18/12/2014, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Rinviate, ma non cancellate, le "riconversioni di Natale" dei radicali indù

La Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss) fa un passo indietro per non interferire con la sessione parlamentare in corso, ma giura di convertire 5mila famiglie cristiane e musulmane "entro la fine dell'anno". L'opposizione chiede al Primo ministro di esprimersi contro il progetto, ma il partito di maggioranza dice di no.

New Delhi (AsiaNews/Agenzie) - Nonostante l'insistenza dei partiti dell'opposizione, il Primo ministro dell'India Narendra Modi non interverrà in Parlamento riguardo i casi di conversioni forzate perpetrati da alcuni gruppi nazionalisti indù del Paese. Intanto, la Rashtriya Swayamsevak Sangh (Rss), gruppo paramilitare radicale indù, ha sottolineato che le "riconversioni di Natale" in programma ad Aligarh (Uttar Pradesh) non sono state cancellate, ma solo rimandate alla fine del 2014.

Dopo la conversione all'induismo di circa 300 musulmani in cambio di cibo e soldi, l'opposizione ha presentato un'interrogazione parlamentare, in cui punta il dito contro il Bharatiya Janata Party (Bjp), partito ultranazionalista indù alla guida del governo centrale. In effetti, il Bjp è legato a filo doppio a gruppi come la Rss o il Bajrang Dal, artefici di violenze contro le minoranze etnico-religiose del Paese.

Tuttavia, il 15 dicembre scorso Modi avrebbe incontrato in segreto alcuni membri chiave del partito, chiedendo loro di non cedere alle pressioni dell'opposizione. "Noi [il governo] non abbiamo fatto alcun errore. Perché dovremmo sentirci in colpa?", rivela una fonte citata dall'Hindustan Times. Inoltre, afferma ancora la fonte, Modi avrebbe istruito alcuni suoi fedelissimi a raccogliere informazioni contro l'opposizione.

La preoccupazione di Modi e del Bjp è legata alla sessione invernale (winter session) del Parlamento indiano ora in corso. Essa è l'ultima dell'anno e il governo spera di far passare alcune riforme chiave, osteggiate però dall'opposizione.

Anche per questo il Dharm Jagran Samiti, gruppo affiliato alla Rss, avrebbe cancellato la cerimonia di ghar wapsi ("ritornare a casa"), come è chiamato il progetto di riconversione delle minoranze all'induismo. Tuttavia, uno degli organizzatori ha tenuto a specificare che la cerimonia di massa prevista ad Aligarh il giorno di Natale "è stata rimandata, non cancellata". Il loro obiettivo è convertire centinaia di migliaia di cristiani e musulmani.

Il Bjp ha preso le distanze da queste riconversioni. Tuttavia un suo parlamentare eletto in Uttar Pradesh, Yogi Adityanath, ha dichiarato di essere pronto a partecipare alla cerimonia. E il presidente del distretto, Devraj Singh, ha specificato: "Non stiamo allestendo questa cerimonia, ma se gli organizzatori - incluso il Bajrang Dal - cercano il nostro aiuto in tal senso, noi faremo senz'altro il possibile per aiutarli". 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovo indiano: Le "riconversioni" sono uno schiaffo alla democrazia e alla dignità umana
15/12/2014
Sajan K George: 98 tribali cristiani riconvertiti all’induismo ‘con la forza’
05/02/2019 08:56
Radicali nazionalisti rivendicano: 98 tribali cristiani ‘riconvertiti all’induismo’
23/01/2019 09:08
West Bengal, denunciati due leader radicali indù per le "riconversioni" di cristiani e musulmani
30/01/2015
Madhya Pradesh, chiuso un collegio cattolico. Vescovo di Sagar: Vogliono cacciare i cristiani
20/09/2017 10:34