15/07/2014, 00.00
HONG KONG - CINA

Il governo di Hong Kong "cancella" Occupy Central dal suo rapporto a Pechino

di Paul Wang
Il rapporto doveva nascere da cinque mesi di confronto nella popolazione. I risultati sono quelli voluti da Pechino. Secondo il capo dell'esecutivo "l'opinione dominante" è che non cambi nulla. Il movimento di Occupy Central apprezzato e sostenuto dal card. Zen e dai tre nuovi vescovi ausiliari.

Hong Kong (AsiaNews) - Nel suo rapporto sui desideri di democrazia che la popolazione di Hong Kong nutre, il capo dell'esecutivo Leung Chun-ying non ha nemmeno nominato il movimento Occupy Central, né le marce per la democrazia, né le pressioni di accademici, imprenditori e politici sul bisogno di garantire il suffragio universale nel territorio.

I rapporti in realtà sono due - molto simili: quello della segretaria generale Carrie Lam, presentato oggi al Legislative Council (Legco, il miniparlamento di Hong Kong) e quello  che il governatore presenterà al Comitato permanente dell'Assemblea nazionale del popolo di Pechino.

In entrambi i casi si legge che secondo il governatore, "l'opinione dominante" nel territorio è che l'elezione del capo dell'esecutivo avvenga come adesso, ossia attraverso un comitato di 1200 persone - più o meno - in maggioranza scelte da Pechino stessa.

Nei mesi scorsi, il movimento Occupy Central era riuscito a sensibilizzare la popolazione a chiedere il suffragio universale, ossia l'elezione diretta del capo dell'esecutivo. Per questo essi hanno organizzato sit-in, e perfino un referendum non ufficiale a cui hanno partecipato ben 800mila persone. Giorni dopo almeno 510 mila persone hanno partecipato a una marcia per la democrazia del primo luglio. Per il capo dell'esecutivo questa enorme massa di persone sono soltanto "alcune  visioni divergenti" nemmeno degne di essere citate per nome.

Il rapporto pretende di affermare pure che fra la gente non si sente "alcun bisogno" a rendere più democratico il Legco, in cui solo la metà dei parlamentari è votata dal pubblico in modo diretto.

Seguendo passo passo il desiderio e le espressioni di Pechino, il rapporto spiega che il nuovo capo dell'esecutivo, che dovrebbe salire in carica nel 2017, deve "amare la nazione [la Cina], amare Hong Kong".

Nei giorni scorsi, il card. Joseph Zen e i tre nuovi vescovi ausiliari della diocesi hanno sostenuto le battaglie per la democrazia. I vescovi avevano anche domandato al governatore di ritardare la presentazione del rapporto a Pechino, per permettere un dialogo più approfondito con la popolazione.

Il rapporto del capo dell'esecutivo, ufficialmente è stato preceduto da cinque mesi di consultazione con il pubblico, ma il commento fra la gente di Hong Kong è che "il risultato poteva essere scritto già cinque mesi fa": la consultazione non c'è stata o è stata fittizia.

 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Hong Kong, attivisti filo-cinesi in piazza contro il movimento pro-democrazia Occupy Central
18/08/2014
Pechino si prepara a reprimere il movimento democratico di Hong Kong
27/08/2014
Card. Zen: Sto con gli studenti di Hong Kong, uniti per la democrazia, finché "non saremo dispersi o arrestati"
07/10/2014
Pechino agli Usa: Hong Kong è un affare interno. Occupy Central chiede le dimissioni di Leung Chun-ying
02/10/2014
I leader di Pechino discutono sul futuro di Hong Kong. Occupy Central si prepara a "ondate" di proteste
25/08/2014