15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 25/09/2017, 15.56

    MYANMAR

    Rakhine, scoperta fossa comune con i corpi di 28 indù. L’esercito accusa i Rohingya



    Rinvenuti i corpi di 20 donne e otto uomini, tra cui sei bambini sotto i 10 anni. Le Forze armate: “Uccisi con crudeltà e violenza dai terroristi bengali”. Circa 30 mila indù e buddisti sfollati nei campi profughi. Accusano le Nazioni Unite e le organizzazioni straniere di aiutare solo i musulmani Rohingya. Rallenta l’esodo dei profughi in Bangladesh. Migliaia sono ancora bloccati in Myanmar.

    Yangon (AsiaNews/Agenzie) – L’esercito birmano annuncia la scoperta di una fossa comune contenente i corpi di 28 indù, comprese donne e bambini. Nel frattempo, rallenta l’esodo dei profughi in Bangladesh, sebbene i media riportano che decine di migliaia di Rohingya restano intrappolati sulle spiagge e nelle foreste del Myanmar, in attesa di fuggire.

    I vertici delle Forze armate birmane hanno annunciato ieri la macabra scoperta. Il villaggio dove è avvenuto il ritrovamento si trova vicino ad un raggruppamento di comunità indù e musulmane nel Rakhine settentrionale, chiamato Kha Maung Seik. Nei pressi del villaggio di Ye Baw Kya, i militari hanno rinvenuto i corpi di 20 donne e otto uomini, tra cui sei bambini sotto i 10 anni, “uccisi con crudeltà e violenza dai terroristi bengali dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa)”.

    Dall’inizio degli scontri, circa 30 mila indù e buddisti residenti nella zona sono stati sfollati nei campi profughi allestiti da esercito e governo. Essi denunciano le violenze subite dai militanti Rohingya e raccontano che molti tra i gruppi etnici sono stati uccisi da musulmani, che hanno anche rapito e trascinato nelle foreste donne e bambini.

    La scoperta della fossa comune rischia di fomentare l'odio tra le diverse comunità del Rakhine. Gli operatori umanitari affermano di riscontrare la crescente ostilità dei buddhisti etnici, che accusano le Nazioni Unite e le organizzazioni straniere di aiutare solo i musulmani Rohingya, ignorando i bisogni degli altri gruppi. Il governo del Myanmar ha concesso solo alla Croce Rossa di accedere alla zona interessata dal conflitto. L'Onu ha sospeso le proprie attività, in seguito alle accuse di aver sostenuto gli insorti.

    Nel frattempo, il massiccio esodo dei musulmani Rohingya dal Myanmar in Bangladesh sembra essere rallentato. Tuttavia, profughi che sono riusciti ad attraversare il confine affermano che vi sono ancora decine di migliaia di persone nei pressi di spiagge o foreste, in attesa di fuggire. Alcuni Rohingya riferiscono che i soldati dell’esercito birmano sparano a coloro che cercavano di fuggire in Bangladesh. Altri raccontano che migliaia sono ancora bloccati in Myanmar perché la maggior parte dei barcaioli ha già attraversato il fiume Naf, mentre i soldati bruciano le restanti barche.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/11/2017 11:40:00 MYANMAR
    Rakhine, militante Rohingya: ‘Siamo in migliaia e ben armati’

    Tra le fila dell’Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) 5mila guerriglieri. Solo i giovani Rohingya si sottopongono all’addestramento. Il reclutamento nei villaggi iniziato più di tre anni fa. Le azioni dello scorso agosto pianificate da mesi. Alle violenze hanno preso parte anche gli abitanti dei villaggi musulmani. Almeno 150 jihadisti hanno trovato rifugio nei 15 campi profughi di Cox’s Bazar, Bangladesh.



    28/09/2017 12:51:00 MYANMAR
    Rakhine, i militanti Rohingya negano i massacri degli indù: ‘Noi colpevolizzati’

    L’Arsa smentisce “ omicidi, violenze sessuali o reclutamenti forzati”. Gli abitanti del villaggio indù di Ye Baw Kya raccontano che le vittime sono oltre 100, i dispersi 48. Donne forzate alla conversione e al matrimonio. Oltre 400 villaggi Rohingya dati alle fiamme, il governo del Myanmar sovrintenderà la ricostruzione. Rilasciati ai rappresentanti delle agenzie dell’Onu i permessi per visitare il Rakhine.



    07/09/2017 12:11:00 MYANMAR
    Rakhine, Yangon: ‘Mosca e Pechino per bloccare la risoluzione Onu’

    Negoziazioni in corso con i due membri permanenti del Consiglio di sicurezza. Il consulente per la sicurezza nazionale Thaung Tun: “La questione non andrà avanti”. Il governo respinge le accuse di pulizia etnica e denuncia “disinformazione”. I militanti Rohingya hanno dato alle fiamme 59 villaggi. Più di 26mila tribali in fuga dal Rakhine.



    02/09/2017 10:11:00 BANGLADESH
    Cox’s Bazar, nel campo profughi dei Rohingya. Storie di violenze e dolore (Video e Foto)

    Nella città di Ukhiya sono ammassate circa 20mila persone. Poche Ong distribuiscono cibo e tende. Sul volto e sui corpi degli sfollati, i segni delle torture subite e dell’angoscia. Un profugo: “Il Bangladesh è un Paese musulmano e quindi spero che ci dia rifugio”. Il reportage dal nostro inviato.



    11/09/2017 09:01:00 MYANMAR
    Rakhine, il governo respinge il cessate il fuoco offerto dai militanti Rohingya

    Il portavoce della leader birmana Aung San Suu Kyi: “Non negoziamo con i terroristi”. L'Arakan Rohingya Salvation Army (Arsa) annuncia la tregua fino al 9 ottobre per fini umanitari. Esercito: uccisi finora quasi 400 militanti islamici. L'esodo di circa 300mila Rohingya verso il Bangladesh. Gli sfollati tra i gruppi etnici sono 30mila.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®