16/07/2012, 00.00
PAKISTAN

Punjab, cristiani condannano l’uccisione per blasfemia di un musulmano

Imran Morris
Tremila persone, molti provenienti da madrasse, hanno dato fuoco a Ghulam Abbas per aver strappato le pagine del Corano. La vittima era un disabile mentale. Attivista cristiano: sconvolgente il silenzio di autorità e polizia.

Lahore (AsiaNews) - Cristiani pakistani condannano il silenzio del governo del Punjab sulla morte di Ghulam Abbas, un musulmano disabile mentale bruciato vivo da 3mila persone per blasfemia. Per Safraz Clement, cristiano e attivista sociale, "è sconvolgente che la polizia non abbia arrestato ancora nessuno, nonostante esista una denuncia a carico degli aggressori".

La vittima, un mendicante sui 40 anni, aveva strappato alcune pagine del Corano ed era stato arrestato dalla polizia di Chani Ghot (regione meridionale del Punjab) per essere sottoposto a un interrogatorio. Diffusasi la notizia del suo gesto tra le moschee della regione, nel giro di poche ore circa 3mila persone si sono radunate dinanzi alla stazione di polizia, chiedendone la morte. Composta per lo più da studenti delle madrasse locali, la folla è diventata violenta e ha fatto irruzione nell'edificio, ferendo sette agenti e bruciando diverse automobili. Una volta trovato l'uomo, gli aggressori lo hanno trascinato fuori, pestato a sangue e infine gli hanno dato fuoco.

I cristiani notano come la legge contro la blasfemia è ormai diventata una patente per uccidere, dal momento che è sufficiente l'accusa di aver insultato il Corano o il profeta Maometto  per diventare vittima di fondamentalisti. 

 

Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Punjab, musulmani attaccano un villaggio cristiano
16/04/2011
Centinaia di musulmani assaltano le case di 100 cristiani nel Punjab
02/07/2009
Asia Bibi, parla l'avvocato: Il governo pakistano è l’unico responsabile di questa situazione
03/08/2015
Leader cristiani e società civile: basta con gli abusi della legge sulla blasfemia
20/03/2018 13:49
Asia Bibi: accendete una candela per lei il 20 aprile, chiede la Fondazione cristiana del Pakistan
13/04/2011