11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/09/2011, 00.00

    PAKISTAN

    Rapporto annuale di Giustizia e pace: violenze e abusi contro le minoranze pakistane



    Lo Human Rights Monitor 2011 di Ncjp racconta non solo i casi di violazione ai diritti umani, ma elabora anche proposte per migliorare la società e il Paese. Esso contiene casi emblematici di persecuzione e i dati relativi a omicidi, incriminazioni per blasfemia e persecuzioni verso i non musulmani. Nel 2010, 40 persone incriminate per blasfemia; 37 gli uccisi.
    Lahore (AsiaNews) – Un rapporto dettagliato delle violenze contro le minoranze religiose in Pakistan nel 2010 e i primi mesi di quest’anno, oltre che uno specchio sulla realtà del Paese e una serie di proposte per garantire maggiori diritti e libertà per tutti i cittadini. È quanto emerge dallo Human Rights Monitor 2011, il rapporto annuale curato dalla Commissione nazionale di Giustizia e pace (Ncjp) della Chiesa cattolica pakistana, e distribuito in questi giorni. Nella sua prefazione Peter Jacob, segretario esecutivo Ncjp, ricorda il colloquio con l’attivista e giornalista pakistano Aziz Siddiqui, in seguito al quale nel 1997 è uscita la prima edizione del Rapporto. “Ncjp ha continuato a pubblicare il documento in tutti questi anni – scrive Jacob – tra risorse e possibilità economiche limitate […] Il viaggio volto a migliorare la condizione degli uomini e ad affermare la dignità dell’essere umano deve proseguire con zelo e con tutte i mezzi possibili”.

    Il rapporto 2011 contiene racconti, commenti, denunce di discriminazioni sociali; espropri forzati di terreni ed evizioni; attacchi a chiese e luoghi di culto; violazioni alla libertà religiosa, conversioni forzate, episodi di discriminazione e razzismo verbale, leggi che violano i diritti delle minoranze; crimini contro le donne, abusi delle forze dell’ordine e commistioni politiche; infine, una sezione dedicata alle leggi sulla blasfemia, che continuano a mietere vittime fra musulmani e non in Pakistan. Fra gli altri, sono descritti alcuni casi emblematici di violenze e morte causati dalla “legge nera”: un aggiornamento sull’omicidio di Robert Fanish Masih, cristiano accusato di blasfemia e morto in carcere (cfr. AsiaNews 17/09/2009 Punjab, ucciso in carcere il giovane cristiano accusato di blasfemia) e sulla vicenda di Asia Bibi, 45enne cristiana e madre di cinque figli condannata a morte per blasfemia (cfr. AsiaNews 15/11/2010 Cristiani, musulmani, ong per la vita di Asia Bibi. La legge sulla blasfemia è “oscena”); l’assassinio del governatore del Punjab Salman Taseer (cfr. AsiaNews 04/01/2011 Assassinato il governatore del Punjab. Aveva chiesto la grazia per Asia Bibi); la morte di due fratelli cristiani, imputati per blasfemia e uccisi davanti al tribunale (cfr. AsiaNews 19/07/2010 Faisalabad: uccisi due fratelli cristiani a processo per blasfemia).

    Abusi, vessazioni, violenze psicologiche e fisiche colpiscono i cristiani, insieme a cittadini appartenenti ad altre minoranze fra cui quella indù, i sikh e soprattutto gli ahmadi, setta musulmana considerata eretica perché non riconosce Maometto come ultimo profeta. Vi sono poi i casi di attacchi alle donne, fra le mura domestiche e sul luogo di lavoro, oppure sequestrate e costrette a prostituirsi, e ancora a sposare con la forza uomini musulmani convertendosi all’islam. Secondo i dati contenuto nel rapporto, nel 2010 almeno 40 persone sono state incriminate per blasfemia. Tra queste vi sono 15 cristiani, 10 musulmani e 6 ahmadi. Le persone assassinate con il pretesto della “legge nera” sono invece 37, fra cui 18 cristiani e 16 musulmani. Dal 1986 – anno dell’entrata in vigore – al 2010 le persone imputate per blasfemia sono state 1081, di cui 138 cristiani, 468 musulmani e 454 ahmadi. Infine, solo nello scorso anno vi sono stati 32 casi di conversioni forzate dal cristianesimo all’islam, su un totale di 43.(DS)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/05/2010 PAKISTAN
    Lahore: cristiani accusati di blasfemia, costretti ad abbandonare le loro case
    Cinque giovani avrebbero “profanato” uno stendardo contenente versetti tratti dal Corano. Per evitare il processo e tensioni fra cristiani e musulmani, essi hanno dovuto lasciare le abitazioni. Il 26 maggio la sentenza per Matha Bibi, 45enne madre di sei figli, accusata di aver diffamato il profeta Maometto. La donna rischia la condanna a morte.

    13/12/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
    In concomitanza con la Giornata universale per i diritti umani, celebrata il 10 dicembre, oltre 150 persone hanno aderito a una marcia di sensibilizzazione. In tutto il Pakistan si sono tenuti incontri, mostre, seminari per veicolare un messaggio di “uguaglianza” e “unità nella diversità”. Attivista: la discriminazione alla radice di tutti i conflitti.

    21/11/2011 PAKISTAN
    Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
    Sacerdote cattolico esprime riconoscenza alla comunità musulmana, che ha svolto "indagini approfondite" prima di emettere la condanna. E auspica che "la cultura della pace e dell'armonia religiosa" possa sempre prevalere. Protagonista della vicenda una donna cristiana, incriminata in base alla legge nera nel corso di una controversia legale.

    04/11/2011 PAKISTAN
    Leader cristiano pakistano: per le minoranze, un partito forte e radicato
    Cornelius Mohsin, imprenditore con la passione della politica, vive da anni negli Usa. Amico e collaboratore di Shahbaz Bhatti, potrebbe tornare nel Paese di origine e contribuire alla nascita di un movimento politico che promuova i diritti delle minoranze e una migliore scolarizzazione. Il progetto è accolto con favore dal vescovo di Islamabad, che assicura il sostegno dei cattolici.

    12/05/2011 PAKISTAN
    Mons. Saldanha: cristiani pakistani, sotto le violenze riscoprono Dio
    La loro situazione è difficile e gravosa, molti appartengono a classi sociali basse, svolgono lavori umili e vengono emarginati. Spesso le relazioni con i musulmani sono tra “servo e padrone”. Arcivescovo emerito di Lahore: senso di inquietudine e paura, ma la Chiesa è fonte di “consolazione”.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®