23 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/06/2017, 14.18

    IRAQ

    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive



    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     

    Erbil (AsiaNews) - “Se Dio vuole”, il rientro del “primo gruppo” di rifugiati cristiani a Karamles, una delle cittadine della piana di Ninive a lungo sotto il dominio dei jihadisti dello Stato islamico (SI, ex Isis), è previsto “per la fine di questo mese”. È quanto afferma ad AsiaNews don Paolo Thabit Mekko, raccontando l’opera di ricostruzione avviata nei mesi scorsi e che potrebbe portare, a breve, a un rientro atteso a lungo dalle famiglie di sfollati. “I progetti avviati sinora - aggiunge il sacerdote, che segue in prima persona i lavori a Karamles - dovrebbero proseguire senza intoppi, sempre che i benefattori e le Ong in campo continueranno a garantire il loro contributo”. 

    A fronte di un cauto ottimismo, don Paolo sottolinea che “finora non si è fatto ancora nulla” in un’ottica di ricostruzione completa della cittadina. Per questo “servono ancora aiuti significativi”, per “accorciare i tempi di realizzazione” dell'opera. “Dobbiamo fare in fretta - spiega il sacerdote caldeo - altrimenti la voglia e l’entusiasmo verranno meno”. 

    Il primo obiettivo, aggiunge, è quello di “restaurare le case che presentano i danni minori” e che possono essere aggiustate in un breve arco di tempo. Tuttavia, i bisogni “sono molteplici” e non semplici da soddisfare. “Servono cibo, medicine - prosegue - oltre che energia elettrica per far funzionare i generatori e purificare l’acqua”. Un problema, quest’ultimo, che si fa sempre più urgente con l’arrivo dell’estate e il picco delle temperature. 

    Oltre che seguire i lavori di ricostruzione a Karamles, don Paolo è responsabile del campo profughi “Occhi di Erbil”, alla periferia della capitale del Kurdistan irakeno, dove hanno trovato accoglienza centinaia di migliaia di cristiani, musulmani e yazidi sfuggiti alla barbarie dell’Isis. La struttura ospita 140 famiglie, circa 700 persone in tutto, con 46 mini-appartamenti e un’area per la raccolta e distribuzione di aiuti. A questo si sono aggiunti un asilo nido, una scuola materna e una secondaria.

    I fondi sinora raccolti per la rinascita di Karamles sono frutto degli stanziamenti fatti in questi mesi dal Patriarcato caldeo, cui si sommano i contributi di alcuni benefattori locali e internazionali. “Ma i bisogni sono molteplici - ricorda don Paolo - e per questo rinnoviamo il nostro appello per gli aiuti, ricordando anche questo processo di ricostruzione ha bisogno dell’aiuto di tutti. Materiale e non, anche attraverso la preghiera e il sostegno”. 

    Il progetto iniziale prevede la sistemazione di un primo gruppo di 50 case, danneggiate in parte in seguito all’invasione dello Stato islamico. “Queste abitazioni - racconta don Paolo - costano meno, perché necessitano di riparazioni a porte, finestre o altri elementi con danni superficiali”. L’ufficio della ricostruzione di Karamles, che fa capo al Patriarcato caldeo e ne esercita il controllo attraverso la Lega Caldea, ha affidato “questi lavori di restauro a operai e lavoratori originari proprio di Karamles”. Alcuni di loro “percorrono tutti i giorni” il tragitto che separa Erbil dalla cittadina della piana di Ninive. Inoltre, “la parrocchia ha allestito un centro per gli operai che preferiscono soggiornare nella cittadina, offrendo loro cibo e un riparo per dormire. In questo modo è possibile risparmiare tempo e denaro e accelerare i tempi di ricostruzione”. 

    Don Paolo spiega che il problema maggiore è il ripristino delle case bruciate per intero, per le quali “non vi sono ancora fondi sufficienti”. Resta il fatto che questi primi passi per la rinascita di Karamles “sono fonte di speranza” per questa e altre cittadine della piana di Ninive e “creano un’atmosfera di entusiasmo in vista di un possibile ritorno.

    La stessa Chiesa caldea, per bocca del patriarca Sako, incoraggia “ad andare più veloci e finire i lavori il prima possibile”; il prelato invita al tempo stesso i profughi “ad avere ancora pazienza e mantenere salda la fede e la speranza” per un futuro di “pace e sicurezza”. Il ritorno, conclude il sacerdote, significa “recuperare la propria esistenza e avere di nuovo una vita, una identità, una spiritualità che sembravano perdute”. La frase più ricorrente pronunciata dalle famiglie è: “Risorgeremo quando torneremo a Karamles, Avremo un tetto solo quanto potremo tornare nelle nostre case, anche se qui in Kurdistan non siamo più nelle tende. Ma la vera casa è Karemles”.(DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/05/2017 12:49:00 IRAQ
    Piana di Ninive, no del patriarcato caldeo all'enclave cristiana rilanciata da vescovi siri

    Un prelato siro-cattolico e due siro-ortodossi rilanciano l’idea di un’area protetta per i cristiani nel nord. E chiedono autonomia amministrativa e protezione internazionale. Una posizione che non rappresenta la linea del patriarca Sako. Dai caldei e dalla Chiesa irakena l’invito all’unità territoriale, contro la trappola dei ghetti.

     



    29/05/2015 IRAQ - IRAN
    Mar Sako: Oltre la guerra, per un futuro di dialogo e riconciliazione fra cristiani e musulmani
    Il patriarca di Baghdad guarda al futuro dei cristiani in Medio oriente, che sarà “ancora migliore” quando finiranno i conflitti. Attraverso AsiaNews esorta a lavorare “con la pazienza e la preghiera” e ricorda il ruolo di “ponte” dei cristiani fra fedi e culture. Dal viaggio pastorale in Iran il conforto di una comunità viva “che può crescere” e la proposta di un “comitato misto” islamo-cristiano.

    28/05/2015 IRAQ - IRAN
    Patriarca di Baghdad: caldei dell’Iran, “luce, sale e lievito” nella Chiesa di Persia
    Dal 12 al 24 maggio scorso Mar Sako ha compiuto una visita pastorale a Teheran e Urmia, in Iran, incontrando personalità politiche e religiose, cristiane e musulmane. Sua Beatitudine sottolinea la presenza storica dei cristiani in Iran, una presenza che precede l’islam. Egli invita i fedeli a “stare vicini al vostro Paese” e “rafforzarvi per qualità e non per numero”.

    08/07/2016 12:22:00 IRAQ
    Ancora morti in Iraq, patriarca Sako: cristiani e musulmani uniti contro il terrorismo

    La Chiesa caldea ha organizzato una veglia di preghiera per le vittime della strage di Baghdad. Il numero dei morti è salito a 292. E non si fermano le violenze: 30 morti e 50 feriti in un attentato al santuario sciita di Balad. Mar Sako: Crimini che rinnegano i valori delle religioni e conducono i loro autori “all’inferno, non in paradiso”. 



    06/07/2016 08:55:00 IRAQ
    La strage di Baghdad, il "peggior attentato dall’invasione americana del 2003"

    Il bilancio delle vittime dell’attacco del 3 luglio a Karrada è salito a 250. Molti dei feriti sono stati dimessi. I casi più gravi trasferiti in strutture all’estero. Cittadini organizzano fiaccolate e preghiere per la pace. Per l’Eid al-Fitr il patriarca caldeo chiede ai “fratelli musulmani” di condannare una visione “deviata e distorta” della fede. 





    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®