbi sui dialoghi col governo
    L'operazione di sgombero condotta all'alba. Rimangono occupate solo la carreggiata verso sud di Nathan Road e un piccolo settore di Causeway Bay. Studenti verso la trattativa, ma "il governo userà qualche trucco". Lee Cheuk-yan: "Inutile discutere se non si vogliono fare concessioni".



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®